VENTI DI GUERRA
Sospeso (per ora) attacco Usa contro Iran

| Tensione altissima dopo l'abbattimento del Drone della Marina Usa. Nel mirino i sistemi missilistici russi nelle mani degli ayatollah. Ma Trump sospende l'ordine nella notte, su pressioni del Pentagono

+ Miei preferiti

Venti di guerra in Medio Oriente. Trump aveva dato l’ordine di attaccare le postazioni missilistiche iraniane che hanno abbattuto un drone USA (“Nel nostro territorio”, giurano gli iraninai) ma alla fine non è successo nulla. Il presidente ha ritirato all’ultimo istante le disposizioni per l’attacco. Ma navi e basi aeree restano in allarta e il pericolo di un conflitto non è finito. Le forze USA schierate nel golfo sono pronte ad agire e mantengano l’assetto di guerra. L’Agenzia federale per l'aviazione civile degli Stati Uniti ha intanto escluso i voli americani da una parte dello spazio aereo iraniano, sopra lo Stretto di Hormuz e il Golfo di Oman per "accresciute attività militari e all'aumento delle tensioni politiche nella regione, che rappresentano un rischio per le operazioni dell'aviazione civile statunitense e possibili errori di calcolo o errata identificazione", ha affermato l'Amministrazione federale dell'aviazione degli Stati Uniti. "Il rischio per l'aviazione civile statunitense e' dimostrato dal lancio di missili terra-aria iraniani per l'abbattimento di un velivolo di sorveglianza americano", scrive l'authority. Gli aerei erano già in volo e le navi, compresi gli incrociatori armati di missili, erano stati allertati qualche ora prima ed erano in posizione ma l’ordine alle 3 (ora italiana) è stato bloccato,fosr solo momentaneamente. .

La flotta Usa nel Golfo è ancora in allarme per le prossime 72 ore. I cacciabomdrieri avevano un target preciso: radere al suolo le postazioni del sistema missilistico terra-aria Neva/Pechora S-125, SA-3 Goa, usato per abbattere il drone Global Hawk RQ-4A della Marina. Diversa la versione iraniana: i Pasdaran hanno precisato di avere utilizzato il 3 Khordad, variante del sistema missilistico terra-aria Raad, un prodotto nazionale. John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale, Mike Pompeo, segretario di Stato e la direttrice della Cia, Gina Haspel, si sono schierati per l’attacco, il Pentagono s’è dichiarato contrario per evitare “un’escalation del conflitto”. 

 
Medio Oriente
La principessa fugge dal marito con l'aiuto di un amico tedesco
La principessa fugge dal marito con l
La moglie di un emiro del Dubai, figlio del re di Giordania, vuole il divorzio ed è fuggita in Germania. Il marito accusa il governo tedesco di averla aiutata. Lei vuole 31 milioni di dollari
'Ti uccideranno''>L'avvertimento di Khashoggi
'Ti uccideranno'
L'Ti uccideranno'' class='article_img2'>
Inchiesta del Guardian sulla strana condanna per stupro di un giornalista marocchino critico con il governo e con i sauditi. Poco prima dell'arresto l'editorialista ucciso gli aveva rivelato i malumori del principe ereditario saudita
"Uccidiamo KHASHOGGI
e poi lo facciamo a pezzi"
"Uccidiamo KHASHOGGI<br>e poi lo facciamo a pezzi"
L'Onu accusa l'Arabia Saudita: "Delitto pianificato, il principe ereditario non poteva non sapere". Le intercettazioni degli 007 dimostrano che avevano deciso di ucciderlo subito. "Processo a Riad va sospeso"
Riad, Murtaja non sarà giustiziato
Riad, Murtaja non sarà giustiziato
Il 18enne sciita, accusato di violenza contro il governo, dovrà scontare una pena di 12 anni per una serie di violenze politiche confessate sotto tortura. Contro l'esecuzione si erano mobilitati Europa e Usa
Condannato a morte a 18 anni
Condannato a morte a 18 anni
Ne aveva 10 quando ha osato protestare, 13 quando è stato rinchiuso in galera, dove ha confessato sotto tortura. Per i sauditi è un terrorista, per il resto del mondo di un ragazzino che protestava soltanto per la morte del fratello
Giornalista uccisa, morte annunciata
Giornalista uccisa, morte annunciata
Mena Mangal, 32 anni, volto noto della tv afghana e paladina dei diritti delle donne, aveva scritto un post su FB in cui temeva per la sua vita. Era senza protezione. "Vergogna di polizia e governo". Il dolore della madre
La principessa decapitata, simbolo dell'emancipazione
La principessa decapitata, simbolo dell
Giustiziata in un parcheggio di Gedda nel luglio 1977 per adulterio, emerge un'altra verità. Il regime tentò invano di bloccare il documento-film sulla sua morte. Oggi il ricordo di Mishaal anima la battaglia contro il radicalismo islamico
Riad, confessioni estorte a 37 giustiziati
Riad, confessioni estorte a 37 giustiziati
I 37 impiccati, uno crocifisso, fanno parte della minoranza sciita e alcuni erano minori al momento dell'arresto. "Sono rei-confessi per terrorismo", spiegano i sauditi. Gli avvocati: "Furono torturati"
Libia, traballa l'alleato di Conte
Libia, traballa l
L'Italia giallo-verde puntava sul presidente Al Serraj per difendere i nostri interessi in Libia ma il generale Haftar, sostenuto dai francesi, punta le sue colonne blindate verso Tripoli. Altro disastro diplomatico, dopo Venezuela e Cina
Lapidazioni e amputazioni nel Brunei
Lapidazioni e amputazioni nel Brunei
Entra in vigore fra pochi giorni il nuovo codice penale che prevede le pene corporali della sharia. Protesta delle organizzazione umanitaria