Israele attacca l'iraniana Force Qods

| Dopo le dichiarazioni di Teheran decisa a "distruggere Israele". Appello di Damasco: "Non reagite, ci stiamo difendendo". Missile iraniano contro località sciistica

+ Miei preferiti
L'esercito israeliano rivendica per la prima volta l'attacco contro obiettivi militari iraniani in Siria e intima alle autorità siriane di non fare ritorsioni contro Israele, dopo il bombardamento aereo diurno effettuato nei pressi dell'aeroporto internazionale di Damasco. Fino ad ora Israele non aveva mai ammesso operazioni militari nella vicina Siria. Obiettivo di Israele è la 'Forza Qods' iraniana in territorio siriano.
L'aviazione israeliana ha condotto un attacco contro obiettivi militari iraniani in Siria in risposta al lancio di ieri di un razzo terra-terra iraniano, lanciato verso una località sciistica israeliana sul Monte Hermon (alture del Golan), intercettato in volo. Le forze armate israeliane, ha avvertito il portavoce, "restano determinate ad agire per impedire il rafforzamento iraniano in Siria". L'aviazione israeliana ha colpito in Siria diversi obiettivi della forza 'Qods' iraniana fra cui "depositi di munizioni ed installazioni vicine all'aeroporto di Damasco, un sito dell'intelligence ed un campo di addestramento delle forze armate iraniane". Durante l'attacco verso i jet israeliani sono stati lanciati decine di razzi terra-aria siriani e di conseguenza sono state colpite anche batterie della difesa aerea siriana. Tutti gli aerei israeliani sono rientrati indenni alle loro basi.

Per ragioni prudenziali, il sito sciistico israeliano del Monte Hermon - dove ieri al momento del lancio del razzo iraniano si trovavano circa 5.000 escursionisti - oggi resterà chiuso. Nel suo comunicato, il portavoce militare afferma che "sparando verso Israele l'Iran ha dato la prova definitiva delle sue reali intenzioni in Siria" ed ha aggiunto che da parte sua il regime siriano resta responsabile per tutto quanto avviene nel suo territorio. "Il missile terra-terra di media gittata lanciato contro le Alture del Golan controllate da Israele è di produzione iraniana e non è mai stato usato all'interno della guerra in Siria. Quello di ieri sul Monte Hermon è stato un attacco premeditato in un'area dove c'erano migliaia di civili israeliani", ha spiegato il portavoce dell'Esercito di David.

Medio Oriente
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Il tribunale di Riad condanna gli otto imputati ad una pena massima di 20 anni di carcere. Ma per l’Onu e la fidanzata del reporter ucciso, i mandanti sono ancora a piede libero
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"