70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU

| L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti

+ Miei preferiti
Sono epocali, i dati diffusi dal Global Trend dell’UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees), l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Numeri impressionanti, che raccontano per il solo 2018 di oltre 70 milioni di persone in fuga da fame, malattie, guerre e violenze: un mondo in movimento, per la metà composto da giovani al di sotto dei 18 anni, che nel giro di un solo decennio è aumentato in modo vertiginoso, passando dai 43 milioni di un decennio fa.

Diversi sono i punti di crisi che hanno aumentato la cifra: il conflitto in Siria, ma anche e soprattutto la situazione in Venezuela, da cui lo scorso anno 3 milioni di persone hanno scelto di lasciare il Paese, a ritmi di 5.000 al giorno.

Le sorprese arrivano invece dalla “classifica” dei paesi che, in modo proporzionale ai residenti, ospitano più migranti: in testa, a sorpresa, c’è il Libano, ma anche la Turchia, il Pakistan, l’Uganda, il Sudan e la Germania, che ha accolto oltre un milione di profughi. C’è chi prova a rientrare nel proprio paese, come le 210mila persone che hanno tentato di tornare in Siria, ma la situazione non permette al paese di attuare una politica sui rimpatri.

E dovrebbe far pensare il dato secondo cui  i paesi definiti ad alto reddito accolgono in media 2,7 rifugiati ogni 1000 abitanti, quelli medio e medio-basso salgono a 5,8. I più poveri, accolgono un terzo del numero totale, mentre i ricchi nicchiano.

Il report si conclude invitando i Paesi a varare politiche di reinsediamento, ma per garantire una risposta iniziale servirebbero posti sicuri per quasi 1,5 milioni di rifugiati, a fronte degli 81.300 messi a disposizione dagli Stati.

Mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”