Bahamas, l’odore della morte

| Decine di volontari sono ancora alla ricerca dei 1300 dispersi dopo il passaggio dell'uragano Dorian: trovali è difficile, ma la presenza dei cadaveri rende l’aria irrespirabile

+ Miei preferiti
Ci vogliono pochi secondi per essere sopraffatti dal fetore della morte. A più di due settimane di distanza dal passaggio dell’uragano Dorian, che ha spazzato via interi quartieri, East Grand Bahama sembra ancora una zona di guerra. “Perfino la polizia fatica ad andare nelle zone più colpite: per loro è difficile assistere impotenti alla strage della propria gente”, racconta Patricia Freling, un’infermiera della Florida arrivata alle Bahamas come volontaria. “Circa 1.300 bahamiani sono ancora dispersi, e le autorità pensano che i corpi sepolti siano molti: ci stiamo preparando al peggio”. 

La consulente per la salute mentale Betsy Rosander è abituata a circostanze difficili, ma oggi è diverso: “Penso che vedremo delle cose davvero difficili”. L’equipe medica è guidata dalla 29enne Brittany Reidy, un’infermiera giunta alle Bahamas per aiutare i sopravvissuti nelle zone più devastate: “La maggior parte della gente non vuole avvicinarsi a questa zona, è una delle zone peggiori, su cui Dorian ha colpito duro”.

Durante l’ora di viaggio che separa Freeport all’estremità orientale di Grand Bahama, l’odore della carneficina si avverte nell’aria, ancora prima di vederla: “Questo è l’odore dei cadaveri”. Il bilancio ufficiale delle vittime della furia di Dorian è di 52 persone, ma è un numero destinato a salire: la maggior parte si teme siano intrappolati sotto montagne di macerie, altri potrebbero essere stati spazzati via dalle onde.

Tanya Steinlage, un’infermiera pediatrica americana, è al suo secondo viaggio nella devastazione dell’arcipelago che un tempo era un paradiso terrestre: “L’ultima volta ho dovuto buttare via i camici e gli abiti che indossavo: non ce l’ho fatta a resistere, sono dovuta andar via”.

I rischi per la salute a lungo termine abbondano, e raggiungere questa parte delle Bahamas è un’impresa enorme. La Grand Bahama Highway, un’ancora di salvezza che collega in lunghezza l’isola, è stata impraticabile in molti per giorni. Ora che l’autostrada è stata liberata, per i medici è più semplice raggiungere le zone più colpite.

Setacciano una dopo l'altra le abitazioni rimaste deserte: sulle pareti i segni che mostrano il livello impressionante raggiunto dall’acqua: “C’è odore di muffa e di marcio”. Ma la muffa non è l’unico rischio a lungo termine per la salute, in varie parti il fetore delle acque reflue riempie l’aria: non c’è acqua corrente, e il rischio di infezioni dilaga.

Alla fine del loro primo giorno a East Grand Bahama, i medici hanno individuato almeno 30 punti dove si avvertiva l’odore dei cadaveri, anche se non riuscivano a vederli. Helen Perry, infermiera e veterana dell’esercito, ha confidato che spera nell'arrivo delle squadre cinofile: se non lo fanno, la decomposizione potrebbe portare ad un’epidemia di colera.

Galleria fotografica
Bahamas, l’odore della morte - immagine 1
Bahamas, l’odore della morte - immagine 2
Bahamas, l’odore della morte - immagine 3
Mondo
Hong Kong: l’ultima veglia per i morti di Tienanmen
Hong Kong: l’ultima veglia per i morti di Tienanmen
Sono in molti a credere che le celebrazioni per le rivolte del 1989 non saranno più concesse alla città che finora ha goduto di uno status speciale. E c’è chi teme un esodo verso il Regno Unito
Yemen, il paese dimenticato
Yemen, il paese dimenticato
Oxfam lancia l’allarme sul Paese arabo in cui strumenti di prevenzione e strutture sanitarie non sono in grado di fermare l’avanzata della pandemia
India, decapitato per far finire la pandemia
India, decapitato per far finire la pandemia
Un sacerdote indù ha mozzato la testa ad un conoscente per obbedire alle richieste di una dea apparsa in sogno. Ma i due, ha scoperto la polizia, si odiavano da tempo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli