Bomba a un funerale, altri 15 morti in Afghanistan

| Jalalabad, durante il rito funebre di un ex governatore. Matrice Isis. Nel 2016, 11000 vittime del terrorismo, nel 2018 nei primi nove mesi sono già 8 mila. Quasi tutti civili, non cedono le roccaforti del Califfo

+ Miei preferiti

 Si aggrava il bilancio delle vittime, “tutte civili”, dell’attacco kamikaze messo a segno oggi a un funerale di un ex governatore nell’Est dell’Afghanistan: almeno 15 le persone rimaste uccise e 14 quelle ferite. Non è giunta finora alcuna rivendicazione dell’attacco, compiuto nella provincia di Nangarhar, al confine con il Pakistan, roccaforte dei jihadisti dello Stato islamico (Isis). 

“Il bilancio delle vittime dell’attacco che ha preso di mira una cerimonia funebre nel distretto Behsud di Nangarhar è salito a 15”, ha detto alla France presse il portavoce del governatore, Attaullah Khogyani, riferendo quindi di 14 feriti. “Tutte le vittime sono civili”, ha aggiunto Khogyani, precisando che il kamikaze si è fatto esplodere attorno alle 13:30 locali (10 italiane) durante il funerale di un ex governatore del distretto Haska Mina, morto per cause naturali. 

Alcune fotografie pubblicate su Twitter e Facebook mostrano pozze di sangue, vestiti e scarpe sparsi a terra. Altre foto mostrano corpi insanguinati e una colonna di fumo nero che si alza verso il cielo, con persone in fuga. 

Sono oltre 8.000 i civili uccisi o feriti nei primi nove mesi dell’anno, stando ai dati della Missione di assistenza Onu in Afghanistan. Nel 2016 le vittime civili erano state 11.418, la cifra più alta registrata in un solo anno da quando, nel 2009, le Nazioni Unite hanno iniziato a registrare morti e feriti tra i civili. (fonte Afp) 

 

 

 

 
Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità