Big Sandy Shoot: dove l'America si allena a spararle grosse

| Mentre l'America si interroga sull'uso delle armi, è tutto pronto per il più grande raduno del mondo per gli amanti delle armi da fuoco. Un evento in cui non ci sono limiti e restrizioni: due volte all'anno, l'aria dell'Arizona si ri

+ Miei preferiti

Sembra un week end di quelli veri, con il cane e la nonna, i camper e le station wagon, le sdraio, la birra e le salsicce. Ma insieme ai sacchi a pelo e all'antizanzare, due volte all'anno migliaia di americani si precipitano a Wikieup, ridente nulla piantato nel mezzo del deserto dell'Arizona, dopo aver oliato pistole, fucili, mitragliatori, bombe a mano e qualsiasi altra delizia faccia fuoco, compreso - chi magari li tiene in garage - il carro armato o l'elicottero. Non importa e soprattutto non c'è limite, perché il "Big Sandy Shoot" non è un raduno per boy scout o per pacifisti con il fiore in bocca, ma il più grande appuntamento del mondo dedicato ai cultori delle armi, passione che in America è da sempre eletta a sintomo di libertà, malgrado i morti si contino ormai a centinaia.

Chi non ha quel chiodo fisso, come gli europei, trova tutto un po' esagerato, perfino barocco, ma dall'altra parte dell'oceano il "boom-boom weekend" è di quelle cose da non perdere: chi spara paga 250 dollari di iscrizione a patto di portarsi l'arma da casa, ma i pochi che per caso ne fossero sguarniti possono avvicinarsi al piacere noleggiando in un apposito stand la sputafuoco che più gradiscono, dalla pistola al bazooka al lanciafiamme, tanto per vedere l'effetto che fa. Oppure, perché no, scegliere semplicemente di gustarsi lo show da spettatori, pagando un biglietto di 25 dollari che vale tre belle giornate rilassanti.

Il risultato è un tranquillo fine settimana di follia, dove alla fine restano a terra circa 3,5 milioni di bossoli, sparati verso bersagli fissi o in movimento da cecchini di ogni età, dal prototipo americano con la pancia grossa e il colesterolo a palla, ai ragazzini, maschi e femmine, che prima di dar fondo al caricatore posano per le foto ricordo imbracciando il fucile da assalto, senza pensare alle imprese di alcuni loro coetanei che hanno insanguinato la storia d'America. Gli organizzatori - perché il raduno non è autogestito, ma c'è alle spalle un vero comitato - pensano a tutto, curando ogni rivolo del divertimento: si può sparare, tanto per cominciare, di giorno o di notte, usando mirini a infrarosso e proiettili traccianti, stando tranquillamente seduti sotto una tettoia oppure strisciando sul terreno, per simulare i soldati in prima linea, o ancora salire a bordo di pick up che saltano fra le dune o per finire alzandosi in volo. E per rendere indelebile la giornata, gran finale con fuochi artificiali, rappresentati da una buona dose di esplosivo al plastico sistemato sui bersagli, da far esplodere proprio alla fine, quando tutti si sono sfogati e anche l'ultimissima pallottola è stata espulsa dall'ultimo otturatore. Il prossimo appuntamento è in programma dal 20 al 22 novembre: chi sente che sta per esplodere, faccia la valigia.

Mondo
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi