Amazon Go: il supermarket senza code

| Si entra, si prende ciò che si vuole e si esce: basta avere un account e una carta di credito. Un sofisticato supermercato così tecnologico da non temere più neanche i furti

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Le code alle casse? Non ci sono. Soldi, bancomat e carte di credito? Si possono lasciare a casa. L’unica cosa che serve, per fare la spesa da “Amazon Go”, sono un account, uno smartphone e una app.

È probabilmente il supermercato del futuro prossimo, il punto vendita aperto pochi giorni fa a Seattle da “Amazon”, colosso americano del commercio online. Per adesso, “Amazon Go” è un’esperienza nuova che attira curiosi nei 167 metri quadri al 2131 della centralissima 7th avenue, attratti dall’idea illusoria (e perfino un po’ perfida) di poter entrare, prendere ciò che si vuole e uscire, senza sensori, porte allarmate e guardiani dall’aria cagnesca. In realtà, sia chiaro fin dall’inizio, lì dentro non si regala nulla, perché ogni prodotto e ogni movimento all’interno del negozio è controllato e tracciato in modo millimetrico. Il conto, dopo aver scannerizzato in automatico la spesa di ogni cliente, autorizzato all’ingresso da un apposito codice QR, finisce sull’account, ovviamente collegato ad una carta di credito.

Sensori e telecamere sono ovunque, e non per evitare i furti, perché quelli sono considerati tecnicamente impossibili: basta prendere un prodotto e metterlo in una qualsiasi borsa, tasca, valigia o pertugio perché scatti l’addebito. E in caso di ripensamenti, il sistema defalca il dovuto: è sufficiente risistemare il prodotto sullo scaffale, dando anche una mano non indifferente all’ordine generale del supermercato.

Qualche umano, fra il personale, c’è ancora: sistemano i prodotti sugli scaffali, controllano i documenti di chi acquista alcolici e sono pronti a spiegare il funzionamento a chi si avvicina per la prima volta al mondo altamente automatizzato di Amazon Go. Ma per il resto, ognuno fa per sé.

Dietro a tutto questo, si nasconde un enorme lavoro costato anni di fatiche, per rendere inappuntabile e preciso il sistema fra migliaia di possibili variabili. Considerando che il percorso di ogni cliente è “mappato” con precisione, era necessaria un’estrema affidabilità, per non confondere o perdere i movimenti degli avventori e soprattutto evitare addebiti sbagliati.

Nick Wingfield, giornalista del “New York Times”, è stato fra i primi a testare il supermercato sperimentale di Amazon. Nel suo servizio, ha raccontato la strana sensazione di poter prendere qualcosa dagli scaffali e mettersela in tasca: un’inquietudine che passa appena sullo smartphone compare l’addebito. Ha anche chiesto al colosso dell’e-commerce l’autorizzazione a tentare un furto: sfilare una bibita dallo scaffale e nasconderla immediatamente sotto un sacchetto. Niente da fare: l’addebito è arrivato comunque.

Galleria fotografica
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 1
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 2
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 3
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 4
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 5
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 6
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 7
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 8
Amazon Go: il supermarket senza code - immagine 9
Mondo
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro