19 novembre: il World Toilet Day

| Si celebra da 16 anni, una giornata su cui non conviene sorridere più di tanto, perché vuole ricordare al mondo intero che quasi tre miliardi di persone non hanno alcuna possibilità di avere a disposizione un servizio igienico. Un problema che riguar

+ Miei preferiti
Il 6 febbraio è il giorno del caffè, il 17 dello stesso mese quella del gatto, il 2 maggio la giornata dei fratelli (e sorelle), il 25 giugno si celebrano le segretarie e il 21 novembre la pizza. Qualcuno si è messo d'impegno, calcolando che su 365 giorni a disposizione ogni anno, ben 250 sono quelli impegnati per celebrare o ricordare qualcosa. A volte anche ciò che sarebbe bello scordare, a dire il vero.

Ma c'è una dimenticanza, un argomento di cui non si parla mai con piacere: il "World Toilet Day", la giornata mondiale del cesso, per dirlo male ma in modo da non lasciare alcun dubbio.

Attenzione, goliardico in tutto questo c'è ben poco, perché il "World Toilet Day" ha la serissima ambizione di voler scuotere le coscienze delle zone più ricche del pianeta, ricordando a tutti che quasi tre miliardi di persone, ovvero il 35% della popolazione mondiale, per essere ancora più precisi uno su dieci, non ha alcuna possibilità di usare servizi igienici. Non è un caso, se le Nazioni Unite hanno inserito l'accesso ai servizi igienici tra i diritti umani fondamentali, e al contrario dà da pensare, scoprire che ciò che fa denaro trova invece il mondo di arrivare ovunque: reti cellulari e smartphone ormai non mancano in nessun angolo di mondo, anche in quelli dove non esiste un bagno per chilometri e chilometri.  

A corredo, perché non guasta mai, il "World Toilet Day" ha anche in mente di sensibilizzare chi invece il cesso ha la fortuna di averlo, ma non ritiene necessario avere un corretto comportamento igienico. Sciocchezze? Secondo il "CDC" americano (Center for Disease Control and Prevention), non lavarsi le mani dopo essere andati in bagno è la causa del 6,5% delle morti globali di ogni anno.

Argomenti che il buon gusto suggerisce di evitare, ma che la World Toilet Organization ha invece sposato in pieno, varando conferenze, incontri, workshop ed eventi con l'unica idea di colmare l'immenso gap fra chi ha un bagno a disposizione e chi invece deve arrangiarsi come può. Con conseguenze igienico e sanitarie facilmente immaginabili.

La punta più visibile di questo lavoro cade ogni anno il 19 novembre, il giorno del "World Toilet Day", 24ore dedicate al meno nobile degli argomenti, ma di un'importanza drammaticamente attuale.

La giornata del cesso nasce nel 2001, e in sedici anni è riuscita a coinvolgere sempre più paesi, fino a diventare un fenomeno quasi globale. Quasi perché qualcuno ancora preferisce girare la testa dall'altra parte. Ma l'organizzazione non molla e neanche le manda a dire: "Creiamo arte, esperienze e social media che curino la vergogna radicata nella nostra cultura di parlare di pupù".

E tanta testardaggine, qualche coscienza riesce a scuoterla: Simon Griffith è un giovane americano che insieme ad un socio si è messo in testa di creare la prima carta igienica benefica, ottenuta da materiale riciclato, morbida quanto basta e soprattutto venduta ad un prezzo irrisorio, i cui proventi sono interamente devoluti a "Water Aid", ONG che si batte per migliorare le condizioni di vita di intere popolazioni. Si chiama "Who gives a crap", frase che ripulendola dal significato originale un po' starebbe per "Chi mi considera". Più o meno.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino