70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU

| L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti

+ Miei preferiti
Sono epocali, i dati diffusi dal Global Trend dell’UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees), l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Numeri impressionanti, che raccontano per il solo 2018 di oltre 70 milioni di persone in fuga da fame, malattie, guerre e violenze: un mondo in movimento, per la metà composto da giovani al di sotto dei 18 anni, che nel giro di un solo decennio è aumentato in modo vertiginoso, passando dai 43 milioni di un decennio fa.

Diversi sono i punti di crisi che hanno aumentato la cifra: il conflitto in Siria, ma anche e soprattutto la situazione in Venezuela, da cui lo scorso anno 3 milioni di persone hanno scelto di lasciare il Paese, a ritmi di 5.000 al giorno.

Le sorprese arrivano invece dalla “classifica” dei paesi che, in modo proporzionale ai residenti, ospitano più migranti: in testa, a sorpresa, c’è il Libano, ma anche la Turchia, il Pakistan, l’Uganda, il Sudan e la Germania, che ha accolto oltre un milione di profughi. C’è chi prova a rientrare nel proprio paese, come le 210mila persone che hanno tentato di tornare in Siria, ma la situazione non permette al paese di attuare una politica sui rimpatri.

E dovrebbe far pensare il dato secondo cui  i paesi definiti ad alto reddito accolgono in media 2,7 rifugiati ogni 1000 abitanti, quelli medio e medio-basso salgono a 5,8. I più poveri, accolgono un terzo del numero totale, mentre i ricchi nicchiano.

Il report si conclude invitando i Paesi a varare politiche di reinsediamento, ma per garantire una risposta iniziale servirebbero posti sicuri per quasi 1,5 milioni di rifugiati, a fronte degli 81.300 messi a disposizione dagli Stati.

Mondo
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Sarebbe una delle prime ricostruzioni della strage di Portapique fatta dalla polizia, finita al centro di una polemica per non aver lanciato l’allarme tempestivamente. Una leggerezza costata la vita a 22 persone