Bahamas, l’odore della morte

| Decine di volontari sono ancora alla ricerca dei 1300 dispersi dopo il passaggio dell'uragano Dorian: trovali è difficile, ma la presenza dei cadaveri rende l’aria irrespirabile

+ Miei preferiti
Ci vogliono pochi secondi per essere sopraffatti dal fetore della morte. A più di due settimane di distanza dal passaggio dell’uragano Dorian, che ha spazzato via interi quartieri, East Grand Bahama sembra ancora una zona di guerra. “Perfino la polizia fatica ad andare nelle zone più colpite: per loro è difficile assistere impotenti alla strage della propria gente”, racconta Patricia Freling, un’infermiera della Florida arrivata alle Bahamas come volontaria. “Circa 1.300 bahamiani sono ancora dispersi, e le autorità pensano che i corpi sepolti siano molti: ci stiamo preparando al peggio”. 

La consulente per la salute mentale Betsy Rosander è abituata a circostanze difficili, ma oggi è diverso: “Penso che vedremo delle cose davvero difficili”. L’equipe medica è guidata dalla 29enne Brittany Reidy, un’infermiera giunta alle Bahamas per aiutare i sopravvissuti nelle zone più devastate: “La maggior parte della gente non vuole avvicinarsi a questa zona, è una delle zone peggiori, su cui Dorian ha colpito duro”.

Durante l’ora di viaggio che separa Freeport all’estremità orientale di Grand Bahama, l’odore della carneficina si avverte nell’aria, ancora prima di vederla: “Questo è l’odore dei cadaveri”. Il bilancio ufficiale delle vittime della furia di Dorian è di 52 persone, ma è un numero destinato a salire: la maggior parte si teme siano intrappolati sotto montagne di macerie, altri potrebbero essere stati spazzati via dalle onde.

Tanya Steinlage, un’infermiera pediatrica americana, è al suo secondo viaggio nella devastazione dell’arcipelago che un tempo era un paradiso terrestre: “L’ultima volta ho dovuto buttare via i camici e gli abiti che indossavo: non ce l’ho fatta a resistere, sono dovuta andar via”.

I rischi per la salute a lungo termine abbondano, e raggiungere questa parte delle Bahamas è un’impresa enorme. La Grand Bahama Highway, un’ancora di salvezza che collega in lunghezza l’isola, è stata impraticabile in molti per giorni. Ora che l’autostrada è stata liberata, per i medici è più semplice raggiungere le zone più colpite.

Setacciano una dopo l'altra le abitazioni rimaste deserte: sulle pareti i segni che mostrano il livello impressionante raggiunto dall’acqua: “C’è odore di muffa e di marcio”. Ma la muffa non è l’unico rischio a lungo termine per la salute, in varie parti il fetore delle acque reflue riempie l’aria: non c’è acqua corrente, e il rischio di infezioni dilaga.

Alla fine del loro primo giorno a East Grand Bahama, i medici hanno individuato almeno 30 punti dove si avvertiva l’odore dei cadaveri, anche se non riuscivano a vederli. Helen Perry, infermiera e veterana dell’esercito, ha confidato che spera nell'arrivo delle squadre cinofile: se non lo fanno, la decomposizione potrebbe portare ad un’epidemia di colera.

Galleria fotografica
Bahamas, l’odore della morte - immagine 1
Bahamas, l’odore della morte - immagine 2
Bahamas, l’odore della morte - immagine 3
Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo