Cinque marines rivelano incontri con gli Ufo

| Piloti della marina militare americana, durante voli di esercitazione avrebbero avuto contatti ravvicinati con velivoli “non classificabili”

+ Miei preferiti
Ufficialmente, nessuno dei cinque piloti americani utilizza mai il termine “Ufo”, la sigla internazionale con cui si indicano gli oggetti volanti non identificati. Ma i loro racconti portano lì. È un caso che sta incuriosendo gli Stati Uniti, quello dei cinque militari americani che dopo aver riferito ogni dettaglio ai propri superiori e al Pentagono, hanno raccontato le loro esperienze inquietanti al “New York Times”. I cinque, fra cui il tenente Ryan Graves e il sergente Danny Accoin, gli unici due ad aver accettato di svelare il proprio nome, in servizio presso la squadriglia “VFA-11”, i “Red Rippers” di stanza nella base di Oceana, in Virginia, hanno affermato di aver avuto nel corso dei loro voli di esercitazione numerosi incontri ravvicinati, durati diversi giorni consecutivi, fra il 2014 ed il 2015 nei cieli della Florida e della Virginia.

Una serie di incontri anomali, che secondo i piloti sono iniziati dopo la sostituzione dei radar di bordo dei loro “F/A-18 Super Hornet” con altri più sofisticati e sensibili in grado di intercettare la presenza di altri velivoli fra 0 e 9.000 metri, non visibili allo sguardo.

Si trattava di oggetti “non classificabili”, in grado di raggiungere velocità supersoniche e altitudini impossibili per qualsiasi velivolo attualmente conosciuto. Come nei film, erano in grado di bloccarsi all’improvviso e di ripartire sparendo alla vista in pochi istanti. Da piloti professionisti, sono proprio questi i dettagli che li hanno impressionati di più: “Non è la velocità ad ucciderti, ma le fermate brusche e le accelerazioni delle ripartenze sì”.

Proprio di recente, il Dipartimento della Difesa americana ha ufficialmente dichiarato di aver riaperto un dossier chiamato “AATIP” (Advanced Aerospace Threat Identification program) per fare chiarezza su alcuni “fenomeni aerei non identificati”. Secondo fonti ufficiali, il dossier era stato chiuso nel 2012, al termine di uno stanziamento di 22 milioni di dollari all’anno. Nel fascicolo era finito un caso fra i più emblematici: nel 2004, al largo della costa est, diversi piloti hanno segnalato la presenza di velivoli che apparivano all’improvviso per poi puntare a gran velocità verso l’oceano, bloccandosi a poche centinaia di metri, per poi svanire.

Galleria fotografica
Cinque marines rivelano incontri con gli Ufo - immagine 1
Misteri
Langham Hotel, l’albergo dei fantasmi
Langham Hotel, l’albergo dei fantasmi
Sorge nel pieno centro di Londra ed è famoso per aver dato vita alla tradizione del tè pomeridiano e per essere stato il primo in Inghilterra con la luce elettrica. Ma la sua caratteristica migliore sono gli spettri che lo infestano
Divulgati i rapporti degli incontri con gli UFO
Divulgati i rapporti degli incontri con gli UFO
Senza il “top secret” dai rapporti degli avvistamenti con velivoli non identificati, si legge che l’ipotesi sia quella di droni invisibili. Ma l’ex capo di un progetto di ricerca non è d’accordo: nessuno possiede quelle tecnologie
Una notte (di terrore) al museo
Una notte (di terrore) al museo
Porte che si aprono da sole, allarmi antincendio che scattano all’improvviso, orme per terra: il British Museum di Londra infestato dai fantasmi. Alcuni esperti, fra cui uno scrittore, stanno approfittando del lockdown per vederci chiaro
“Era un mostro alto tre metri”
“Era un mostro alto tre metri”
Il conduttore di un programma inglese dedicato a occulto e misteri afferma di aver avvistato una misteriosa creatura che gli ha attraversato la strada di corsa perdendo due zampe di cervo
In morte di Emiliano Sala
In morte di Emiliano Sala
Ad un anno dalla tragedia in cui perse la vita il giovane calciatore argentino, un libro tenta di rispondere ad alcuni dei dubbi e dei misteri che ancora aleggiano sulla vicenda