La misteriosa scultura che fa impazzire la CIA

| Nel quartier generale della CIA, si trova una scultura che custodisce uno dei più celebri misteri mai risolti: un codice segreto che da decenni tiene sotto scacco i migliori crittologi del mondo

+ Miei preferiti
Alla fine degli anni Ottanta, l’artista americano Jim Sanborn riceve l’incarico di creare una scultura da esporre all’ingresso del quartier generale della CIA a Langley, in Virginia. Sapendo che alcuni dei migliori funzionari dei servizi segreti del mondo avrebbero visto la sua opera ogni giorno, l’artista opta per “Kryptos”, una scultura che racchiude un misterioso messaggio crittografato che dal 3 novembre 1990, data dell’inaugurazione, nessuno è mai riuscito a decifrare.

La parte principale dell’opera, costata 250mila dollari, è in granito rosso, ardesia rossa e verde, quarzo bianco, legno pietrificato, magnetite e rame. La forma è una sorta di “S” verticale per ricordare un foglio che esce da una stampante, e contiene un testo che riproduce tutti i 26 caratteri standard dell’alfabeto latino-americano più il punto interrogativo. Per stessa ammissione di Sanborn, il testo racchiude quattro enigmi distinti, ognuno codificato in modo diverso. Il testo sulla metà della scultura principale contiene 869 caratteri, ma senza una lettera, mentre nella seconda metà è inciso un cifrario di Vigenère con 869 caratteri spazi inclusi. Nel suo complesso, la scultura racchiude un indovinello all’interno degli enigmi che sarà possibile codificare solo dopo aver risolto i quattro passaggi precedenti.

Per arrivare al risultato, l’artista ha chiesto la consulenza di Edward Scheidt, un esperto di crittografia della CIA oggi in pensione: “Ci siamo incontrati più o meno in segreto, e mi ha spiegato i codici, la loro natura e i sistemi di codifica moderni”.

A risolverlo da quel momento ci hanno provato in tanti, perfino i migliori crittografi del mondo, ma senza mai riuscire a risolvere il mistero, con un certo imbarazzo dei vertici della CIA. “Ero certo che nel giro di poche settimane il messaggio sarebbe stato decifrato, e comunque non avrei mai pensato che potesse resistere per trent’anni. La cosa più curiosa è che non avevo alcuna esperienza nella creazione di codici cifrati”.

Tre dei messaggi sono stati decifrati nel corso degli anni da membri della NSA, della CIA e da civili appassionati di enigmi, ma il mistero resta. Il primo recita: “Tra la sottile ombreggiatura e l’assenza di luce sta la sfumatura dell’iqlusione”. Iqlusione non è un errore di battitura: Sanborn ha intenzionalmente scritto male la parola “illusione” per trarre in inganno gli esperti. Il secondo messaggio, che contiene un altro errore di ortografia, contiene le coordinate di latitudine e longitudine del quartier generale della CIA (38° 57′ 6.5″ N, 77° 8′ 44″ W), ma indica anche qualcosa sepolto lì e fa riferimento a “WW”, iniziali di William Webster, a capo dell’agenzia nel 1990, quando è stato installato Kryptos. Il terzo messaggio prende in prestito gli scritti dell’archeologo Howard Carter sulla scoperta della tomba di Tutankhamon, nel 1923.

“C’è un crittologo che da due anni e mezzo mi contatta una volta alla settimana esattamente allo stesso orario: il martedì alle 8:23 del mattino”, confida Sanborn raccontando che negli anni ha conosciuto e incontrato tanti professionisti che tentano di risolvere il mistero di Kryptos. Tra questi Elonka Dunin, crittologo, sviluppatore di videogiochi e appassionata di enigmi che ha sentito parlare per la prima volta di Kryptos alla fine del 2000. Il codice della scultura è diventata un’ossessione a cui ha addirittura dedicato un sito che raccoglie tutti coloro che tentano di decifrarlo. “La comunità Kryptos è composta da migliaia persone di tutto il mondo, professionisti e studenti, tutte concentrate sullo sforzo di decifrarlo”. La Dunin organizza eventi in cui i decifratori spesso possono incontrare Jim Sanborn di persona. Per tentare di arrivare alla soluzione, nel corso degli anni l’artista ha svelato tre parole: “orologio”, “Berlino” e, più recentemente, “nord-est”. Ma il mistero rimane tutt’ora irrisolto. La soluzione, ha ammesso Jim Sanborn, è nascosta in una cassetta di sicurezza che non ha alcuna intenzione di aprire: “Ogni tanto vorrei che questa storia finisse, forse mi sentirei sollevato. Altre volte no, mi piace l’idea di aver messo in crisi i maggiori crittografi del mondo”.

Galleria fotografica
La misteriosa scultura che fa impazzire la CIA - immagine 1
La misteriosa scultura che fa impazzire la CIA - immagine 2
La misteriosa scultura che fa impazzire la CIA - immagine 3
Misteri
Il fantasma di Judy Barsi, la piccola star uccisa dal padre
Il fantasma di Judy Barsi, la piccola star uccisa dal padre
La villa di Los Angeles era stato il luogo di un celebre duplice omicidio avvenuto del 1988, quando il padre József uccise la moglie e la figlia, piccola e celebre star del cinema, prima di togliersi la vita
Emanuela e Mirella, due insoluti misteri italiani
Emanuela e Mirella, due insoluti misteri italiani
Il 22 giugno di 37 anni fa spariva Emanuela Orlandi: due mesi prima la stessa sorte era toccata a Mirella Gregori. I loro casi si uniscono e si intrecciano con storie di malavita, spionaggio e criminalità internazionale
Anonymous: Diana è stata uccisa
Anonymous: Diana è stata uccisa
Il gruppo di hacker afferma di essere in possesso di registrazioni in cui Lady D parlava della violenza carnale di una dipendente che voleva denunciare mettendo nei guai la Royal Family
Langham Hotel, l’albergo dei fantasmi
Langham Hotel, l’albergo dei fantasmi
Sorge nel pieno centro di Londra ed è famoso per aver dato vita alla tradizione del tè pomeridiano e per essere stato il primo in Inghilterra con la luce elettrica. Ma la sua caratteristica migliore sono gli spettri che lo infestano
Divulgati i rapporti degli incontri con gli UFO
Divulgati i rapporti degli incontri con gli UFO
Senza il “top secret” dai rapporti degli avvistamenti con velivoli non identificati, si legge che l’ipotesi sia quella di droni invisibili. Ma l’ex capo di un progetto di ricerca non è d’accordo: nessuno possiede quelle tecnologie
Cinque marines rivelano incontri con gli Ufo
Cinque marines rivelano incontri con gli Ufo
Piloti della marina militare americana, durante voli di esercitazione avrebbero avuto contatti ravvicinati con velivoli “non classificabili”
Simonetta Ferrero, morte all’università
Simonetta Ferrero, morte all’università
In un caldo luglio milanese, una giovane donna viene ritrovata da un seminarista nei bagni della Cattolica, uccisa con decine di coltellate. Nonostante le numerose tracce lasciate dal killer, l’omicidio è rimasto un mistero
Una notte (di terrore) al museo
Una notte (di terrore) al museo
Porte che si aprono da sole, allarmi antincendio che scattano all’improvviso, orme per terra: il British Museum di Londra infestato dai fantasmi. Alcuni esperti, fra cui uno scrittore, stanno approfittando del lockdown per vederci chiaro
“Era un mostro alto tre metri”
“Era un mostro alto tre metri”
Il conduttore di un programma inglese dedicato a occulto e misteri afferma di aver avvistato una misteriosa creatura che gli ha attraversato la strada di corsa perdendo due zampe di cervo
In morte di Emiliano Sala
In morte di Emiliano Sala
Ad un anno dalla tragedia in cui perse la vita il giovane calciatore argentino, un libro tenta di rispondere ad alcuni dei dubbi e dei misteri che ancora aleggiano sulla vicenda