70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU

| L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti

+ Miei preferiti
Sono epocali, i dati diffusi dal Global Trend dell’UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees), l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Numeri impressionanti, che raccontano per il solo 2018 di oltre 70 milioni di persone in fuga da fame, malattie, guerre e violenze: un mondo in movimento, per la metà composto da giovani al di sotto dei 18 anni, che nel giro di un solo decennio è aumentato in modo vertiginoso, passando dai 43 milioni di un decennio fa.

Diversi sono i punti di crisi che hanno aumentato la cifra: il conflitto in Siria, ma anche e soprattutto la situazione in Venezuela, da cui lo scorso anno 3 milioni di persone hanno scelto di lasciare il Paese, a ritmi di 5.000 al giorno.

Le sorprese arrivano invece dalla “classifica” dei paesi che, in modo proporzionale ai residenti, ospitano più migranti: in testa, a sorpresa, c’è il Libano, ma anche la Turchia, il Pakistan, l’Uganda, il Sudan e la Germania, che ha accolto oltre un milione di profughi. C’è chi prova a rientrare nel proprio paese, come le 210mila persone che hanno tentato di tornare in Siria, ma la situazione non permette al paese di attuare una politica sui rimpatri.

E dovrebbe far pensare il dato secondo cui  i paesi definiti ad alto reddito accolgono in media 2,7 rifugiati ogni 1000 abitanti, quelli medio e medio-basso salgono a 5,8. I più poveri, accolgono un terzo del numero totale, mentre i ricchi nicchiano.

Il report si conclude invitando i Paesi a varare politiche di reinsediamento, ma per garantire una risposta iniziale servirebbero posti sicuri per quasi 1,5 milioni di rifugiati, a fronte degli 81.300 messi a disposizione dagli Stati.

Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo