Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani

| Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti

+ Miei preferiti
Una stima, che come tale si limita a dare un’idea assai imprecisa del fenomeno, ha svelato che ogni settimana in Australia si verificano più di 50 aggressioni con finalità sessuale nel settore dell’assistenza agli anziani. Le prime avvisaglie di uno scandalo che sta scuotendo nel profondo l’Australia risalgono al 2018, quando la commissione per la qualità e la sicurezza dell’assistenza alla terza età ha tolto il velo ad un radicato fenomeno di abusi e maltrattamenti verso gli anziani. La commissione avrebbe accertato circa 2.520 aggressioni avvenute in case di cura e ospiti nel biennio 2018-2019.

“Questa è una vergogna nazionale - commenta l’avvocato per i diritti civili Peter Rozen - e per quanto queste cifre siano inquietanti, le prove della mancanza di seguito da parte del dipartimento del governo australiano che riceve le segnalazioni sono, semmai, perfino peggiori”. Nei mesi scorsi i risultati fallimentari del settore della terza età sono diventati oggetto di un’enorme polemica: oltre il 75% dei 903 decessi per coronavirus in Australia si riferiscono ad anziani residenti nei centri di assistenza. Ma secondo l’avvocato Rozen le prove che dimostrano una “condotta sessuale illegale” è motivo di forte preoccupazione, aggiungendo che si ritiene colpisca fra il 13 e il 18% degli anziani che necessitano assistenza. “Molte famiglie hanno scelto di affidare i loro parenti più anziani o vulnerabili in case di cura, nella convinzione che sarebbero stati più al sicuro, ed è del tutto inaccettabile che è costretto nelle case di riposo sia esposte a un rischio di aggressione sostanzialmente più elevato rispetto a chi vive nelle nostre comunità”.

Nel complesso, gli investigatori hanno stimato che in un anno si siano verificate oltre 32.000 aggressioni tra fisiche, sessuali ed emotive, perpetrati da infermieri, badanti o da residenti stessi.

La commissione reale, principale forma di indagine australiana, è stata istituita nel 2018 dopo una serie di scandali avvenuti nelle strutture sovvenzionate dal governo. Da allora, ha ricevuto più di 10.000 segnalazioni che hanno dato un quadro dei problemi del personale, dell’eccessivo carico di lavoro e dell’inadeguatezza dell’assistenza.

In un rapporto pubblicato lo scorso ottobre chiamato “Neglect”, l’inchiesta ha rilevato che il sistema non è riuscito a prendersi cura dei “nostri cittadini più anziani, spesso molto vulnerabili. Non è in grado di fornire un’assistenza sicura e di qualità uniforme: in troppi casi, semplicemente trascura le necessità delle persone nella terza età”.

Ma quest’anno la pandemia ha aumentato in modo esponenziale i problemi all’interno del sistema: ci sono state forti critiche verso lo scarso interesse delle autorità sanitarie verso una fascia di cittadini assai vulnerabile, culminate con una vera strage di anziani colpiti dal virus in decine di case di riposo. Il governo Morrison ha risposto assicurando di essere pronto a e disposto a migliorare la sicurezza aumentando i finanziamenti per rendere più sicure le strutture che si prendono cura degli anziani. I risultati conclusivi delle indagini della commissione saranno pubblicati nel febbraio del prossimo anno.

Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati