Anche una pista italiana per la morte della giornalista maltese anti-corruzione

| La presenza sull'isola di personaggi legati ai traffici di esseri umani e petrolio, le modalità e le prime analisi, farebbero pensare ad un'esecuzione di stampo mafioso

+ Miei preferiti
"Non dimenticherò mai la corsa nei campi: cercavo un modo per aprire la portiera dell'auto. Ho guardato a terra, c'erano pezzi del corpo di mia madre dappertutto". Le parole affidate ad un post da Matthew Caruana Galizia, primogenito di Daphne, la giornalista uccisa lunedì 16 ottobre da un'esplosione, sono un pungo nello stomaco: "Mia madre è stata uccisa perché si è trovata nella terra di mezzo, tra la legge e un paese di corrotti, imbecilli e incompetenti".

Da quel giorno, l'aria a Malta si è fatta pesante: il post di Ramon Mifsud, un agente di polizia incaricato di seguire il caso che commentava allegramente la notizia, aggiungendo "Alla fine tutti hanno quello che si meritano", gli è costato il posto. L'ennesimo imbarazzo per il premier Joseph Muscat, fra i primi a dichiararsi profondamente colpito per l'omicidio, su cui assicura il massimo dell'impegno nelle indagini di fronte ai giornalisti di tutto il mondo, corsi a Malta per seguire quello che omicidio sembra pronto per diventare un lavaggio dei panni sporchi di fronte alla comunità internazionale. Per adesso, Muscat non sbilancia: intervistato, glissa la domanda sui possibili mandanti: "Sarei un irresponsabile se adesso puntassi il dito contro qualcuno".

Sulla dinamica dell'attentato, un testimone ha raccontato di aver sentito due esplosioni distinte: la prima, meno potente, era probabilmente quella che ha attivato il detonatore dell'ordigno nascosto nel serbatoio della Peugeot 108, che ha fatto a pezzi la giornalista.

Le indagini

Julian Assange, l'attivista reso celebre dai dossier "WikiLeaks" che ha fatto tremare il mondo, ha promesso 20mila euro a chiunque fornisca indizi utili a smascherare i killer. Ma malgrado la buona volontà di Assange, non sarà facile mettere insieme il percorso della bomba e delle mani che l'hanno piazzata. Le prime indagini sembrano concentrarsi su una pista che potrebbe avere base in Libia, con sosta  forzata a Malta prima di arrivare in Italia. Percorsi delicati, su cui si concentrano autentici fiumi di droga, denaro, petrolio e prostituzione. In una sola parola: mafia, allo stato puro. Le modalità dell'esecuzione d'altra parte sono una sorta di firma, così come la raffinatezza dell'esplosivo utilizzato, che dalle prime analisi sembra ricondurre ad una matrice italiana.

Nulla è lasciato al caso, soprattutto il filone più recente seguito come un segugio da Daphne, che dopo aver fatto le pulci alla corte del premier Muscat, moglie compresa, accusata di aver intascato un milione di euro, si era concentrata sul filone del narcotraffico e dei misteriosi collegamenti di Adrian Delia, capo dell'opposizione, sui cui conti sarebbero transitati diversi milioni di euro. 

Ad avvalorare la possibile matrice mafiosa l'insediamento sull'isola di personaggi senza scrupoli ben conosciuti dalle polizie internazionali, gente legata al traffico di esseri umani e al contrabbando di petrolio sottratto in Libia per essere dirottato verso l'Italia a bordo di petroliere russe.

Secondo qualcuno, il peggio per il marciume diffuso di Malta dovrebbe ancora arrivare: la fuga di migliaia di società e fondi d'investimento dall'Inghilterra a causa della Brexit, si tradurrebbe in uno sbarco di massa sull'isola del Mediterraneo, dove il clima è ottimo, ma soprattutto le condizioni economiche sono straordinarie. Di più: esplosive.

Mondo
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal