Dolce & Gabbana: chiediamo scusa

| Dopo il clamoroso autogol dei giorni scorsi, seguito da una slavina di accuse di razzismo e sessismo, arrivano le umili scuse della coppia più celebre della moda

+ Miei preferiti
Tirati come due corde di violino, maglioni scuri, aria contrita di chi ha perso qualche ora di sonno: così appaiono Dolce & Gabbana in un nuovo video, diffuso sul social cinese “Weibo”. Le accuse di razzismo e sessismo nei loro confronti, che mette a rischio uno dei mercati fondamentali del luxury e inizia a far vacillare il loro binomio anche nel resto del mondo, li ha obbligati tentare il possibile per recuperare la fiducia della Cina, paese che gli sta gentilmente mostrando la via d’uscita dopo aver annullato il loro evento-spettacolo di Shangai e averli estromessi dalla maggiori piattaforme dell’e-commerce: Tmall, JD.com, Suning, Yoox e Net-a-porter.

“In questi giorni abbiamo pensato tantissimo e con enorme dispiacere a ciò che è successo - esordisce Domenico Dolce nel video - le nostre famiglie ci hanno insegnato il rispetto per le culture, e per questo vogliamo chiedervi scusa se abbiamo commesso errori nell’interpretare la vostra”. Stefano Gabbana aggiunge “Vogliamo chiedere scusa a tutti i cinesi nel mondo: prendiamo molto seriamente tutto questo”. Ancora Domenico Dolce: “Siamo sempre stati molto innamorati della Cina, amiamo la vostra cultura e abbiamo ancora molto da imparare. Per questo ci scusiamo se abbiamo sbagliato qualcosa nel modo di esprimerci. Faremo tesoro di questa esperienza, e non succederà mai più”. Subito dopo, i saluti in lingua cinese dei due.

Nessun accenno al presunto attacco hacker nelle parole dei due, costretti a mostrarsi in pubblico per la seconda volta: la prima era stata negli Stati Uniti, dopo alcune dichiarazioni sui figli in provetta rilasciate alla CNN che avevano scatenato polemiche roventi.

Le proteste però non mollano, anzi, aumentano e si spostano lentamente da D&G all’intero comparto del “Made in Italy”, con conseguenze che possono rivelarsi pesantissime.

Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono attesi a breve a Milano, per una tre giorni di Alta Moda.

Video
Moda
"Un cappio in passerella? E' la moda, bellezza"
"Un cappio in passerella? E
Burberry ritira un modello "marinaro" con un cappio a nodo scorsoio che evoca suicidio ed esecuzioni. Una modella lo aveva fatto notare ma le hanno risposto di "farsi i fatti suoi". La Casa si scusa e ritira il capo dalla collezione
Bianca Balti, influencer in love
Bianca Balti, influencer in love
Le modelle affamate di Victoria'S Secret
Le modelle affamate di Victoria
Negli Usa infuria la polemica sui severi requisiti richieste alle modelle per la sfilata più attesa dell'anno, seguita nel 2017 da un miliardo di telespettatori. Top model bocciata: "Per essere assunti devi morire di fame"
Una top contro Victoria’s Secret
Una top contro Victoria’s Secret
Bridget Malcolm, per due volte in passerella con gli “Angeli” della celebre maison americana di lingerie, lancia pesanti accuse al mondo della moda: “Siamo pagate per morire di fame”
Muore la modella sosia delle Kardashian
Muore la modella sosia delle Kardashian
Si è spenta all’improvviso, a soli 21 anni, per cause ancora da accertare. Da quasi un anno soffriva per la morte della madre
La caduta degli angeli
Victoria’s Secret in crisi
La caduta degli angeli<br>Victoria’s Secret in crisi
Il più celebre marchio di lingerie del mondo paga pegno all’incedere del web e al cambiamento dei gusti femminili, che prediligono maggiore semplicità e prezzi più abbordabili
Estate 2018, l’anno dei costumi griffati
Estate 2018, l’anno dei costumi griffati
Fashion blogger, web influencer, ex veline, showgirl, naufraghe dell’Isola e top model: le loro creazioni rappresentano il must have delle spiagge di quest’anno
Profondo blu: i 145 anni dei jeans
Profondo blu: i 145 anni dei jeans
L’epopea del più celebre capo d’abbigliamento della storia: dalla nascita nei sobborghi americani più poveri alle passerelle mondiali
Extreme cut, i “naked jeans”
Extreme cut, i “naked jeans”
Costano uno sproposito, ma in compenso non lasciano spazio alla fantasia. Sulla scia della moda del taglio e dello strappo, l’ultima e definitiva esagerazione: dopo questi, non restano che le mutande
Le scarpe di chewing gum
Le scarpe di chewing gum
Pensate, studiate e testate in Olanda, stanno per arrivare sul mercato delle sneaker realizzate, in parte, con gomme da masticare