Alex Zanardi entra nella leggenda l'Ironman di Barcellona è da record

| A cinquant'anni suonati, il grande atleta è riuscito a scendere sotto la soglia delle 9 ore: una nuova impresa "impossibile" per tanti, ma non per lui

+ Miei preferiti

Quello che il destino gli ha tolto, lui ha deciso di riprenderselo, con i dovuti interessi. È difficile non provare ammirazione per Alex Zanardi, forse perché è davvero un esempio vivente di quanto la forza di volontà permetta di superare qualsiasi cosa, basta trovare ogni mattina la voglia di darsi un traguardo nuovo. O forse, nell'animo di ognuno c'è la sensazione che qualcosa di devastante potrebbe succedere, ed è un conforto sapere che rialzarsi è possibile.

L'ultima impresa di Alex, o meglio la più recente, ha avuto come scenario Barcellona, a poche ore di distanza dal tanto discusso referendum. Per la terza volta quest'anno, Zanardi ha preso parte alla devastante prova "Ironman" in scena nella città spagnola, riuscendo a superare sé stesso: 3,8 km in acqua, 180 in bici e 42,5 nella maratona in appena 8 ore, 58 minuti e 59 secondi. Il tutto alla "tenera" età di cinquant'anni, lasciandosi dietro altri 102 atleti italiani.

La storia di Alex

Alex, e la sua parlata emiliana che nel tempo si è smorzata senza andare via del tutto, com'è giusto che sia, ha avuto un'esistenza, la prima, che si è cristallizzata nel pomeriggio di sabato 15 settembre 2001 sul circuito di Lausitzring, in Germania. A undici giri dal termine, dopo essere uscito dai box, perde il controllo della sua Reynard Honda nell'esatto momento in cui arriva la Ford pilota italo canadese Alexander Tagliani, lanciata a 320 km/h. Il resto sono i contorni di una storia drammatica: trasportato in condizioni disperate in ospedale subisce l'amputazione di entrambe le gambe, ma nessuno sa dire se passerà la notte.

È lì, dopo mesi di ospedale e 14 interventi, che inizia la seconda vita di Alex Zanardi, figlio di un operaio e di una camiciaia di Bologna, cresciuto e allenato a pensare che una soluzione c'è sempre, e piangersi addosso non serve.

Il suo ritorno, gentile e mai sopra le righe, commuove il mondo intero: dove il corpo non gli permette più qualcosa, lui rimedia mettendoci forza, volontà e determinazione, perché non accetta l'idea di avere limiti, non è da lui. Alex ama lo sport, è proprio lì che vuole vivere, trasformandosi in un supereroe senza poteri, sempre che avere un cuore grande non lo sia.

Da allora, le sue imprese non si contano più: nel 2007, sei anni dopo l'incidente, partecipa alla Maratona di New York finendo al quarto posto, nel 2010 è ai nastri di partenza dei Campionati Italiani di Ciclismo, l'anno dopo ai mondiali in Danimarca. Dal nulla in cui il destino sembrava averlo relegato, Zanardi diventa un insaziabile consumatore di primati, imprese e adrenalina: torna al volante sui Kart e su una BMW Sauber riprova l'emozione della pista a Valencia, doppia uno dei personaggi di "Cars", la saga Disney e perfino la televisione lo vuole: nel 2010 conduce su Rai3 "E se domani", un programma di divulgazione scientifica, seguito due anni dopo la "Sfide". Nel 2016 è protagonista alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro, portandosi a casa due ori e un argento nelle diverse discipline della Handbike.

Cos'abbia ancora in mente Zanardi nessuno lo sa, ma sanno tutti come andrà a finire: Alex ce la farà. Ce l'ha sempre fatta.

Mondo
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta