Riad, Murtaja non sarà giustiziato

| Il 18enne sciita, accusato di violenza contro il governo, dovrà scontare una pena di 12 anni per una serie di violenze politiche confessate sotto tortura. Contro l'esecuzione si erano mobilitati Europa e Usa

+ Miei preferiti

Murtaja Qureiris, 18 anni, che in Arabia Saudita avrebbe dovuto affrontare la pena di morte, è stato risparmiato e condannato a 12 anni di prigione, secondo quanto si apprende da una fonte locale. Qureiris, arrestato a 13 anni dalle autorità saudite, potrebbe essere rilasciato entro il 2022. La condanna di Qureiris include il tempo trascorso dal suo arresto nel 2014, con gli ultimi quattro anni di libertà vigilata, lasciandolo con tre anni di carcere.

Un funzionario saudita, parlando in modo anonimo, ha confermato la linea temporale all'agenzia Reuters. Le pressioni internazionali erano aumentate sul regno dopo che la CNN ha svelato il caso di Qureiris. In Austria, il parlamento ha votato per chiudere un centro saudita per il dialogo interreligioso, per protestare contro la detenzione del giovane. È accusato di aver accompagnato il fratello attivista, Ali Qureris, durante un viaggio in motocicletta fino a una stazione di polizia nella città saudita orientale di Awamiya, dove avrebbe lanciato una Molotov.

L'altro suo presunto crimine include la partecipazione al funerale di suo fratello, che si è trasformato in un raduno antigovernativo. Qureiris ha negato le accuse e ha detto che le confessioni, su cui l'accusa si è ampiamente basata, sono state ottenute sotto costrizione. Al momento dell'arresto, Qureiris era considerato da avvocati e attivisti il più giovane prigioniero politico conosciuto in Arabia Saudita. Murtaja Qureiris proviene da una famiglia sciita nella provincia orientale dell'Arabia Saudita, in maggioranza sunnita.

In aprile, l'Arabia Saudita ha annunciato di aver giustiziato 37 uomini che, secondo il gruppo dei diritti Reprieve, provenivano per lo più dalla minoranza sciita del regno. Almeno tre degli uomini giustiziati erano minorenni al momento della commissione di presunti reati, come dimostrano gli atti giudiziari esaminati da CNN e Reprieve.

Tutti e tre erano stati arrestati per violenza che, secondo il governo, è stata commessa durante le proteste della primavera araba. Nel procedimento giudiziario, hanno detto che sono stati torturati, le confessioni estorte sotto costrizione.

Il paese ha uno dei più alti tassi di esecuzioni al mondo, ed è stato spesso criticato dai gruppi di difesa dei diritti per la condanna a morte di persone che al momento della commissione dei reati erano minorenni. Amnesty International ha risposto alle notizie sul caso di Qureiris su Twitter: "Molto sollievo sapere che le autorità saudite confermano che #MurtajaQureiris NON sarà condannato a morte. #EndDeathPenalty #SaudiArabia".

Articoli correlati
Medio Oriente
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
È il numero delle esecuzioni capitali di quest’anno, probabilmente destinato superare di gran lunga gli anni passati. La denuncia delle organizzazioni umanitarie, che accusano il mondo di assistere in silenzio
Edipemia di infarti in casa Morsi: morto a 25 anni anche il figlio
Edipemia di infarti in casa Morsi: morto a 25 anni anche il figlio
S'è sentito male in auto, inutili i soccorsi. Secondo alcuni media "soffriva da tempo di problemi di salute". Figlio minore dell'ex presidente morto di infarto in Tribunale, era il più critico contro l'attuale governo. I dubbi restano
"Ho l'asma, mi soffocherai con quel sacchetto..."
"Ho l
Le ultime parole del giornalista Jamal Kashoggi prima di essere ucciso nel consolato saudita di Istanbul. I killer intercettati 12 minuti prima : "Si può mettere il cadavere nella borsa?". Il medico-macellaio: "No, a pezzi nei sacchetti"
L'uccello che disturba il jihadista
L
Al-Quaeda diffonde un video irridendo i rivali dell'Isis. C'è un militante che giura fedeltà al califfo ma un uccello starnazza irriverente durante la lettura delle formula e il combattente va in tilt. Gli esperti: "Colpo magistrale"