La spia che tradito gli Usa per l'Iran

| Monica Witt, ex agente dell controspionaggio militare Usa ha trasmesso all'Iran dossier su colleghi e informazioni top secret. Ora è a Teheran, convertito all'Islam, Il mistero del suo contatto, "Individual A"

+ Miei preferiti

Gli Stati Uniti hanno accusato una ex agente segreto dell'Intelligence dell'aviazione militare USA di spionaggio per l’Iran. Monica Witt, che era anche un ex ufficiale del controspionaggio per l'Ufficio delle indagini speciali dell'aviazione militare, disertò per sostenere l’Iran nel 2013. Witt fu reclutata dall'Iran, e che dopo aver disertato, avrebbe rivelato all'Iran l'esistenza di un "programma di raccolta di informazioni altamente classificate" e rese possibile l'identificazione di un agente dell'intelligence statunitense, "rischiando così la vita di questa persona", ha detto mercoledì l'assistente procuratore generale John Demers.

"È un giorno triste per l'America quando uno dei suoi cittadini tradisce il nostro paese", ha detto Demers ai giornalisti. "È ancora più triste quando questa persona, come membro delle forze armate americane, in precedenza invocava l'aiuto di Dio per portare la vera fede e fedeltà alla Costituzione degli Stati Uniti e per difendere il suo paese dai nemici stranieri. Monica Witt avrebbe fatto proprio questo".

Dal gennaio 2012 a maggio 2015 circa, in Iran e altrove al di fuori degli Stati Uniti, Witt ha cospirato con gli iraniani per fornire "documenti e informazioni relative alla difesa nazionale degli Stati Uniti, per fare un danno agli Stati Uniti e a vantaggio dell'Iran", si legge nell'atto d’accusa. Witt, 39 anni, ha anche "creato dossier contro agenti del governo americano e funzionari del controspionaggio”, afferma l'atto d’accusa. I funzionari del governo iraniano hanno fornito a Witt "beni e servizi, compresi alloggi e attrezzature informatiche", al fine di facilitare il suo lavoro per conto del governo iraniano dopo la sua defezione, ha detto l'atto d’accusa. Altri quattro iraniani sono accusati di cospirazione, tentativi di intrusione informatica e furto di identità aggravato per colpire "attraverso e altri mezzi cibernetici, almeno otto agenti del governo americano, che in una sola volta hanno lavorato o interagito con Monica Witt", ha detto Demers. I "cospiratori informatici", hanno lavorato per conto del Corpo delle Guardie rivoluzionarie iraniane, il potente ramo dell'esercito fondato dall'Ayatollah Khomeini dopo la rivoluzione iraniana del 1979. Witt "ha permesso al governo iraniano di identificare, rintracciare e neutralizzare gli agenti del controspionaggio statunitense".

Usando e-mail di phishing e falsi account Facebook creati a nome di uno degli ex colleghi di Witt, questi agenti iraniani hanno inviato richieste di amicizia ad altri suoi ex colleghi. Il loro obiettivo era quello di attirarli a cliccare su link di malware che "avrebbero fornito ai Cyber Conspiratori un accesso nascosto e persistente" al computer del bersaglio e a qualsiasi rete associata, ha detto l'atto d'accusa.

Un altro sforzo di phishing consisteva nell'inviare agli ex colleghi di Witt messaggi contenenti un link che sembrava essere a un notiziario internazionale e una breve nota che chiedeva se l'articolo riguardava il destinatario. Se cliccato, il link conduceva a una pagina controllata dai "Cyber Conspiratori”. L'atto d'accusa fornisce lo schema del percorso di Witt da agente speciale dell'Aeronautica Militare a traditore, ma riproduce messaggi di posta elettronica che mostrano cheaveva preso in considerazione di avvicinarsi alla Russia. "Sto iniziando ad essere frustrata dagli iraniani", ha scritto a un certo punto al suo contatto iraniano.

Witt ha prestato giuramento come agente speciale intorno all'agosto 1997 e ha ricoperto la posizione fino a marzo 2008 o intorno a marzo 2008, quando è diventata un funzionario governativo per l'Intelligence fino all'agosto 2010 circa. Le era consentito l'accesso a informazioni sulla difesa nazionale top secret e "sensibili e compartimentate" che includevano le operazioni di intelligence estera e di controspionaggio degli Stati Uniti e i veri nomi dei suoi agenti di intelligence e delle sue fonti all'estero.

Dal 2003 e 2008, il lavoro di Witt ha coinvolto compiti di controspionaggio che l'hanno portata in Medio Oriente. L'atto d'accusa non specifica i paesi in cui Witt è stata assegnata a lavorare, ma espone alcuni dei suoi contatti con l'Iran negli ultimi anni, compresi i suoi scambi di e-mail con un cittadino americano-iraniano, identificato solo come "Individual A.".

Descritto come "osservatore e valutatore", l'individuo A ha lavorato per l'IRGC per identificare le persone che possono avere accesso all'intelligence e al controspionaggio e determinare il loro potenziale valore come fonti.

U sono stati ben addestrati”. L'atto d'accusa cita uno scambio il 17 ottobre 2012 o circa, quando “Individual A” ha scritto a Witt dicendo: "dovrei ringraziare il settore della difesa.... erano ben addestrati".

Witt risponde: "LOL ringraziare il settore della difesa? Per me? Beh, ho amato il lavoro, e sto cercando di metterlo a frutto”. L'atto d'accusa dettaglia anche il suo viaggio in Iran nel febbraio 2012, dove ha partecipato a una conferenza "Hollywoodism", un evento sponsorizzato dall'IRGC volto a condannare gli standard morali statunitensi e a promuovere la propaganda anti-USA.

Witt è apparsa anche in uno o più video, in cui è stata identificata come una veterana statunitense e ha fatto commenti critici nei confronti del governo americano, sapendo che i video sarebbero stati trasmessi dalla TV iraniana. Nello stesso mese, la cerimonia di conversione di Witt all'Islam è stata trasmessa dalla televisione iraniana.

Nel maggio 2012, l'FBI ha avvertito Witt che era un obiettivo per il reclutamento da parte dei servizi segreti iraniani. Witt ha risposto che se fosse mai tornata in Iran, si sarebbe rifiutata di fornire informazioni sul suo lavoro. Il mese successivo, “Individual A” ha viaggiato negli Stati Uniti e ha assunto Witt per lavorare come assistente in un "film di propaganda antiamericana" che è stato poi trasmesso in Iran. Nel febbraio 2013, Witt si è recata di nuovo in Iran per un'altra conferenza "hollywoodiana", ha reso i video più critici nei confronti del governo degli Stati Uniti e ha incontrato i membri dell'IRGC, dicendo loro che voleva emigrare in Iran, ha detto l'atto d'accusa."Se tutto il resto fallisce, posso andare in pubblico con un programma e fare come Snowden :)". Witt ha scritto a “Individuo A” il 23 giugno. Il 30 giugno 2013, Witt ha scritto di nuovo all'individuo A e ha detto di essere andata all'ambasciata iraniana a Kabul, Afghanistan, e "ha detto a tutti del suo ruolo”. Un tradimento plateale e convinto. Se fosse arrestata dagli Usa, rischia la pena di morte.

 
Medio Oriente
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Il tribunale di Riad condanna gli otto imputati ad una pena massima di 20 anni di carcere. Ma per l’Onu e la fidanzata del reporter ucciso, i mandanti sono ancora a piede libero
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"