Alex Zanardi entra nella leggenda l'Ironman di Barcellona è da record

| A cinquant'anni suonati, il grande atleta è riuscito a scendere sotto la soglia delle 9 ore: una nuova impresa "impossibile" per tanti, ma non per lui

+ Miei preferiti

Quello che il destino gli ha tolto, lui ha deciso di riprenderselo, con i dovuti interessi. È difficile non provare ammirazione per Alex Zanardi, forse perché è davvero un esempio vivente di quanto la forza di volontà permetta di superare qualsiasi cosa, basta trovare ogni mattina la voglia di darsi un traguardo nuovo. O forse, nell'animo di ognuno c'è la sensazione che qualcosa di devastante potrebbe succedere, ed è un conforto sapere che rialzarsi è possibile.

L'ultima impresa di Alex, o meglio la più recente, ha avuto come scenario Barcellona, a poche ore di distanza dal tanto discusso referendum. Per la terza volta quest'anno, Zanardi ha preso parte alla devastante prova "Ironman" in scena nella città spagnola, riuscendo a superare sé stesso: 3,8 km in acqua, 180 in bici e 42,5 nella maratona in appena 8 ore, 58 minuti e 59 secondi. Il tutto alla "tenera" età di cinquant'anni, lasciandosi dietro altri 102 atleti italiani.

La storia di Alex

Alex, e la sua parlata emiliana che nel tempo si è smorzata senza andare via del tutto, com'è giusto che sia, ha avuto un'esistenza, la prima, che si è cristallizzata nel pomeriggio di sabato 15 settembre 2001 sul circuito di Lausitzring, in Germania. A undici giri dal termine, dopo essere uscito dai box, perde il controllo della sua Reynard Honda nell'esatto momento in cui arriva la Ford pilota italo canadese Alexander Tagliani, lanciata a 320 km/h. Il resto sono i contorni di una storia drammatica: trasportato in condizioni disperate in ospedale subisce l'amputazione di entrambe le gambe, ma nessuno sa dire se passerà la notte.

È lì, dopo mesi di ospedale e 14 interventi, che inizia la seconda vita di Alex Zanardi, figlio di un operaio e di una camiciaia di Bologna, cresciuto e allenato a pensare che una soluzione c'è sempre, e piangersi addosso non serve.

Il suo ritorno, gentile e mai sopra le righe, commuove il mondo intero: dove il corpo non gli permette più qualcosa, lui rimedia mettendoci forza, volontà e determinazione, perché non accetta l'idea di avere limiti, non è da lui. Alex ama lo sport, è proprio lì che vuole vivere, trasformandosi in un supereroe senza poteri, sempre che avere un cuore grande non lo sia.

Da allora, le sue imprese non si contano più: nel 2007, sei anni dopo l'incidente, partecipa alla Maratona di New York finendo al quarto posto, nel 2010 è ai nastri di partenza dei Campionati Italiani di Ciclismo, l'anno dopo ai mondiali in Danimarca. Dal nulla in cui il destino sembrava averlo relegato, Zanardi diventa un insaziabile consumatore di primati, imprese e adrenalina: torna al volante sui Kart e su una BMW Sauber riprova l'emozione della pista a Valencia, doppia uno dei personaggi di "Cars", la saga Disney e perfino la televisione lo vuole: nel 2010 conduce su Rai3 "E se domani", un programma di divulgazione scientifica, seguito due anni dopo la "Sfide". Nel 2016 è protagonista alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro, portandosi a casa due ori e un argento nelle diverse discipline della Handbike.

Cos'abbia ancora in mente Zanardi nessuno lo sa, ma sanno tutti come andrà a finire: Alex ce la farà. Ce l'ha sempre fatta.

Mondo
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni