Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»

| Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”

+ Miei preferiti
Ci sono “prove credibili” che le forze d’élite australiane abbiano ucciso senza alcun motivo 39 persone durante la guerra in Afghanistan. È lo sconvolgente risultato di un’inchiesta dell’ADF (Australian Defence Force) durata quattro anni, necessari per accertare la cattiva condotta delle forze militari. Nel rapporto si specifica che 19 militari, alcuni ancora in forza all’esercito, dovrebbero essere sottoposti a indagini da parte della polizia per le uccisioni arbitrarie di “prigionieri, contadini e civili” tra il 2009 e il 2013.

L’inchiesta, condotta dal giudice militare Paul Brereton, ha coinvolto più di 423 testimoni, 20mila documenti e 25mila immagini, finendo per delineare una “cultura guerriera” che serpeggia incontrollata in alcuni reparti militari. Le prove, definite schiaccianti, parlano del “blooding”, un “battesimo del sangue” a cui erano sottoposte le reclute, che per dimostrare fedeltà alla squadra dovevano sparare a prigionieri inermi e spesso innocenti. Le uccisioni venivano insabbiate sistemando armi e ordigni vicino ai corpi, per simulare una legittima difesa.

Secondo il rapporto, 25 soldati dei reparti “SAS (Special Air Service) avevano deciso di trasformarsi in giudici e boia partecipando in modo più o meno attivo a uccisioni del tutto illegali in almeno 23 diversi occasioni: secondo il generale Angus Campbell, capo dell’ADF, “nessuno di questi incidenti può essere definito come atto avvenuto in battaglia. Il rapporto rileva che una cultura violenta è stata abbracciata e amplificata da alcuni sottufficiali esperti che godevano di carisma e influenza sulle truppe”.

L’inchiesta è stata condotta a porte chiuse, il che significa che finora sono stati riportati pochi dettagli, ma la reazioni non si sono fatte attendere: “Se vogliamo affrontare la verità su quanto è accaduto, dobbiamo prima accettare un’altra sconcertante verità: l’esistenza di una cultura distorta e violenta che si è radicata all’interno dell’ADF”.

A richiedere formalmente l’avvio dell’inchiesta era stato il governo afghano, che aveva ricevuto rassicurazioni dall’Australia. Il presidente afghano, Ashraf Ghani, ha riferito che il premier australiano Scott Morrison ha voluto esprimere il suo “più profondo dolore” per i risultati dell’inchiesta.

Una vicenda che ricorda da vicino quella di un gruppo di militari americani che proprio in Afghanistan, fra il 20089 e l’anno successivo, si era reso responsabile di esecuzioni sommarie di civili nel distretto di Maywand. La vicenda era stata raccontata nel film “The Kill Team”.

Galleria fotografica
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte» - immagine 1
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte» - immagine 2
Mondo
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione
L’India travolta dai contagi
L’India travolta dai contagi
Il Paese è allo stremo: mancano posti letto, ossigeno e medicinali, in arrivo da diversi continenti. In Brasile, al contrario, Bolsonaro pronto a mandare l’esercito dove sono state imposte limitazioni che definisce “assurde”
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il sommergibile indonesiano scomparso mercoledì scorso individuato sul fondale al largo dell’isola di Bali: nessuna speranza per i 53 uomini di equipaggio