Amazon Go: il supermarket senza code

| Si entra, si prende ciò che si vuole e si esce: basta avere un account e una carta di credito. Un sofisticato supermercato così tecnologico da non temere più neanche i furti

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Le code alle casse? Non ci sono. Soldi, bancomat e carte di credito? Si possono lasciare a casa. L’unica cosa che serve, per fare la spesa da “Amazon Go”, sono un account, uno smartphone e una app.

È probabilmente il supermercato del futuro prossimo, il punto vendita aperto pochi giorni fa a Seattle da “Amazon”, colosso americano del commercio online. Per adesso, “Amazon Go” è un’esperienza nuova che attira curiosi nei 167 metri quadri al 2131 della centralissima 7th avenue, attratti dall’idea illusoria (e perfino un po’ perfida) di poter entrare, prendere ciò che si vuole e uscire, senza sensori, porte allarmate e guardiani dall’aria cagnesca. In realtà, sia chiaro fin dall’inizio, lì dentro non si regala nulla, perché ogni prodotto e ogni movimento all’interno del negozio è controllato e tracciato in modo millimetrico. Il conto, dopo aver scannerizzato in automatico la spesa di ogni cliente, autorizzato all’ingresso da un apposito codice QR, finisce sull’account, ovviamente collegato ad una carta di credito.

Sensori e telecamere sono ovunque, e non per evitare i furti, perché quelli sono considerati tecnicamente impossibili: basta prendere un prodotto e metterlo in una qualsiasi borsa, tasca, valigia o pertugio perché scatti l’addebito. E in caso di ripensamenti, il sistema defalca il dovuto: è sufficiente risistemare il prodotto sullo scaffale, dando anche una mano non indifferente all’ordine generale del supermercato.

Qualche umano, fra il personale, c’è ancora: sistemano i prodotti sugli scaffali, controllano i documenti di chi acquista alcolici e sono pronti a spiegare il funzionamento a chi si avvicina per la prima volta al mondo altamente automatizzato di Amazon Go. Ma per il resto, ognuno fa per sé.

Dietro a tutto questo, si nasconde un enorme lavoro costato anni di fatiche, per rendere inappuntabile e preciso il sistema fra migliaia di possibili variabili. Considerando che il percorso di ogni cliente è “mappato” con precisione, era necessaria un’estrema affidabilità, per non confondere o perdere i movimenti degli avventori e soprattutto evitare addebiti sbagliati.

Nick Wingfield, giornalista del “New York Times”, è stato fra i primi a testare il supermercato sperimentale di Amazon. Nel suo servizio, ha raccontato la strana sensazione di poter prendere qualcosa dagli scaffali e mettersela in tasca: un’inquietudine che passa appena sullo smartphone compare l’addebito. Ha anche chiesto al colosso dell’e-commerce l’autorizzazione a tentare un furto: sfilare una bibita dallo scaffale e nasconderla immediatamente sotto un sacchetto. Niente da fare: l’addebito è arrivato comunque.

Galleria fotografica
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 1
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 2
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 3
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 4
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 5
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 6
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 7
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 8
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 9
Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità