19 novembre: il World Toilet Day

| Si celebra da 16 anni, una giornata su cui non conviene sorridere più di tanto, perché vuole ricordare al mondo intero che quasi tre miliardi di persone non hanno alcuna possibilità di avere a disposizione un servizio igienico. Un problema che riguar

+ Miei preferiti
Il 6 febbraio è il giorno del caffè, il 17 dello stesso mese quella del gatto, il 2 maggio la giornata dei fratelli (e sorelle), il 25 giugno si celebrano le segretarie e il 21 novembre la pizza. Qualcuno si è messo d'impegno, calcolando che su 365 giorni a disposizione ogni anno, ben 250 sono quelli impegnati per celebrare o ricordare qualcosa. A volte anche ciò che sarebbe bello scordare, a dire il vero.

Ma c'è una dimenticanza, un argomento di cui non si parla mai con piacere: il "World Toilet Day", la giornata mondiale del cesso, per dirlo male ma in modo da non lasciare alcun dubbio.

Attenzione, goliardico in tutto questo c'è ben poco, perché il "World Toilet Day" ha la serissima ambizione di voler scuotere le coscienze delle zone più ricche del pianeta, ricordando a tutti che quasi tre miliardi di persone, ovvero il 35% della popolazione mondiale, per essere ancora più precisi uno su dieci, non ha alcuna possibilità di usare servizi igienici. Non è un caso, se le Nazioni Unite hanno inserito l'accesso ai servizi igienici tra i diritti umani fondamentali, e al contrario dà da pensare, scoprire che ciò che fa denaro trova invece il mondo di arrivare ovunque: reti cellulari e smartphone ormai non mancano in nessun angolo di mondo, anche in quelli dove non esiste un bagno per chilometri e chilometri.  

A corredo, perché non guasta mai, il "World Toilet Day" ha anche in mente di sensibilizzare chi invece il cesso ha la fortuna di averlo, ma non ritiene necessario avere un corretto comportamento igienico. Sciocchezze? Secondo il "CDC" americano (Center for Disease Control and Prevention), non lavarsi le mani dopo essere andati in bagno è la causa del 6,5% delle morti globali di ogni anno.

Argomenti che il buon gusto suggerisce di evitare, ma che la World Toilet Organization ha invece sposato in pieno, varando conferenze, incontri, workshop ed eventi con l'unica idea di colmare l'immenso gap fra chi ha un bagno a disposizione e chi invece deve arrangiarsi come può. Con conseguenze igienico e sanitarie facilmente immaginabili.

La punta più visibile di questo lavoro cade ogni anno il 19 novembre, il giorno del "World Toilet Day", 24ore dedicate al meno nobile degli argomenti, ma di un'importanza drammaticamente attuale.

La giornata del cesso nasce nel 2001, e in sedici anni è riuscita a coinvolgere sempre più paesi, fino a diventare un fenomeno quasi globale. Quasi perché qualcuno ancora preferisce girare la testa dall'altra parte. Ma l'organizzazione non molla e neanche le manda a dire: "Creiamo arte, esperienze e social media che curino la vergogna radicata nella nostra cultura di parlare di pupù".

E tanta testardaggine, qualche coscienza riesce a scuoterla: Simon Griffith è un giovane americano che insieme ad un socio si è messo in testa di creare la prima carta igienica benefica, ottenuta da materiale riciclato, morbida quanto basta e soprattutto venduta ad un prezzo irrisorio, i cui proventi sono interamente devoluti a "Water Aid", ONG che si batte per migliorare le condizioni di vita di intere popolazioni. Si chiama "Who gives a crap", frase che ripulendola dal significato originale un po' starebbe per "Chi mi considera". Più o meno.

Mondo
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo