Bullizzata perché gay si toglie la vita

| Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro

+ Miei preferiti
Caitlin Kirkaldy, 21 anni, aveva capito fin da piccola che non le piacevano i maschietti. E rispetto a molti altri giovani che scoprono la propria omosessualità, aveva ricevuto il pieno appoggio della sua famiglia, pronta a starle vicino in qualunque modo avesse scelto di vivere. Ma non era così per il mondo esterno, dove Caitlin era diventata vittima di bullismo e prese in giro perché gay. Problemi a cui si era aggiunto un debito di 14mila dollari accumulato per via di diversi incidenti stradali. Qualche giorno fa, Caitlin ha deciso di mettere fine alla sue sofferenze: si è chiusa nella casa che divideva con un’amica e si è tolta la vita.

È stata Bron, la mamma, a voler raccontare chi era Caitlin e cosa le era toccato vivere sulla sua pelle, sperando che la sua storia fosse da esempio. “Era angosciata per il suo debito, e le avevamo detto che l’avremmo aiutata, ma il suo dolore era soprattutto essere diventata vittima di bullismo per la sua sessualità. Una situazione che l’aveva portata lentamente verso la depressione: tutte le sue amiche ci hanno detto che negli ultimi giorni appariva distrutta. Caitlin era forte e generosa, non badava a spese e le piaceva far felice la gente”.

Mondo
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto