ATTENTATORE UCCISO NOTO ALLA POLIZIA ISIS RIVENDICA AZIONE SUI SITI RADICALI

| SPARATORIA SUGLI CHAMPS ELYSEES. ARRESTATI ANCHE I FAMILIARI DEL TERRORISTA

+ Miei preferiti
Attacco nel cuore di Parigi, sugli Champes Elysees, a colpi di kalashnikov: ucciso un poliziotto, morto anche l'assalitore. Altri due agenti sono rimasti feriti. Potrebbero esserci dei complici dell'aggressore in fuga. Il Presidente della Repubblica, François Hollande, parlando in diretta tv, ha dichiarato: "È terrorismo". L'Isis, secondo quanto riferito dal sito Site, avrebbe rivendicato l'attentato. 

Ecco quanto sarebbe accaduto, sulla base delle prime ricostruzioni.

"L'assalitore ha aperto il fuoco contro il furgone della polizia - ha riferito il portavoce del ministero dell'Interno, Pier re-Henry Brandet -Poi ha cercato di fuggire a piedi, prima di essere ucciso". Il Site intel group, agenzia specializzata nel monitoraggio delle fonti legate al radicalismo islamico sul web, pubblica la rivendicazione di Daesh, nella quale si indica come l'aggressore Abu Yusuf al-Beljiki, Abu Yusuf il belga. Secondo quanto riferito dal portavoce del ministero dell'Interno francese, Pierre Henry Brandet, l'attentatore sarebbe sceso da un veicolo e avrebbe cominciato a sparare con i kalashnikov contro un furgone della Polizia di pattuglia in sosta. Uno degli agenti è morto sul colpo, mentre due sono rimasti gravemente feriti. Il ministero dell'Interno fin da subito ha parlato di terrorismo e il bersaglio di questo attacco era proprio la Polizia. Non è però esclusa nessuna pista. Secondo la rete Bfmtv, l'assalitore ucciso avrebbe annunciato su Telegram l'intenzione di uccidere dei poliziotti.
La sparatoria è avvenuta all'altezza del civico 104 degli Champs Elysees, nei presi del grande magazzino Marks & Spencer. Solo due giorni fa a Marsiglia sono state arrestate due persone in procinto di preparare un attentato. La tensione in Francia rimane altissima.


La polizia francese ha preso in custodia tre familiari dell'attentatore ucciso nella sparatoria con la polizia nell'attacco militante islamico costato di ieri sera la vita a un poliziotto a Parigi.

Lo riferisce una fonte legale. 

Intanto, un uomo che le autorità belghe avevano segnalato alla Francia per un possibile coinvolgimento nell'attacco si è consegnato alla polizia di Anversa, secondo l'agenzia di stampa 'Belga'.

Parlando alla radio 'Europe 1' dopo la sparatoria sugli Champs Elysees, il portavoce del ministero dell'Interno Pierre-Henry Brandet aveva detto che un secondo uomo è stato identificato dalle forze di sicurezza belghe e segnalato alle autorità.

L'attentato, rivendicato dallo Stato islamico, offusca l'ultimo giorno di campagna elettorale per le presidenziali, con il centrista Emmanuel Macron che mantiene lo status di favorito nei sondaggi. Oggi la candidata di estrema destra Marine Le Pen ha chiesto che la Francia ripristini immediatamente i controlli alle frontiere e proceda all'espulsione degli stranieri che compaiono nelle liste dei servizi di intelligence.

Nell'attentato sono rimasti feriti altri due poliziotti. 

Il presidente François Hollande ha detto di essere convinto che l'omicidio "codardo" sia un atto di terrorismo. 

La strada che porta all'Arco di Trionfo ieri sera era affollata di parigini e turisti pronti a godersi una serata primaverile, ma la polizia ha rapidamente sfollato la zona, che è rimasta deserta tutta la notte, se si escludono agenti pesantemente armati e veicoli della polizia.

 

Mondo
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa