Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura

| Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia

+ Miei preferiti
Alla conta dei danni e delle vittime, muove i primi passi l’indagine sulla devastante esplosione che ieri ha messo in ginocchio Beirut, la capitale deli Libano. Al momento, i sospetti di una possibile matrice terroristica non sembrano trovare fondamento, mentre da più parti gli indizi si concentrano su un’unica, possibile causa: l’enorme carico di fertilizzante agricolo che secondo le autorità giaceva immagazzinato da anni nel porto di Beirut senza alcuna misura di sicurezza, malgrado i continui avvertimenti dei funzionari locali.

Diversi documenti svelano che un carico di 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio era arrivato nel 2013 a Beirut a bordo di una nave di proprietà russa, la “MV Rhosus”, partita da Batumi, Georgia, il cui carico era destinato al Mozambico. Nel corso di una sosta in Grecia per rifornimento, l’armatore aveva comunicato all’equipaggio la necessità di una sosta a Beirut per ritirare un carico supplementare necessario per coprire le spese di viaggio. Giunta in Libano, la MV Rhosus era stata messa sotto sequestro dalle autorità portuali per “gravi violazioni nella gestione del carico”, tasse non pagate e le denunce presentate dall’equipaggio. Da allora, non ha mai ripreso il mare.

I marinai erano rimasti sulla nave per 11 mesi con poche provviste, costretti addirittura a vendersi il carburante e poco dopo il sequestro ad abbandonare la nave per essere rimpatriati dall’ambasciata.

Una volta giunta in porto, la nave non ha mai lasciato Beirut, diventando per tutti “la bomba galleggiante”. “A causa dell’estremo pericolo rappresentato dal carico immagazzinato in condizioni climatiche non idonee, ribadiamo la nostra richiesta alle Autorità Portuali di trasferire immediatamente le merci per mantenere la sicurezza del porto e di coloro che vi lavorano”, aveva scritto Chafic Merhi, capo dell’autorità portuale in una lettera del 2016 indirizzata ad un magistrato.

Forse il paragone più vicino all’esplosione di Beirut, in termini di grandezza, è un’esplosione avvenuta Texas City nel 1947, causata da 2.300 tonnellate di nitrato di ammonio: l’incendio causò un’esplosione ed una serie di incendi costati la vita a oltre 400 persone.

Galleria fotografica
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura - immagine 1
Mondo
L’ONU in pressing
sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing<br>sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”
Nell’inferno di Alexey Navalny
Nell’inferno di Alexey Navalny
Un ex detenuto ha raccontato come si vive all’interno della Colonia Penale No. 2 in cui è stato rinchiuso il dissidente scampato all’avvelenamento, ma condannato per violazione della libertà condizionata