Alex Zanardi entra nella leggenda l'Ironman di Barcellona è da record

| A cinquant'anni suonati, il grande atleta è riuscito a scendere sotto la soglia delle 9 ore: una nuova impresa "impossibile" per tanti, ma non per lui

+ Miei preferiti

Quello che il destino gli ha tolto, lui ha deciso di riprenderselo, con i dovuti interessi. È difficile non provare ammirazione per Alex Zanardi, forse perché è davvero un esempio vivente di quanto la forza di volontà permetta di superare qualsiasi cosa, basta trovare ogni mattina la voglia di darsi un traguardo nuovo. O forse, nell'animo di ognuno c'è la sensazione che qualcosa di devastante potrebbe succedere, ed è un conforto sapere che rialzarsi è possibile.

L'ultima impresa di Alex, o meglio la più recente, ha avuto come scenario Barcellona, a poche ore di distanza dal tanto discusso referendum. Per la terza volta quest'anno, Zanardi ha preso parte alla devastante prova "Ironman" in scena nella città spagnola, riuscendo a superare sé stesso: 3,8 km in acqua, 180 in bici e 42,5 nella maratona in appena 8 ore, 58 minuti e 59 secondi. Il tutto alla "tenera" età di cinquant'anni, lasciandosi dietro altri 102 atleti italiani.

La storia di Alex

Alex, e la sua parlata emiliana che nel tempo si è smorzata senza andare via del tutto, com'è giusto che sia, ha avuto un'esistenza, la prima, che si è cristallizzata nel pomeriggio di sabato 15 settembre 2001 sul circuito di Lausitzring, in Germania. A undici giri dal termine, dopo essere uscito dai box, perde il controllo della sua Reynard Honda nell'esatto momento in cui arriva la Ford pilota italo canadese Alexander Tagliani, lanciata a 320 km/h. Il resto sono i contorni di una storia drammatica: trasportato in condizioni disperate in ospedale subisce l'amputazione di entrambe le gambe, ma nessuno sa dire se passerà la notte.

È lì, dopo mesi di ospedale e 14 interventi, che inizia la seconda vita di Alex Zanardi, figlio di un operaio e di una camiciaia di Bologna, cresciuto e allenato a pensare che una soluzione c'è sempre, e piangersi addosso non serve.

Il suo ritorno, gentile e mai sopra le righe, commuove il mondo intero: dove il corpo non gli permette più qualcosa, lui rimedia mettendoci forza, volontà e determinazione, perché non accetta l'idea di avere limiti, non è da lui. Alex ama lo sport, è proprio lì che vuole vivere, trasformandosi in un supereroe senza poteri, sempre che avere un cuore grande non lo sia.

Da allora, le sue imprese non si contano più: nel 2007, sei anni dopo l'incidente, partecipa alla Maratona di New York finendo al quarto posto, nel 2010 è ai nastri di partenza dei Campionati Italiani di Ciclismo, l'anno dopo ai mondiali in Danimarca. Dal nulla in cui il destino sembrava averlo relegato, Zanardi diventa un insaziabile consumatore di primati, imprese e adrenalina: torna al volante sui Kart e su una BMW Sauber riprova l'emozione della pista a Valencia, doppia uno dei personaggi di "Cars", la saga Disney e perfino la televisione lo vuole: nel 2010 conduce su Rai3 "E se domani", un programma di divulgazione scientifica, seguito due anni dopo la "Sfide". Nel 2016 è protagonista alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro, portandosi a casa due ori e un argento nelle diverse discipline della Handbike.

Cos'abbia ancora in mente Zanardi nessuno lo sa, ma sanno tutti come andrà a finire: Alex ce la farà. Ce l'ha sempre fatta.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità