Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni

| La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia

+ Miei preferiti
Non stupisce che Jacinda Ardern, primo ministro neozelandese, sia uno dei premier più amati del pianeta. Presa ad esempio per la tempestiva risposta del Paese all’arrivo della pandemia varando misure dure ma capaci di contenere il numero dei contagi, ha lanciato una nuova proposta accolta come meglio non potrebbe dall’opinione pubblica.

Nel corso di una diretta dal proprio profilo Facebook, la premier ha lanciato la proposta di ridurre momentaneamente la settimana lavorativa a 4 giorni per permette ai cittadini di riprendersi dalla pandemia e al tempo stesso ridare fiato e ossigeno al turismo. La Jacinda Ardern ha raccontato di aver sentito il parere di esperti e di diversi cittadini, cercando di studiare il modo di aiutare l’industria turistica del Paese, che rappresenta il 60% del Pil.

“La domanda è: cosa abbiamo imparato dal Covid-19? Ad esempio che molta gente può lavorare da casa e l’intero meccanismo della produttività può cambiare radicalmente. Incoraggio i datori di lavoro che sono nella condizione di farlo a valutare seriamente l’idea, pensando che se qualcosa funziona per la loro azienda, significa che può essere utile a tutto il Paese”. Il premier ha aggiunto anche che la settimana lavorativa ridotta è comunque una decisione che va concordata tra i datori di lavoro e i dipendenti, ma resta il fatto che la pandemia ha mostrato una strada molto importante verso la flessibilità.

I precedenti ci sono: nel 2018, una società fiduciaria neozelandese, la “Perpetual Guardian”, ha ridotto la settimana lavorativa a quattro giorni, dopo che una ricerca ha rilevato la riduzione dello stress dei dipendenti senza intaccare la produttività.

La settimana scorsa la Ardern ha rimosso la maggior parte delle restrizioni, consentendo di fatto la riapertura di aziende e attività di ogni tipo. Oltre agli uffici, ristoranti, bar e negozi al dettaglio, così come le scuole, sono stati autorizzate alla riapertura a patto di rispettare le linee guida del distanziamento sociale. I cittadini possono anche viaggiare da una regione all’altra e organizzare eventi fino ad un massimo di 10 persone.

Nelle ultime settimane, il numero di infezioni nel Paese si è ampiamente stabilizzato: da giorni non si registrano nuovi casi, portando il conto finale a 1.503 malati e appena 21 vittime. Grazie alla tempestiva risposta alla pandemia, secondo un sondaggio della “Newshub-Reid Research”, Jacinda Ardern è il leader più popolare della Nuova Zelanda da un secolo a questa parte. La settimana scorsa, la premier ha anche avvertito che il Paese avrà un “inverno molto duro. Ma ogni inverno è seguito dalla primavera, e se facciamo le scelte giuste possiamo far tornare i neozelandesi al lavoro e permettere alla nostra economia di crescere velocemente”.

Mondo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura