19 novembre: il World Toilet Day

| Si celebra da 16 anni, una giornata su cui non conviene sorridere più di tanto, perché vuole ricordare al mondo intero che quasi tre miliardi di persone non hanno alcuna possibilità di avere a disposizione un servizio igienico. Un problema che riguar

+ Miei preferiti
Il 6 febbraio è il giorno del caffè, il 17 dello stesso mese quella del gatto, il 2 maggio la giornata dei fratelli (e sorelle), il 25 giugno si celebrano le segretarie e il 21 novembre la pizza. Qualcuno si è messo d'impegno, calcolando che su 365 giorni a disposizione ogni anno, ben 250 sono quelli impegnati per celebrare o ricordare qualcosa. A volte anche ciò che sarebbe bello scordare, a dire il vero.

Ma c'è una dimenticanza, un argomento di cui non si parla mai con piacere: il "World Toilet Day", la giornata mondiale del cesso, per dirlo male ma in modo da non lasciare alcun dubbio.

Attenzione, goliardico in tutto questo c'è ben poco, perché il "World Toilet Day" ha la serissima ambizione di voler scuotere le coscienze delle zone più ricche del pianeta, ricordando a tutti che quasi tre miliardi di persone, ovvero il 35% della popolazione mondiale, per essere ancora più precisi uno su dieci, non ha alcuna possibilità di usare servizi igienici. Non è un caso, se le Nazioni Unite hanno inserito l'accesso ai servizi igienici tra i diritti umani fondamentali, e al contrario dà da pensare, scoprire che ciò che fa denaro trova invece il mondo di arrivare ovunque: reti cellulari e smartphone ormai non mancano in nessun angolo di mondo, anche in quelli dove non esiste un bagno per chilometri e chilometri.  

A corredo, perché non guasta mai, il "World Toilet Day" ha anche in mente di sensibilizzare chi invece il cesso ha la fortuna di averlo, ma non ritiene necessario avere un corretto comportamento igienico. Sciocchezze? Secondo il "CDC" americano (Center for Disease Control and Prevention), non lavarsi le mani dopo essere andati in bagno è la causa del 6,5% delle morti globali di ogni anno.

Argomenti che il buon gusto suggerisce di evitare, ma che la World Toilet Organization ha invece sposato in pieno, varando conferenze, incontri, workshop ed eventi con l'unica idea di colmare l'immenso gap fra chi ha un bagno a disposizione e chi invece deve arrangiarsi come può. Con conseguenze igienico e sanitarie facilmente immaginabili.

La punta più visibile di questo lavoro cade ogni anno il 19 novembre, il giorno del "World Toilet Day", 24ore dedicate al meno nobile degli argomenti, ma di un'importanza drammaticamente attuale.

La giornata del cesso nasce nel 2001, e in sedici anni è riuscita a coinvolgere sempre più paesi, fino a diventare un fenomeno quasi globale. Quasi perché qualcuno ancora preferisce girare la testa dall'altra parte. Ma l'organizzazione non molla e neanche le manda a dire: "Creiamo arte, esperienze e social media che curino la vergogna radicata nella nostra cultura di parlare di pupù".

E tanta testardaggine, qualche coscienza riesce a scuoterla: Simon Griffith è un giovane americano che insieme ad un socio si è messo in testa di creare la prima carta igienica benefica, ottenuta da materiale riciclato, morbida quanto basta e soprattutto venduta ad un prezzo irrisorio, i cui proventi sono interamente devoluti a "Water Aid", ONG che si batte per migliorare le condizioni di vita di intere popolazioni. Si chiama "Who gives a crap", frase che ripulendola dal significato originale un po' starebbe per "Chi mi considera". Più o meno.

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale