ATTENTATO MANCHESTER 22 MORTI

| ORE 22,30. Verifiche della Farnesina. Kamikaze Isis si fa esplodere nel palazzetto dello Sport dove era appena finito il concerto di Ariana Grande. Vittime adolescenti e bambine, 65 feriti molti gravissimi

+ Miei preferiti
At least nineteen concert-goers were killed last night and 50 injured in what was being treated as a terror attack when an explosion hit the Manchester Arena at the end of a pop show. Witnesses described hearing a huge bang shortly after 10.30pm at the entrance to the Arena as thousands of people made their way out of a concert by the American singer Ariana Grande.

Police were last night reportedly looking into the possibility a suicide bomber had carried out deadly attack, but there was no official confirmation. (The Telegraph)-
Nel frattempo il kamikaze è stato identificato dall'antiterrorismo.
E' un cittadino britannico radicalizzato da tempo. Le vittime sono ragazzine. La deflagrazione è avvenuta nel foyer, non lontano dalla biglietteria alle 22.30. Finito il concerto, la gente stava iniziando a lasciare l'Arena, tra le più grandi in Europa, che ha una capienza di circa 20 mila persone. E ieri sera, per Ariana Grande, era affollata di giovanissimi. Una sola esplosione, forttissima. Forse l'ordigno era stato riempito di chiodi e bulloni. In fuga disperata centinaia di persone che si sono dirette verso le uscite di sicurezza, per fortuna aperte. Gli attentatori avevano previsto ulteriori vittime a causa del panico nella fase dell'evacuazione. La folla si è subito riversata nelle strade adiacenti alla Manchester Arena. "Ariana aveva appena finito di cantare e stava lasciando il palco - ha raccontato un testimone alla Cnn - Mi sono guardando intorno perché ho sentito un boato, e poi tanta gente che urlava e piangeva e si riversava verso l'uscita, per allontanarsi dall'arena". Tw di Ariana Grande: "Sono sconvolta, immensamente dispiaciuta, vicino ai familiari e agli amici delle vittime". 
Cosa vuole Isis.
Vuole indurci ad avere paura, non solo ad uscire di casa ma di temere per il nostro modello di vita. Lo fa con le decapitazioni, con gli attentati in Siria e Iraq dove da noi hanno scarsa eco ma che costano decine di morti; vuole creare un un danno alle nostre economie, paralizzando le comunicazioni, cercando di indurre molti a rinunciare a viaggiare; vuole farci credere che questa è guerra vera. Ma non lo è. E' terrorismo; Isis vuole spingerci nel ventre stesso dell'odio, nella matrice alfa; vuole farci odiare i musulmani che vivono nei nostri Paesi, vuole convincerci che ogni musulmano che vive pacificamente con noi è un nemico; vuole spingerci a colpire e isolare le comunità religiose per creare una sempre più vasta ondata di odio. Mentre il Califfato sta perdendo Mosul, Raqqa, mentre sta arretrando ovunque abbia stabilito un presidio militare, vuole portarci la guerra in casa. Vuole spingerci a creare uno stato di attenzione permanente, uno Stato di polizia, creare le condizioni per nuovi massicci investimenti nella sicurezza, sapendo che le casse europee sono ancora stremate dalla crisi.
All'Occidente, a noi,  non resta che resistere e reagire. L'esempio della Francia e del Belgio e prima ancora del Regno Unito nel 2006, ai tempi dell'attacco nella metro non hanno insegnato niente agli strateghi del terrore. Riceveranno la solita lezione. L'Isis non fermerà l'Occidente. Anzi il contrario. Rafforza la stessa idea di Europa nazione unita, ci aiuta a superare le divisioni e i contrasti. Oggi vicini all'Inghilterra della May e della Brexit


Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino