Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia

| Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles

+ Miei preferiti
Il rapporto stilato dall’organizzazione giuridica “Redfern Legal Center” è diventato un caso che ha gettato nello sconcerto in tutta l’Australia. Secondi i dati, filtrati attraverso i rapporti ufficiali, tra il 2016 ed il 2019 ben 122 fra bambine e ragazze di età compresa tra i 12 e i 17 anni sono state obbligate a spogliarsi per perquisizioni volute dalla polizia del Nuovo Galles. Numeri che diventano ancora più imbarazzanti se si tolgono i limiti di età, dimostrando che lo stesso trattamento è stato riservato quasi 4.000 donne e ragazze di ogni età, ufficialmente perquisite alla ricerca di sostanze stupefacenti.

Un caso che si è trasformato in un macigno sull’operato della polizia, per legge autorizzata ad effettuare perquisizioni corporali che necessitano di togliere i vestiti agli adulti solo quando è ritenuto strettamente necessario. Gli agenti hanno la facoltà di richiedere a bambini di età compresa tra 10 e 18 anni di togliersi i vestiti solo se in presenza di un genitore o un tutore.

David Elliott, ministro dell’interno del Nuovo Galles, tentando di smorzare l’inevitabile ondata di polemiche contro la polizia che infuria da settimane, ha affermato che “Purtroppo ci sono stati casi di bambini di 10 anni sospettati di attività terroristiche”. Ma Samantha Lee, a capo della commissione d’indagine interna della polizia, lo ha subito smentito, affermando che dai verbali della maggior parte dei casi, le prove e i sospetti erano del tutto insufficienti per arrivare a tanto: “La legge dovrebbe essere cambiata per proibire la perquisizione corporale sui bambini senza un preciso ordine del tribunale. Al momento, capita che ragazzine di 12 o 13 anni siano portate dalla polizia in uno strano posto dove qualcuno ordina loro di togliersi i vestiti”.

Il ministro Elliot ha replicato a sua volta, dicendo che un terzo delle persone perquisite è risultato colpevole di aver commesso un reato: “Se un figlio facesse parte di quel 34%, penso che chiunque sarebbe contento di sapere che la polizia l’ha scoperto e quindi salvato”.

Ma ben prima che le statistiche fossero pubblicate, sulla polizia del Nuovo Galles circolavano aspre critiche su metodi d’indagine non sempre ortodossi. Vicki Sentas, docente di diritto all’Università del New South Wales, è convinta che l’obbligo di far spogliare giovani donne non sia solo umiliante, ma anche illegale. Qualche mese fa, la “Law Enforcement Conduct Commission” ha aperto un’inchiesta dopo la denuncia di una 16enne fermata e obbligata a denudarsi dalla polizia durante un festival musicale. Nell’udienza in tribunale, la giovane ha raccontato di essere stata obbligata a spogliarsi totalmente e di accovacciarsi di fronte ad un agente di polizia: “Non potevo credere che questo stesse accadendo davvero: non riuscivo a smettere di piangere”.

Mondo
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo