Belmont, la smart city di Bill Gates

| Il filantropico milionario americano ha appena acquistato un territorio desertico in Arizona. L'idea? Costruire dal nulla una città perfetta

+ Miei preferiti
Perché dannarsi l'anima cercando di risolvere il problema del traffico nelle grandi città? La soluzione c'è: basta comprarsi un bel pezzo di terra incolta e costruire una nuova metropoli dal nulla, creata fin dall'inizio per non prevedere mezzi di locomozione che non siano eco-rispettosi. È esattamente quel che ha in mente di fare Bill Gates, fondatore del colosso Microsoft e secondo le classifiche di Forbes e Bloomberg, uno degli uomini più ricchi del mondo, con un patrimonio personale di 89,1 milioni di dollari. Bill, che non ha mai nascosto un'indole da filantropo, sembra che abbia staccato un assegno da 80 milioni di dollari per assicurarsi diecimila ettari di deserto a circa 45 km da Phoenix, in Arizona.

Proprio in quell'area, al momento inospitale, sorgerà "Belmont", la sua città: l'avamposto di smart city del futuro in piena regola, tecnologicamente avanzatissima e aperta soltanto al traffico di veicoli elettrici o comunque a zero emissioni. Il progetto iniziale prevede la realizzazione di 80mila appartamenti di varie metrature, con 1.500 ettari riservati a uffici e spazi commerciali, più 200 circa per scuole ed uffici pubblici. Il tutto per accogliere come si deve 160mila abitanti.

Ma guai a pensare ad un mondo a sé, chiuso a doppia mandata con il resto del pianeta: un'autostrada, la Interstate 11, già prevista, collegherà comodamente Belmont con Las Vegas.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità