Libia, traballa l'alleato di Conte

| L'Italia giallo-verde puntava sul presidente Al Serraj per difendere i nostri interessi in Libia ma il generale Haftar, sostenuto dai francesi, punta le sue colonne blindate verso Tripoli. Altro disastro diplomatico, dopo Venezuela e Cina

+ Miei preferiti

L’ATENIESE*

La politica estera del governo giallo-verde continua ad inanellare fallimenti, così gravi da riflettersi anche sulla stabilità economica del nostro disgraziato Paese. E’ di queste ore la notizia che il generale Haftar, sostenuto dai francesi, sembra deciso ad occupare Tripoli. Il Presidente Al Serraj, su cui il governo giallo-verde ha puntato le sue carte appare ormai alle corde. In Venezuela il vicepremier Di Maio, ricevuto a Washington dal consigliere per la sicurezza John Bolton, se n’è uscito con una battuta, a proposito della crisi Venezuela: “Non riconosciamo Maduro” che è un modo come un altro per dire di non avere nessuna intenzione di riconoscere  il presidente ad interim Juan Guaido, appoggiato invdce da 57 Paesi, compresi i partner più importanti della UE. Una capriola, l’ennesima, che riduce l’Italia a una caricatura, con una politica estera confusa e velleitaria, vedi la “via della seta” con la Cina. Ma la Libia sarà la vera Caporetto di una Farnesina ostaggio, come Conte, delle spinte populiste e sovraniste di una maggioranza divisa su tutto ma unita solo dal collante di un potere fine a se stesso.

A dicembre il presidente Conte era andato a Tripoli per legittimare il presidente Al Serraj e il presidente dell'Alto Consiglio di Stato, Khaled Al Meshri. Aveva auspicato il 2019 come "l'anno della svolta" per la Libia. "Non vogliamo decidere le sorti del popolo libico, ma come Paese abbiamo a cuore le sue sorti ed è questa la ragione per cui ci siamo incontrati a novembre a Palermo e per cui oggi sono qui: c'è una premura dell'Italia di offrire un contributo affinché possiate trovare un percorso di pace e di stabilità”. Non pago, e irriso da Haftar che stava già organizzando le sue milizie, aveva ribadito al presidente libico il pieno appoggio italiano all'impegno messo in campo dall’Onu. Una vera e propria investitura di Al Serraj come “amico numero 1” dell’Italia che aveva sottolineato "l'importanza di questa visita nel quadro del processo di consultazioni tra i due Paesi amici”.

Ma questa notte le milizie di Khalifa Haftar nella notte hanno conquistato in nodo strategico di Gharian, a 100 chilometri da Tripoli. La Libyan National Army guidata dal generale di Bengasi non ha trovato resistenza. Haftar  punta a Tripoli, con l’aiuto di milizie indipendenti ostili a Al Serray. Al generale, dell’Onu, importa poco: vuole ripulire Tripoli dal “terrorismo”, con una colonna di 300 blindati e di soldati molto ben armati, Fayez Serraj lancia l’allarme generale. Il ministro dell’Interno Fathi Bishaga, sembrerebbe deciso a difendere la capitale dall’avanzata della milizia di Haftar: “Assicuro il nostro popolo libico che le forze del Ministero degli Interni sono pronte e pienamente capaci di affrontare qualsiasi tentativo di minare la sicurezza della capitale o mettere in pericolo la sicurezza dei civili. Non c'è modo di porre fine alla crisi se non attraverso mezzi politici e pacifici, la sicurezza di Tripoli non potrà essere scalfita”.  Ma il portavoce di Haftar, il generale Ahmed Mismari, resplica: “Libereremo la madrepatria dal terrorismo, non vogliamo Tripoli per il potere o per i soldi, vogliamo Tripoli per la salvezza, per la dignità e il prestigio di uno stato forte”.

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres è a Tripoli, ha scritto di essere “totalmente determinato a sostenere il processo politico in questo Paese per guidarlo verso la pace, la stabilità la democrazia e la prosperità”. Al Serray è chiuso in una morsa. Haftar vuole toglierlo di mezzo. E l’Italia? Sta a guardare.

*Esperto di politica internazionale

Medio Oriente
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
È il numero delle esecuzioni capitali di quest’anno, probabilmente destinato superare di gran lunga gli anni passati. La denuncia delle organizzazioni umanitarie, che accusano il mondo di assistere in silenzio
Edipemia di infarti in casa Morsi: morto a 25 anni anche il figlio
Edipemia di infarti in casa Morsi: morto a 25 anni anche il figlio
S'è sentito male in auto, inutili i soccorsi. Secondo alcuni media "soffriva da tempo di problemi di salute". Figlio minore dell'ex presidente morto di infarto in Tribunale, era il più critico contro l'attuale governo. I dubbi restano
"Ho l'asma, mi soffocherai con quel sacchetto..."
"Ho l
Le ultime parole del giornalista Jamal Kashoggi prima di essere ucciso nel consolato saudita di Istanbul. I killer intercettati 12 minuti prima : "Si può mettere il cadavere nella borsa?". Il medico-macellaio: "No, a pezzi nei sacchetti"
L'uccello che disturba il jihadista
L
Al-Quaeda diffonde un video irridendo i rivali dell'Isis. C'è un militante che giura fedeltà al califfo ma un uccello starnazza irriverente durante la lettura delle formula e il combattente va in tilt. Gli esperti: "Colpo magistrale"