Beirut, una delle esplosioni più forti della storia

| Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT

+ Miei preferiti
L’Università di Sheffield ha analizzato e studiato ogni singolo istante dell’esplosione che il 4 agosto scorso ha raso al suolo una parte di Beirut, giungendo a conclusioni agghiaccianti.

Se si escludono le esplosioni nucleari, l’inferno che ha sconquassato la capitale del Libano è stata una delle deflagrazioni più potenti della storia, capace di liberare una quantità di energia che sarebbe stata sufficiente ad alimentare almeno 100 grattacieli per un anno intero. Tradotta in numeri, la potenza è stata pari a 500 tonnellate di TNT, circa 20 volte inferiore all’atomica che nel 1945 distrusse Hiroshima, o ancora pari a 1GWh, quanto l’energia prodotta da tre milioni di pannelli solari in un’ora. 

L’analisi si è basata su 16 video registrati a distanze diverse che hanno fissato l’istante della deflagrazione delle 2.750 tonnellate di nitrato d’ammonio stipate in un deposito dimenticato del porto di Beirut. La differenze delle inquadrature hanno consentito ai tecnici di valutare la velocità dell’onda d’urto, quantificando con esattezza la portata dell’esplosione. 

“Imparare a conoscere questi eventi permetterà di costruire edifici più resistenti in ad alto rischio e vetri che vadano in frantumi senza arrecare danni: quelli di Beirut hanno causato problemi e ferimenti fino a 10 km di distanza”.

Il primato dell’esplosione più potente resta quella di Halifax del 1917, quando due navi – di cui una carica di esplosivi – si sono scontrate liberando una forza pari a 2,9 chilotoni.

Mondo
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni