Bahamas, l’odore della morte

| Decine di volontari sono ancora alla ricerca dei 1300 dispersi dopo il passaggio dell'uragano Dorian: trovali è difficile, ma la presenza dei cadaveri rende l’aria irrespirabile

+ Miei preferiti
Ci vogliono pochi secondi per essere sopraffatti dal fetore della morte. A più di due settimane di distanza dal passaggio dell’uragano Dorian, che ha spazzato via interi quartieri, East Grand Bahama sembra ancora una zona di guerra. “Perfino la polizia fatica ad andare nelle zone più colpite: per loro è difficile assistere impotenti alla strage della propria gente”, racconta Patricia Freling, un’infermiera della Florida arrivata alle Bahamas come volontaria. “Circa 1.300 bahamiani sono ancora dispersi, e le autorità pensano che i corpi sepolti siano molti: ci stiamo preparando al peggio”. 

La consulente per la salute mentale Betsy Rosander è abituata a circostanze difficili, ma oggi è diverso: “Penso che vedremo delle cose davvero difficili”. L’equipe medica è guidata dalla 29enne Brittany Reidy, un’infermiera giunta alle Bahamas per aiutare i sopravvissuti nelle zone più devastate: “La maggior parte della gente non vuole avvicinarsi a questa zona, è una delle zone peggiori, su cui Dorian ha colpito duro”.

Durante l’ora di viaggio che separa Freeport all’estremità orientale di Grand Bahama, l’odore della carneficina si avverte nell’aria, ancora prima di vederla: “Questo è l’odore dei cadaveri”. Il bilancio ufficiale delle vittime della furia di Dorian è di 52 persone, ma è un numero destinato a salire: la maggior parte si teme siano intrappolati sotto montagne di macerie, altri potrebbero essere stati spazzati via dalle onde.

Tanya Steinlage, un’infermiera pediatrica americana, è al suo secondo viaggio nella devastazione dell’arcipelago che un tempo era un paradiso terrestre: “L’ultima volta ho dovuto buttare via i camici e gli abiti che indossavo: non ce l’ho fatta a resistere, sono dovuta andar via”.

I rischi per la salute a lungo termine abbondano, e raggiungere questa parte delle Bahamas è un’impresa enorme. La Grand Bahama Highway, un’ancora di salvezza che collega in lunghezza l’isola, è stata impraticabile in molti per giorni. Ora che l’autostrada è stata liberata, per i medici è più semplice raggiungere le zone più colpite.

Setacciano una dopo l'altra le abitazioni rimaste deserte: sulle pareti i segni che mostrano il livello impressionante raggiunto dall’acqua: “C’è odore di muffa e di marcio”. Ma la muffa non è l’unico rischio a lungo termine per la salute, in varie parti il fetore delle acque reflue riempie l’aria: non c’è acqua corrente, e il rischio di infezioni dilaga.

Alla fine del loro primo giorno a East Grand Bahama, i medici hanno individuato almeno 30 punti dove si avvertiva l’odore dei cadaveri, anche se non riuscivano a vederli. Helen Perry, infermiera e veterana dell’esercito, ha confidato che spera nell'arrivo delle squadre cinofile: se non lo fanno, la decomposizione potrebbe portare ad un’epidemia di colera.

Galleria fotografica
Bahamas, l’odore della morte - immagine 1
Bahamas, l’odore della morte - immagine 2
Bahamas, l’odore della morte - immagine 3
Mondo
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata