Bomba a un funerale, altri 15 morti in Afghanistan

| Jalalabad, durante il rito funebre di un ex governatore. Matrice Isis. Nel 2016, 11000 vittime del terrorismo, nel 2018 nei primi nove mesi sono già 8 mila. Quasi tutti civili, non cedono le roccaforti del Califfo

+ Miei preferiti

 Si aggrava il bilancio delle vittime, “tutte civili”, dell’attacco kamikaze messo a segno oggi a un funerale di un ex governatore nell’Est dell’Afghanistan: almeno 15 le persone rimaste uccise e 14 quelle ferite. Non è giunta finora alcuna rivendicazione dell’attacco, compiuto nella provincia di Nangarhar, al confine con il Pakistan, roccaforte dei jihadisti dello Stato islamico (Isis). 

“Il bilancio delle vittime dell’attacco che ha preso di mira una cerimonia funebre nel distretto Behsud di Nangarhar è salito a 15”, ha detto alla France presse il portavoce del governatore, Attaullah Khogyani, riferendo quindi di 14 feriti. “Tutte le vittime sono civili”, ha aggiunto Khogyani, precisando che il kamikaze si è fatto esplodere attorno alle 13:30 locali (10 italiane) durante il funerale di un ex governatore del distretto Haska Mina, morto per cause naturali. 

Alcune fotografie pubblicate su Twitter e Facebook mostrano pozze di sangue, vestiti e scarpe sparsi a terra. Altre foto mostrano corpi insanguinati e una colonna di fumo nero che si alza verso il cielo, con persone in fuga. 

Sono oltre 8.000 i civili uccisi o feriti nei primi nove mesi dell’anno, stando ai dati della Missione di assistenza Onu in Afghanistan. Nel 2016 le vittime civili erano state 11.418, la cifra più alta registrata in un solo anno da quando, nel 2009, le Nazioni Unite hanno iniziato a registrare morti e feriti tra i civili. (fonte Afp) 

 

 

 

 
Mondo
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles
Serial killer indiano uccide 10 persone offrendo cibo sacro
Serial killer indiano uccide 10 persone offrendo cibo sacro
Offriva alle sue vittime un piatto tipico della religione indù preparato con forti dosi di cianuro, poi correva a svuotare i loro appartamenti. Aveva problemi economici per un fallimento, e non voleva rinunciare al suo stile di vita
Cina: un selfie in cabina costa la carriera ad un pilota
Cina: un selfie in cabina costa la carriera ad un pilota
Ha fatto entrare in cabina e lasciato il posto ad una giovane che poco dopo ha postato l’immagine sui social. In breve l’immagine è diventata virale, e la compagnia aerea ha preso provvedimenti