Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa

| Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"

+ Miei preferiti
"Sarò io il premier del prossimo governo di unità nazionale": lo ha precisato il leader di Blu Bianco Benny Gantz (nella foto) in risposta a Benyamin Netanyahu. "Noi guideremo un governo di unità allargato e liberale, presieduto da me". "Blu Bianco - ha rilevato - ha vinto le elezioni e guiderà le trattative". "Sono rimasto sorpreso e deluso dal fatto che Gantz ancora si rifiuti di raccogliere il mio appello per un incontro. Questo è quanto il pubblico si aspetta", ha affermato a sua volta il premier uscente Netanyahu. "E' il caso di smetterla con gli espedienti politici ed i trucchetti", ha detto il leader di Israel Beitenu, Avigdor Lieberman rivolgendosi a Netanyahu. "Vediamo - ha detto - di sederci assieme tu, Gantz e io e di formare un governo nazionale liberale esteso". Ma la vittoria per un solo seggio in più rende dfficili le trattative. Riportiamo una parte dell'intervista di Agesir.it all'analista di affari internazionali del CESI, Lorenzo Marinone: " Nessuna delle due coalizioni possibili, sia quella a guida Likud del premier uscente Benjamin (Bibi) Netanyahu che l’altra che fa capo all’ex generale Benny Gantz con il partito Blu e Bianco, ha raggiunto la maggioranza dei seggi alla Knesset, vale a dire 61 su 120. Entrambi si fermano a pochi seggi dalla maggioranza. Ora vista la frammentazione della Knesset, il parlamento israeliano, sarà difficile recuperarli per poter aspirare al Governo. Tuttavia sarà bene ricordare che l’ultimo governo Netanyahu si è retto su una maggioranza estremamente risicata. Cosa accaduta anche il passate legislature. Questo ha dato modo ai partiti più piccoli di avanzare molte pretese, di rallentare l’azione di governo rendendo instabile qualsiasi esecutivo. Così se anche si raggiungesse quota 61 con qualche trasformismo dell’ultimo momento, questa sarebbe una maggioranza che non garantirebbe all’eventuale Governo una lunga durata o quantomeno una vita facile".

   

Medio Oriente
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Il tribunale di Riad condanna gli otto imputati ad una pena massima di 20 anni di carcere. Ma per l’Onu e la fidanzata del reporter ucciso, i mandanti sono ancora a piede libero
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
È il numero delle esecuzioni capitali di quest’anno, probabilmente destinato superare di gran lunga gli anni passati. La denuncia delle organizzazioni umanitarie, che accusano il mondo di assistere in silenzio