Anche Ringo Starr sarà “Sir”

| Il timido ed introverso ex batterista dei Beatles è stato finalmente incluso nella “Honours List” di fine anno

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Beati gli ultimi, dice un celebre detto che Richard Henry Starkey, al secolo Ringo Starr, deve aver fatto proprio da tempo. Quando picchiava i tamburi per i “Beatles” era celebre e amato come tutti gli altri, ma la sua popolarità non riesce a raggiungere mai quella dei suoi tre colleghi, tutti così avanti sul palco da meritarsi torme di ragazzine urlanti.

E perfino la Elisabetta, l’inflessibile sovrana, sembrava aver fatto due pesi e due misure: nel 1977 convoca Paul McCartney a palazzo e lo nomina “Sir”, massimo titolo di cavalierato possibile per un suddito. Li aveva già nominati “baronetti” ai tempi del loro successo, ma quando è ora di mettere mano all’elenco dei “Sir”, si scorda degli altri tre.

Adesso, a quarant’anni di distanza, perfino “Lilibeth”, come la chiamano i parenti più stretti, ha in mente di rimediare. Secondo il “Sun”, nella tradizionale “Honours List” stilata alla fine di ogni anno, comparirebbe finalmente anche il nome di Ringo Starr.

Sir? No, grazie

Sono tanti, gli artisti glorificati dal titolo di “Sir” per speciale concessione di Sua Maestà. Insieme a Paul McCartney, figurano Mick Jagger, Elton John, il pilota di F1 Lewis Hamilton, Peter Jackson, regista della trilogia del “Signore degli Anelli” e lo scrittore Salman Rushdie.

Non è così per Bono Vox degli U2, cavaliere dell’Ordine Britannico dal 2009 ma impossibilitato a ricevere il titolo di Sir per i natali irlandesi. Per contro, la storia racconta di almeno 277 rifiuti clamorosi protocollati da Downing Street, come quello del regista Alfred Hitchcock, di due pittori come Lucian Freud e Francis Bacon, lo scrittore Henry Moore, l’attore Trevor Howard e ancora Graham Greene, Roald Dahl, autore de “La fabbrica di cioccolato” e, più di recente, quello del compianto David Bowie.

Ringo, the drumman

Il batterista dei Beatles, anch’egli di Liverpool, come perfino le pietre sanno da tempo, nasce a Dingle, quartiere piuttosto male in arnese della zona operaia più umile. Malaticcio, entra ed esce dagli ospedali, ed è proprio nei lunghi mesi in sanatorio che si appassiona alla batteria che gli ha appena regalato il patrigno, per la gioia dei vicini.

Con le sue prime band incrocia più volte i neonati Beatles, che poco dopo gli propongono di sostituire Pete Best, il primo batterista, scarsamente considerato da Brian Epstein in vista del provino negli studi londinesi di Abbey Road.

Eppure, malgrado un inizio stentato, Ringo diventerà a tutti gli effetti la quarta anima dei Beatles, per cui scriverà due brani prestando la propria voce, modesta secondo i critici, ai cori della band.

Quando l’avventura dei “Fab Four” si chiude, Ringo alterna la musica a fotografia e cinema (compare in quattro pellicole, di cui una diretta). È proprio nel mondo del cinema che conosce Barbara Bach, la sua seconda moglie, sposata nel 1981.

Galleria fotografica
Anche Ringo Starr sarà “Sir” - immagine 1
Anche Ringo Starr sarà “Sir” - immagine 2
Anche Ringo Starr sarà “Sir” - immagine 3
Anche Ringo Starr sarà “Sir” - immagine 4
Mondo
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal