Il corpo di Jamal Khashoggi

| Un emittente televisiva cinese, ripresa da numerosi media internazionali, ha diffuso le immagini delle telecamere a circuito chiuso: mostrano alcuni uomini che escono dal consolato con borse e valigie

+ Miei preferiti
È stata la “CCTV” (China Central Television) a mostrare le immagini delle telecamere a circuito chiuso delle valigie che presumibilmente contenevano parti del corpo di Jamal Khashoggi trasportate il giorno in cui è stato ucciso nella residenza del console saudita, a poca distanza dal consolato di Istanbul. Le immagini mostrano tre uomini che trasportano cinque valigie e due grandi borse nere.

Citando fonti turche anonime, la rete “A-Haber” ha riferito che il corpo smembrato del giornalista 59enne si trovava all’interno delle valigie e delle borse. 

Khashoggi, editorialista del “Washington Post”, è stato ucciso il 2 ottobre in quella che Riyadh ha definito un’operazione “canaglia” che ha messo a dura prova i rapporti tra l’Arabia Saudita e l’Occidente.

L’ex insider saudita diventato critico verso il regime è stato strangolato prima di essere tagliato a pezzi da una squadra di 15 sauditi inviati a Istanbul per l’operazione, secondo le ricostruzioni dei funzionari turchi, e le parti del suo corpo sarebbero state sciolte nell’acido.

Il consolato e la residenza sono stati perquisiti dalle autorità turche in ottobre insieme a diversi altri luoghi, ma il corpo di Khashoggi non è mai stato ritrovato. Si è ipotizzato che il principe ereditario saudita Mohammed Bin Salman abbia ordinato l’omicidio, ma Riyadh ha assolto il leader de facto da ogni colpa, respingendo ripetutamente le richieste turche di estradare i sospetti legati all’omicidio del giornalista.

Il canale A-Haber ha riferito che borse e valigie sono state caricate su un minibus che ha percorso la breve distanza dal consolato ad un garage della residenza del console: alcuni uomini vengono poi visti mentre li portano dentro.

All’inizio della settimana, un nuovo resoconto degli ultimi istanti di vita di Khashoggi ha sostenuto che allo scrittore è stata offerta una tazza di tè che l’avrebbe drogato, prima di brutalmente assassinato. Il giornalista aveva deciso di lasciare l’Arabia Saudita per gli Stati Uniti nel settembre 2017, ma è stato attirato all’ambasciata di Istanbul lo scorso ottobre per ritirare alcuni documenti necessari per il suo matrimonio.

I dispositivi di ascolto installati all'interno dell’edificio dai servizi segreti turchi hanno catturato i dialoghi della “squadra della morte” che ha pianificato l’omicidio nei giorni precedenti. Un rapporto del Washington Post, dice che quando è arrivato al consolato, un membro della squadra ha chiesto “se volesse un tè”: nella risposta di Khashoggi si avverte un senso di disagio.

Poco dopo, un membro della squadra saudita ha detto al giornalista che sarebbe “tornato in Arabia Saudita”, prima di iniettargli una dose letale di sedativo. Le ultime sofferenze di Khashoggi si sentono sui nastri delle registrazioni, aggiungendo che non c’è nulla che suggerisca che la squadra avesse l’intenzione di prendere Khashoggi vivo.

Ulteriori rapporti che citano coloro che hanno ascoltato le registrazioni sostengono che le ultime parole di Khashoggi state “non riesco a respirare”. Pochi istanti dopo che i suoi sussulti si sono attenuati, il silenzio cede il passo al suono sinistro di una sega elettrica, in linea con le notizie secondo cui il corpo di Khashoggi è stato smembrato. 

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ripetutamente detto che non rinuncerà al caso e ha criticato Riyadh per aver cambiato ripetutamente la sua storia. La Turchia ha cercato di estradare 18 sospetti, tra cui 15 membri di una presunta squadra di assassini.

All’inizio di questo mese, il Senato degli Stati Uniti ha approvato una risoluzione che ritiene Mohammed bin Salman responsabile dell’uccisione e chiede al governo dell’Arabia Saudita “un adeguato senso di responsabilità”.

