70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU

| L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti

+ Miei preferiti
Sono epocali, i dati diffusi dal Global Trend dell’UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees), l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Numeri impressionanti, che raccontano per il solo 2018 di oltre 70 milioni di persone in fuga da fame, malattie, guerre e violenze: un mondo in movimento, per la metà composto da giovani al di sotto dei 18 anni, che nel giro di un solo decennio è aumentato in modo vertiginoso, passando dai 43 milioni di un decennio fa.

Diversi sono i punti di crisi che hanno aumentato la cifra: il conflitto in Siria, ma anche e soprattutto la situazione in Venezuela, da cui lo scorso anno 3 milioni di persone hanno scelto di lasciare il Paese, a ritmi di 5.000 al giorno.

Le sorprese arrivano invece dalla “classifica” dei paesi che, in modo proporzionale ai residenti, ospitano più migranti: in testa, a sorpresa, c’è il Libano, ma anche la Turchia, il Pakistan, l’Uganda, il Sudan e la Germania, che ha accolto oltre un milione di profughi. C’è chi prova a rientrare nel proprio paese, come le 210mila persone che hanno tentato di tornare in Siria, ma la situazione non permette al paese di attuare una politica sui rimpatri.

E dovrebbe far pensare il dato secondo cui  i paesi definiti ad alto reddito accolgono in media 2,7 rifugiati ogni 1000 abitanti, quelli medio e medio-basso salgono a 5,8. I più poveri, accolgono un terzo del numero totale, mentre i ricchi nicchiano.

Il report si conclude invitando i Paesi a varare politiche di reinsediamento, ma per garantire una risposta iniziale servirebbero posti sicuri per quasi 1,5 milioni di rifugiati, a fronte degli 81.300 messi a disposizione dagli Stati.

Mondo
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni