Accoltellato da escort, mistero sui complici incontro sado-maso finito con un omicidio

| Scenario tipo Basic Istinct. L'uomo trovato carbonizzato il 19 agosto in un'auto a Fenos, in Val d'Aosta: ucciso durante un incontro vado maso

+ Miei preferiti
"L'ho ucciso a coltellate durante un rapporto sado-maso, poi ho caricato il corpo in auto e l'ho abbandonato in Italia, mi aveva umiliato, era violento, mi sono difesa". Ma non da sola, probabilmente, dopo il delitto qualcuno l'ha aiutata a organizzare il viaggio con il cadavere sino a Fenis, Val d'Aosta. Sei persone sono state sentite dalla polizia francese ma nessuna di loro è stata ancora incriminata. La vittima è un tecnico informatico francese di 52 anni, Jean Luc D., celibe, residente a Lione nel quartiere della Croix Rousse. Era sparito nel nulla il 16 agosto. Anaelle Prunier, 22 anni, specializzata in incontri sado-maso, ha confessato solo in parte quanto è accaduto. Faceva la cameriera in un locale di Ginevra ma negli ultimi tempi aveva intensificato la sua nuova attività, quella di escort di lusso. Sposata, stava per partire per il Marocco in vacanza. Geniotri sotto cho, non sopettavano della doppia vita della figlia, abilissima a nascodere la sue seconda attvità. Non ha precedenti penali di nessun tipo. La donna lavorava anche in un lussuoso alloggio di Ginevra, assieme ad alcune ragazze controllate da "amici" russi, ma anche a domicilio. L'omicidio è avvenuto nei dintorni di Divonne-les-Bains (Francia), dove il cellulare della vittima era stato agganciato dalle celle della zona per l'ultima volta, la sera del 16 agosto. La sua auto, una Peugeot 306 verde, era sparita. Trovata poi a 10 km da Saint Genis Pouilly, dopo che le telecamere avevano registrato il suo passaggio nel traforo del Monte Bianco. Le foto dei sistemi di sicurezza avevano fermato l'immagine di una ragazza alla guida, con un trucco vistoso. Il delitto, tra catene, maschere di cuoio, fruste e strumenti di tortura sarebbe avvenuto a casa della giovane, a Saint Genis Pouilly, un comune non distante dalla frontiera svizzera, sono state rinvenute tracce di sangue, il cui Dna corrisponde a quello dell'informatico lionese. C'è stato un maldestro tentativo di calcellarle, con strtati di vernice dati in frettae furia. Il cellulare dell'uomo non è più riattivato da quelle ore ma sono proseguiti i prelievi con la sua carta di credito da parte di una persona con il volto coperto, i cui movimenti risultano geo-localizzato da un telefono intestato a una donna dell'Est ma nelle mani di Anaelle. 
Il corpo era stato abbandonato e bruciato in una radura di Fenis, vicino a una pista ciclabile vietata alle auto, a 9 chilometri dal casello dell'autostrada A5 che arriva direttamente dal traforo del Monte Bianco. L'allarme da un turista che stava passeggiando con il suo cane e si era imbattuto nel cadavere carnizzato. Il medico legale Roberto Testi aveva individuato, nel corso dell'autopsia nell'obitorio di Aosta, due ferite da arma da taglio, all'altezza del collo, subito confuse con colpi d'arma da fuoco. Il corpo, avvolto in un telo, aveva subito altri traumi: fratture al bacino e alla colonna vertebrale ma dopo il decesso. Avvenuto almeno 24-48 ore prima di essere bruciato, ipotizzavano i carabinieri.  Una tempistica che corrisponde con quella descritta dalla giovane escort. Ma chi l'ha aiutata? E' impossibile che sia riuscita a fare tutto da sola. Troppo esile per trasportare il corpo, infilarlo a forza nel bagagliaio (da qui le fratture), scaricarlo nella radura e infine dargli fuoco irrorandolo con la benzina. Alle sue spalle potrebbe avere agito il racke della prostutizione d'alto bordo che fa base tra Ginevra a e la Francia.
Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità