Australia, la catastrofe del secolo

| Il Nuovo Galles del Sud dichiara lo stato di emergenza per 7 giorni, ma sono ormai decine i micidiali incendi boschivi che stanno mettendo in ginocchio il Paese

+ Miei preferiti
Lo stato australiano del Nuovo Galles del Sud ha dichiarato lo stato di emergenza e potrebbe iniziare le evacuazioni forzate dalle aree colpite dal fuoco, mentre le squadre di emergenza combattono contro i fronti degli incendi e si preparano per un weekend che si annuncia molto difficile.

Il premier dello Stato, Gladys Berejiklian, ha dichiarato che lo stato di emergenza entrerà in vigore venerdì mattina, quando è previsto che le condizioni meteorologiche peggioreranno, aumentando ulteriormente il pericolo di roghi.

È la terza volta che il NSW dichiara lo stato di emergenza in altrettanti mesi: le ultime due volte, a novembre e dicembre, hanno concesso poteri straordinari al commissario dei vigili del fuoco. Una decisione che arriva a prevedere l’evacuazione forzata dei residenti, la chiusura delle strade e qualsiasi altra decisione si renda necessaria per mettere la popolazione in sicurezza. “Vogliamo essere certi di prendere ogni precauzione per essere preparati a quello che potrebbe trasformarsi un giorno orribile”.

Le evacuazioni sono già in corso: i vigili del fuoco hanno istituito una zona di contenimento che si estende dalla zona costiera di Batemans Bay al confine con lo stato di Victoria e stanno invitando tutti i turisti a presentarsi volontariamente prima di sabato, quando le temperature supereranno i 40 gradi, e insieme a siccità e venti aumenteranno il rischio di ulteriori incendi. “È un insieme di condizioni estremamente pericolose: sconsigliamo a tutti di essere in questa zona nella giornata di sabato”.

Turisti e residenti stanno dimostrando di aver preso sul serio l’allarme: le autostrade di Batemans Bay e Nowra, entrambe vicine ai grandi incendi, sono intasate da lunghe file di auto in attesa di partire, e si stima che decine di migliaia di persone si trovino nella regione, fra città e villaggi costieri molto amati dai turisti.

L’evacuazione è resa più difficile in alcune città dove le strade sono state chiuse e le comunità tagliate fuori: nello stato di Victoria, secondo il premier Daniel Andrews, ci sono 24 comunità isolate, tra cui la città balneare di Mallacoota, dove migliaia di residenti sono fuggiti dalle loro case per cercare rifugio in riva al mare. Una nave della marina militare è pronta a fare la spola per trasportare fino a 800 fra residenti e turisti in un luogo sicuro, e a questo potrebbero seguire le evacuazioni via cielo, se il fumo denso inizierà ad allontanarsi dalla zona.

Gli incendi devastano l’Australia da mesi, e difficilmente si fermeranno a breve: il Paese è nei primi mesi dell’estate, e le temperature raggiungono il picco fra gennaio e febbraio. “La stagione degli incendi ha ancora molto tempo a disposizione”, commentano in modo amaro le autorità.

Finora sono morte 17 persone in tutto il Paese, e i danni maggiori si sono concentrati nel NSW. In tutto lo stato, secondo i Vigili del Fuoco, quasi 1.300 case sono state distrutte e altre 442 sono state danneggiate. Gli incendi hanno consumato intere città e spazzato via il “bush”: i forti venti cambiano spesso direzione, alimentano le fiamme e trasportano tizzoni e scintille a grande distanza. A questo si è aggiunto un peggioramento della qualità dell’aria a Canberra, Sydney e Melbourne, grandi centri urbani soffocati da fumo denso e nebbia. Le condizioni potrebbero migliorare da lunedì, quando la pioggia dovrebbe portare un po’ di sollievo.

Secondo gli esperti, il cambiamento climatico ha peggiorato la portata e l’impatto della stagione degli incendi, e molti accusano l’amministrazione del premier Morrison di non fare abbastanza. Agli inizi dello scorso dicembre, una donna ha scaricato i resti della sua casa devastata dal fuoco davanti al parlamento australiano.

Galleria fotografica
Australia, la catastrofe del secolo - immagine 1
Australia, la catastrofe del secolo - immagine 2
Australia, la catastrofe del secolo - immagine 3
Australia, la catastrofe del secolo - immagine 4
Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità