Brucia la caserma della Gendarmerie "azione diretta" degli anarco-terroristi

| Secondo grave attentato incendiario dopo le condanne per incidenti del maggio 2016 a Parigi

+ Miei preferiti
Una trentina di veicoli parcheggiati all'interno della caserma della Brigade della Gendarmerie di Meylan (17mila abitanti nel dipartimento dell'Isère della regione dell'Alvernia-Rodano-Alpi) sono stati distrutti a causa di un incendio di natura quasi certamente dolosa avvenuto alle quattro di giovedì mattina. Le fiamme, innescate da quattro focolai distanziati, si sono estese anche alle facciate degli edifici vicini dove vivono residenti ma anche le famiglie dei militari in servizio. Un centinaio di persone sono state costrette a lasciare le abitazioni, invase dal fumo, sotto la guida dei vigili del fuoco. Le auto danneggiate sono in maggior parte private e appartengono ai gendarmi che abitano nei fabbricato, osserva il comandanre del gruppo dell'Isere, colonnello Yves Marzin. Un atto gravissimo, con un evidente collegamento con l'incendio della prima caserma della Gendarmerie presa di mira il 21 settembre, la Offner di Grenoble, atto subito rivendicato dagli attivisti anachici del movimento anticapilista e libertario. In quell'occasione erano andati distrutti 12 veicoli della polizia e gli uffici tecnici dove avvenivano le identificazioni dei fermati. Anche in questo caso i danni sono stati ingenti. Si attende la rivendicazione del nuovo attentato.

 

Mondo
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles