Big Sandy Shoot: dove l'America si allena a spararle grosse

| Mentre l'America si interroga sull'uso delle armi, è tutto pronto per il più grande raduno del mondo per gli amanti delle armi da fuoco. Un evento in cui non ci sono limiti e restrizioni: due volte all'anno, l'aria dell'Arizona si ri

+ Miei preferiti

Sembra un week end di quelli veri, con il cane e la nonna, i camper e le station wagon, le sdraio, la birra e le salsicce. Ma insieme ai sacchi a pelo e all'antizanzare, due volte all'anno migliaia di americani si precipitano a Wikieup, ridente nulla piantato nel mezzo del deserto dell'Arizona, dopo aver oliato pistole, fucili, mitragliatori, bombe a mano e qualsiasi altra delizia faccia fuoco, compreso - chi magari li tiene in garage - il carro armato o l'elicottero. Non importa e soprattutto non c'è limite, perché il "Big Sandy Shoot" non è un raduno per boy scout o per pacifisti con il fiore in bocca, ma il più grande appuntamento del mondo dedicato ai cultori delle armi, passione che in America è da sempre eletta a sintomo di libertà, malgrado i morti si contino ormai a centinaia.

Chi non ha quel chiodo fisso, come gli europei, trova tutto un po' esagerato, perfino barocco, ma dall'altra parte dell'oceano il "boom-boom weekend" è di quelle cose da non perdere: chi spara paga 250 dollari di iscrizione a patto di portarsi l'arma da casa, ma i pochi che per caso ne fossero sguarniti possono avvicinarsi al piacere noleggiando in un apposito stand la sputafuoco che più gradiscono, dalla pistola al bazooka al lanciafiamme, tanto per vedere l'effetto che fa. Oppure, perché no, scegliere semplicemente di gustarsi lo show da spettatori, pagando un biglietto di 25 dollari che vale tre belle giornate rilassanti.

Il risultato è un tranquillo fine settimana di follia, dove alla fine restano a terra circa 3,5 milioni di bossoli, sparati verso bersagli fissi o in movimento da cecchini di ogni età, dal prototipo americano con la pancia grossa e il colesterolo a palla, ai ragazzini, maschi e femmine, che prima di dar fondo al caricatore posano per le foto ricordo imbracciando il fucile da assalto, senza pensare alle imprese di alcuni loro coetanei che hanno insanguinato la storia d'America. Gli organizzatori - perché il raduno non è autogestito, ma c'è alle spalle un vero comitato - pensano a tutto, curando ogni rivolo del divertimento: si può sparare, tanto per cominciare, di giorno o di notte, usando mirini a infrarosso e proiettili traccianti, stando tranquillamente seduti sotto una tettoia oppure strisciando sul terreno, per simulare i soldati in prima linea, o ancora salire a bordo di pick up che saltano fra le dune o per finire alzandosi in volo. E per rendere indelebile la giornata, gran finale con fuochi artificiali, rappresentati da una buona dose di esplosivo al plastico sistemato sui bersagli, da far esplodere proprio alla fine, quando tutti si sono sfogati e anche l'ultimissima pallottola è stata espulsa dall'ultimo otturatore. Il prossimo appuntamento è in programma dal 20 al 22 novembre: chi sente che sta per esplodere, faccia la valigia.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino