Arrestato il magnate che critica Xi Jinping

| Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese

+ Miei preferiti
Ren Zhiqiang, un magnate immobiliare in pensione con stretti legami con alti funzionari cinesi, è scomparso a marzo dopo aver firmato un articolo in cui criticava la risposta di Xi Jinping alla pandemia. Nelle scorse ore è emerso che un tribunale di Pechino l’ha condannato a 18 anni di carcere e 620 milioni di dollari di multa per diverse accuse tra cui l’appropriazione indebita di circa 16,3 milioni di dollari (110,6 milioni di yuan) in fondi pubblici, tangenti e abuso di potere che ha causato perdite per un totale di 17,2 milioni di dollari (116,7 milioni di yuan) all’azienda statale di cui che un tempo era a capo.

Secondo la corte, Zhiqiang “ha confessato volontariamente tutti i suoi crimini ed era pronto ad accettare il verdetto della corte dopo che tutti le somme illegalmente intascate sono state recuperate”.

Secondo gli osservatori internazionali, il sistema giudiziario cinese ha una percentuale di condanna di circa il 99%, e le accuse di corruzione sono spesso utilizzate per perseguire i dirigenti statali che si scontrano con il Partito comunista.

La pesante condanna di Ren Zhiqiang sembra un modo per mandare un messaggio molto chiaro agli altri membri dell’elite cinese: qualsiasi critica o sfida a Xi non sarà tollerata, dato che Pechino continua ad affrontare le conseguenze della pandemia e le intense pressioni internazionali di Washington.

Il 69enne Ren Zhiqiang si è più volte esposto criticando apertamente la politica cinese, molto più di quanto sia consentito, una schiettezza gli è valsa il soprannome di “Cannone” sui social cinesi.

Nel saggio pubblicato a marzo, attribuito a Ren, l’autore si è scagliato contro la repressione del partito sulla libertà di stampa e l’intolleranza verso il dissenso. Il saggio non menzionava direttamente Xi, ma si riferiva obliquamente al leader del Paese come a un “pagliaccio assetato di potere”, riferendosi al discorso che Xi ha fatto di fronte a 170mila funzionari in tutto il Paese in una videoconferenza del 23 febbraio scorso sulla pandemia.

Il testo accusa il Partito comunista di mettere i propri interessi al di sopra della sicurezza del popolo cinese, con lo scopo di garantire il proprio dominio. “Senza un mezzo di comunicazione che rappresenti gli interessi della gente pubblicando i fatti reali, la vita del popolo è devastata dal virus e da un sistema malato”. Poco dopo la pubblicazione online del saggio, Ren Zhiqiang è scomparso, lascando la famiglia con il timore che fosse stato arrestato. Le autorità hanno confermato che dall’inizio di aprile il magnate era  sotto inchiesta per corruzione.

Non è la prima volta che Ren Zhiqiang si scontra con la leadership cinese per aver detto quello che pensa. Nel 2016, è stato arrestato per le aspre critiche all’indirizzo di Xi, dopo che la richiesta ai media statali di attenersi fedelmente alle linee del partito. Grazie all’influenza della sua immagine e la popolarità di cui gode, è stato rimesso in libertà dopo un anno. Ma questa volta sembra non ci sia una seconda possibilità: se sarà costretto a scontare l’intera pena, quando sarà rilasciato avrà superato gli 80 anni.

Mondo
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock