"Uccidiamo KHASHOGGI
e poi lo facciamo a pezzi"

| L'Onu accusa l'Arabia Saudita: "Delitto pianificato, il principe ereditario non poteva non sapere". Le intercettazioni degli 007 dimostrano che avevano deciso di ucciderlo subito. "Processo a Riad va sospeso"

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Il giornalista saudita Jamal Khashoggi, editorialista del Washington Post, è stato vittima di una "esecuzione deliberata e premedita". Lo afferma nel suo rapporto, la relatrice speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, Agnes Callamard (nella foto). Lo riferisce la Cnn online. L'Arabia Saudita è responsabile in base alla legge internazionale per "l'uccisione extragiudiziale" di Khashoggi, afferma ancora Callamard nel suo rapporto, redatto in base alla prima indagine indipendente sull'uccisione del giornalista. 

L’investigatore speciale delle Nazioni Unite ha chiesto ulteriori indagini di alto livello sui funzionari sauditi, tra cui il principe ereditario Mohammed bin Salman, per l'uccisione del giornalista. Agnes Callamard, un'esperta in diritti umani che è relatrice speciale per l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha pubblicato un rapporto di 101 pagine sulla sua indagine di mesi sulla morte di Khashoggi al Consolato saudita di Istanbul.

Il rapporto ha fornito nuovi, macabri dettagli sulla morte di Khashoggi che la Callamard ha ricavato ascoltando l'audio fornito dalle autorità turche. L'audio ha catturato gli agenti sauditi che discutevano dello smembramento del corpo di Khashoggi prima del suo arrivo al consolato, così come la sua uccisione, dice il rapporto.  

Callamard ha detto che la colpevolezza per l'uccisione di Khashoggi si estende oltre gli 11 sauditi che sono sotto processo in un procedimento giudiziario a porte chiuse in Arabia Saudita. L'ha definito un'uccisione extragiudiziale, possibilmente con tortura, di cui è responsabile il Regno dell'Arabia Saudita, e ha detto che le autorità saudite hanno partecipato alla distruzione delle prove. Anche se la Callamard ha detto di non trovare “la smoking gun”, la pistola fumante, che incrimina il principe ereditario stesso, ha detto che “ha svolto un ruolo essenziale in una campagna di repressione dei dissidenti e quasi certamente sapeva che era stata pianificata una missione criminale che mirava a Khashoggi”.

"Le prove indicano che la missione di 15 persone per uccidere Khashoggi richiedeva un significativo coordinamento governativo, risorse e finanze", ha scritto. "Mentre il governo saudita sostiene che queste risorse sono state messe in atto da Ahmed Asiri (uno degli arrestati, ndr), ogni esperto consultato trova inconcepibile che un'operazione di questa portata potrebbe essere attuata senza che il principe ereditario sia consapevole, come minimo, che una sorta di missione di natura criminale, diretta a Khashoggi, veniva lanciata".

Il 2 ottobre 2018, agenti sauditi hanno ucciso il giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi all'interno del Consolato saudita di Istanbul. Asiri, ex vice capo dei servizi segreti dell'Arabia Saudita, è uno dei due alti funzionari sauditi implicati dai pubblici ministeri del regno nell'omicidio e l'unico alto funzionario sotto processo. Il resoconto della Callamard sulla morte di Khashoggi è il più definitivo fino ad oggi, anche se la sua indagine è stata ostacolata dal rifiuto dell'Arabia Saudita di permetterle di visitare il regno per effettuare interviste. Gli Stati Uniti hanno finora evitato di attribuire colpe, dicendo che stanno ancora imparando i dettagli. Il segretario di Stato Mike Pompeo e il presidente Trump hanno deplorato l'uccisione di Khashoggi, che era un giornalista del Washington Post l'anno prima della sua morte. Ma hanno detto che il rapporto con l'Arabia Saudita, un alleato chiave nella campagna dell'amministrazione contro l'Iran, è troppo importante per essere messo da parte da un singolo incidente. Pompeo ha detto recentemente che gli Stati Uniti, a causa delle crescenti tensioni con l'Iran, venderanno armi del valore di 8 miliardi di dollari all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti.

La Callamard ha detto di non aver trovato prove sufficienti per concludere che sia la Turchia che gli Stati Uniti sapevano o avrebbero dovuto sapere e non hanno avvertito Khashoggi di una minaccia per la sua vita. Né ha trovato la prova che l'intelligence americana aveva intercettato le comunicazioni del principe ereditario, suggerendo che voleva Khashoggi morto. Callamard è dura nella sua valutazione dell'Arabia Saudita e della sua risposta alla morte di Khashoggi. Ha detto che il regno ha preso solo "timidi passi" per perseguire 11 sospetti. Ha osservato che il processo è blindato e che nemmeno i nomi degli accusati sono stati resi pubblici. Dichiarando di essere preoccupata per un errore giudiziario, ha chiesto la sospensione del processo. Le è stato permesso di ascoltare le registrazioni audio che hanno catturato gli eventi all'interno del consolato nei giorni prima della visita di Khashoggi e il giorno del suo assassinio. Sono stati 45 minuti di conversazione - una frazione delle sette ore di audio catturate dai servizi segreti turchi. Una parte dell'audio era difficile da distinguere. "Ad esempio, sulla base delle registrazioni, il relatore speciale non è riuscito a raggiungere conclusioni certe su ciò che [lei e i suoi investigatori] le è stato detto essere il suono di una 'sega' in funzione. Le autorità turche hanno senza dubbio più informazioni e intelligence sugli eventi nel consolato saudita di quante ne abbiano voluto o potuto condividere con l'inchiesta".  

Secondo il rapporto, 13 minuti prima che Khashoggi entrasse nel consolato il 2 ottobre, due degli agenti sauditi, Maher Mutreb e Salah Tubaigy, un esperto forense, avevano discusso su come smembrare il corpo. "Le articolazioni saranno separate", ha detto Tubaigy Mutreb. "La prima volta lo tagliamo quando è a terra. Se prendiamo sacchetti di plastica e lo tagliamo a pezzi, poi tutto finito". Il nome di Khashoggi non è stato menzionato, ma era indicato come il "sacrificato".

Medio Oriente
L'Iran condanna a morte '17 spie della Cia'
L
Sale la tensione nel Golfo Persico, una nota del governo spiega che i condannati si erano infiltrati nel centri di sicurezza del Paese
LIBIA ORA ZERO L'AVIAZIONE DI HAFTAR PRONTA A BOMBARDARE TRIPOLI
LIBIA ORA ZERO L
Migliaia di profughi cercheranno la salvezza in Europa e sopratutto in Italia
Venti di guerra nel Golfo Persico: l'Iran sequestra petroliere britanniche
Venti di guerra nel Golfo Persico: l
La principessa fugge dal marito con l'aiuto di un amico tedesco
La principessa fugge dal marito con l
La moglie di un emiro del Dubai, figlio del re di Giordania, vuole il divorzio ed è fuggita in Germania. Il marito accusa il governo tedesco di averla aiutata. Lei vuole 31 milioni di dollari
'Ti uccideranno''>L'avvertimento di Khashoggi
'Ti uccideranno'
L'Ti uccideranno'' class='article_img2'>
Inchiesta del Guardian sulla strana condanna per stupro di un giornalista marocchino critico con il governo e con i sauditi. Poco prima dell'arresto l'editorialista ucciso gli aveva rivelato i malumori del principe ereditario saudita
VENTI DI GUERRA
Sospeso (per ora) attacco Usa contro Iran
VENTI DI GUERRA<br>Sospeso (per ora) attacco Usa contro Iran
Tensione altissima dopo l'abbattimento del Drone della Marina Usa. Nel mirino i sistemi missilistici russi nelle mani degli ayatollah. Ma Trump sospende l'ordine nella notte, su pressioni del Pentagono
Riad, Murtaja non sarà giustiziato
Riad, Murtaja non sarà giustiziato
Il 18enne sciita, accusato di violenza contro il governo, dovrà scontare una pena di 12 anni per una serie di violenze politiche confessate sotto tortura. Contro l'esecuzione si erano mobilitati Europa e Usa
Condannato a morte a 18 anni
Condannato a morte a 18 anni
Ne aveva 10 quando ha osato protestare, 13 quando è stato rinchiuso in galera, dove ha confessato sotto tortura. Per i sauditi è un terrorista, per il resto del mondo di un ragazzino che protestava soltanto per la morte del fratello
Giornalista uccisa, morte annunciata
Giornalista uccisa, morte annunciata
Mena Mangal, 32 anni, volto noto della tv afghana e paladina dei diritti delle donne, aveva scritto un post su FB in cui temeva per la sua vita. Era senza protezione. "Vergogna di polizia e governo". Il dolore della madre
La principessa decapitata, simbolo dell'emancipazione
La principessa decapitata, simbolo dell
Giustiziata in un parcheggio di Gedda nel luglio 1977 per adulterio, emerge un'altra verità. Il regime tentò invano di bloccare il documento-film sulla sua morte. Oggi il ricordo di Mishaal anima la battaglia contro il radicalismo islamico