Il passaggio è avvenuto poco dopo che il Senato ha approvato di porre fine al sostegno militare degli Stati Uniti per la guerra guidata dall’Arabia Saudita nello Yemen.

Trump ha detto che vuole che Washington sia al fianco del governo saudita e del principe, che descrive come un alleato chiave, nonostante la CIA abbia anche riferito che probabilmente è stato lui ad ordinare l’uccisione di Khashoggi. I funzionari sauditi hanno respinto le accuse. Il pubblico ministero saudita sta cercando di ottenere la pena di morte per cinque sospetti, mentre il regno cerca di contenere la più grande crisi politica della sua storia.

La scorsa settimana la rivista Time ha messo in copertina Jamal Khashoggi, nominandolo, insieme ad altri tre giornalisti “Persona dell’anno 2018” per aver difeso la verità di fronte alle persecuzioni e alla violenza.

Video
Video
Galleria fotografica
Il corpo di Jamal Khashoggi - immagine 1
Il corpo di Jamal Khashoggi - immagine 2
Il corpo di Jamal Khashoggi - immagine 3
Il corpo di Jamal Khashoggi - immagine 4
Il corpo di Jamal Khashoggi - immagine 5
Medio Oriente
Libia, traballa l'alleato di Conte
Libia, traballa l
L'Italia giallo-verde puntava sul presidente Al Serraj per difendere i nostri interessi in Libia ma il generale Haftar, sostenuto dai francesi, punta le sue colonne blindate verso Tripoli. Altro disastro diplomatico, dopo Venezuela e Cina
Lapidazioni e amputazioni nel Brunei
Lapidazioni e amputazioni nel Brunei
Entra in vigore fra pochi giorni il nuovo codice penale che prevede le pene corporali della sharia. Protesta delle organizzazione umanitaria
Iran, l'Inquisizione e il Terrore
Iran, l
Avvocato dei diritti umani condannata a 33 anni di carcere e 14 frustate. La denuncia del marito a sua volta sotto inchiesta. Giro di vite del regime dopo la nomina di un untraconservatore al vertice della Giustizia
Siria, uccisi 1106 bambini
Siria, uccisi 1106 bambini
Rapporto Onu, potrebbero essere molti di più. Usati come scudi umani, vittime di bombardamenti e coinvolti in scontri armati. Uccisi a scuola. Strage per ordigni inesplosi
Afghanistan, nel 2018 10mila morti negli attentati
Afghanistan, nel 2018 10mila morti negli attentati
Immenso sacrificio del popolo, ma Usa e Italia vogliono ritirare i loro contingenti da un Paese ancora segnato dalla violenza religiosa
Iran, sommergibili con missili Cruise
Iran, sommergibili con missili Cruise
Primi lanci in mare, minaccia incombente per Israele e i suoi alleati. Sottomarini attrezzati per missioni anche nel Mediterraneo
Il mitra d’oro, regalo al principe bin Salman
Il mitra d’oro, regalo al principe bin Salman
Il principe ereditario saudita l’ha ricevuto dal presidente pakistano Arif Alvi durante una visita di Stato a Islamabad. Il tour del discusso MBS prosegue in India e in Cina
Iran, eseguite 277 condanne a morte
Iran, eseguite 277 condanne a morte
Nel 2018 un calo rispetto al 2017 grazie alla riforma della legge sul traffico di droga che ha mitigato le pene, con 13 impiccati in pubblico. Torture, mutilazioni e frustate ancora praticate
La spia che tradito gli Usa per l'Iran
La spia che tradito gli Usa per l
Monica Witt, ex agente dell controspionaggio militare Usa ha trasmesso all'Iran dossier su colleghi e informazioni top secret. Ora è a Teheran, convertito all'Islam, Il mistero del suo contatto, "Individual A"
Le Termopili dei miliziani Isis
Le Termopili dei miliziani Isis
Gli ultimi soldati del Califfo Al-Baghdadi stretti in una morsa, circondati da soldati Usa e Peshmerga. Tra loro centinaia di combattenti provenienti dall'Europa chiusi nella roccaforte