Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia

| Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles

+ Miei preferiti
Il rapporto stilato dall’organizzazione giuridica “Redfern Legal Center” è diventato un caso che ha gettato nello sconcerto in tutta l’Australia. Secondi i dati, filtrati attraverso i rapporti ufficiali, tra il 2016 ed il 2019 ben 122 fra bambine e ragazze di età compresa tra i 12 e i 17 anni sono state obbligate a spogliarsi per perquisizioni volute dalla polizia del Nuovo Galles. Numeri che diventano ancora più imbarazzanti se si tolgono i limiti di età, dimostrando che lo stesso trattamento è stato riservato quasi 4.000 donne e ragazze di ogni età, ufficialmente perquisite alla ricerca di sostanze stupefacenti.

Un caso che si è trasformato in un macigno sull’operato della polizia, per legge autorizzata ad effettuare perquisizioni corporali che necessitano di togliere i vestiti agli adulti solo quando è ritenuto strettamente necessario. Gli agenti hanno la facoltà di richiedere a bambini di età compresa tra 10 e 18 anni di togliersi i vestiti solo se in presenza di un genitore o un tutore.

David Elliott, ministro dell’interno del Nuovo Galles, tentando di smorzare l’inevitabile ondata di polemiche contro la polizia che infuria da settimane, ha affermato che “Purtroppo ci sono stati casi di bambini di 10 anni sospettati di attività terroristiche”. Ma Samantha Lee, a capo della commissione d’indagine interna della polizia, lo ha subito smentito, affermando che dai verbali della maggior parte dei casi, le prove e i sospetti erano del tutto insufficienti per arrivare a tanto: “La legge dovrebbe essere cambiata per proibire la perquisizione corporale sui bambini senza un preciso ordine del tribunale. Al momento, capita che ragazzine di 12 o 13 anni siano portate dalla polizia in uno strano posto dove qualcuno ordina loro di togliersi i vestiti”.

Il ministro Elliot ha replicato a sua volta, dicendo che un terzo delle persone perquisite è risultato colpevole di aver commesso un reato: “Se un figlio facesse parte di quel 34%, penso che chiunque sarebbe contento di sapere che la polizia l’ha scoperto e quindi salvato”.

Ma ben prima che le statistiche fossero pubblicate, sulla polizia del Nuovo Galles circolavano aspre critiche su metodi d’indagine non sempre ortodossi. Vicki Sentas, docente di diritto all’Università del New South Wales, è convinta che l’obbligo di far spogliare giovani donne non sia solo umiliante, ma anche illegale. Qualche mese fa, la “Law Enforcement Conduct Commission” ha aperto un’inchiesta dopo la denuncia di una 16enne fermata e obbligata a denudarsi dalla polizia durante un festival musicale. Nell’udienza in tribunale, la giovane ha raccontato di essere stata obbligata a spogliarsi totalmente e di accovacciarsi di fronte ad un agente di polizia: “Non potevo credere che questo stesse accadendo davvero: non riuscivo a smettere di piangere”.

Mondo
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità
Coronavirus, entrano in azione i robot
Coronavirus, entrano in azione i robot
In una città della Cina centrale le autorità sanitarie hanno avviato una fase di test per la decontaminazione di aree a rischio attraverso i minirobot
Xi Jinping sotto accusa
Xi Jinping sotto accusa
Sapeva del virus e ha taciuto o è stato male informato dai funzionari locali? In entrambi i casi, il presidente cinese si trova in una situazione molto scomoda per la propria immagine
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale
Cina: centinaia di medici infettati
Cina: centinaia di medici infettati
Il personale medico è fra il più colpito dal coronavirus, ma le autorità cinesi non confermano. Drammatico l’allarme lanciato da infermieri in quarantena: ci insegnano come fare le tute protettive con i sacchi della spazzatura
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Un Paese devastato, che deve alzare il livello di allarme dell’intero pianeta, perché secondo gli esperti questo è solo un anticipo di quello che potremmo attenderci
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
È il risultato di uno studio realizzato da quattro scienziati tedeschi: resisterebbe fino a 9 giorni su vetro, metallo e plastica
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Gli economisti temono che se non viene fermato, il virus assesterà un duro colpo al PIL mondiale, già duramente provato dalla crisi iniziata nel 2008 e mai finita
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Tutti i Paesi vicini alla Cina registrano casi, tranne il regime di Pyongyang, dove secondo l’informazione ufficiale i controlli funzionano e la prevenzione è efficientissima
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei