Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù

| Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo

+ Miei preferiti
Nella sua prima vita, Sergej Torop – altrimenti detto “Vissarion” - era stato un agente della polizia stradale conosciuto fra i colleghi per la sua inflessibilità. Difficile scampare a una multa, se Sergej ti metteva gli occhi addosso. Ma qualcosa di strano i colleghi iniziano a vederlo quando Torop dice che diversi automobilisti fermati per controllo scendevano dall’auto e si inginocchiavano davanti a lui. Che fosse per implorarlo di non ricevere una multa non si sa, ma Sergej Torop finisce per crederci, convincendo se stesso di essere la reincarnazione di Gesù Cristo.

Lasciata la polizia, nel 1991 Vissarion si fa crescere barba e capelli, e fonda la “Chiesa dell’Ultimo Testamento” che negli anni raccoglie 4.000 fedeli in una trentina di villaggi siberiani e altri 10.000 in tutto il mondo. Di lui iniziano ad occuparsi i media internazionali e a tutti Vissarion racconta di aver ricevuto la visita dello Spirito Santo, che l’avrebbe invitato a portare la parola e la salvezza fra la gente. Ai seguaci è vietato bere, fumare e usare denaro: credono alla reincarnazione, devono sposare il vegetarianesimo e contano gli anni dal 1961, anno di nascita di Torop, festeggiando il Natale il 14 gennaio, giorno del suo compleanno.

Pochi giorni fa, Vissarion, 59 anni, è stato arrestato nel corso di un blitz delle forze dell’ordine russe insieme ad un gruppo di discepoli con l’accusa di aver fondato un’organizzazione che si impossessava dei beni degli adepti, molti dei quali sottoposti ad abusi.

Galleria fotografica
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù - immagine 1
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù - immagine 2
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù - immagine 3
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù - immagine 4
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù - immagine 5
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù - immagine 6
Mondo
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni