Canada: assolto per due stupri

| L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile

+ Miei preferiti
Infuria la polemica in Canada per l’assoluzione di un uomo accusato di due stupri. La decisione del giudice, aspramente criticata dai media e dall’opinione pubblica, riguarda Paul Batchelor, 34 anni, alla sbarra per due accuse di violenza carnale ai danni di altrettante donne, le cui identità non sono state rivelate.

Il giudice Robert Beaudoin, dopo aver ascoltato attentamente le deposizioni dei testimoni, comprese le due donne, ha assolto l’uomo definendo “inaffidabili e imprecisi” i racconti delle presunte vittime, una delle due parecchio agitata. Secondo il magistrato, le due donne avevano espressamente richiesto all’imputato del “sesso violento”: i fatti risalgono a maggio e giugno del 2015.

Questo non significa comunque che Paul Batchelor l’abbia fatta franca: deve ancora affrontare altre tre accuse di stupro, i cui processi sono previsti per i primi mesi dell’anno prossimo.

Nella sentenza di assoluzione, si legge che Beaudoin ha riferito alla corte che non pensava ad un simile risvolto dei due rapporti, visto che entrambe le donne erano consenzienti “alquanto collaborative” e per nulla intimidite.

Fra le prime a criticare la decisione del tribunale è stata Julie Lalonde, sostenitrice dei diritti delle donne: “L’idea che agitarsi mentre si viene interrogati in un’aula di tribunale significa essere una persona ‘facile’ è un messaggio pericoloso da diffondere”.

Una delle vittime ha raccontato di aver incontrato Batchelor per un drink, per poi seguirlo nel suo appartamento, dove sarebbe stata stuprata analmente: ha urlato con tutto il fiato che aveva in gola e supplicato l’uomo di smettere, ma è stato inutile.

Il giudice ha obiettato per quale motivo, se la donna avesse realmente urlato, nessuno dei vicini avrebbe sentito e addirittura sarebbe intervenuto: “Curiosamente, nessuno sembra averla sentita piangere - ha commentato Beaudoin alla corte - è difficile pensare che avrei continuato la presunta aggressione sapendo che le urla potevano essere udite da qualcuno”.

Nell’altro caso, la denunciante ha detto di aver incontrato Batchelor in una sala dell’università e di averlo seguito nel suo appartamento, dove sarebbe stata costretta a subire sesso orale fin quando è riuscita a divincolarsi fuggendo prima che la situazione si aggravasse ulteriormente.

Il giudice ha dubitato del suo resoconto perché la cronologia degli eventi presentava una discrepanza di un’ora rispetto alla ricostruzione fatta dallo stesso Batchelor. Secondo la donna, il tentativo di stupro sarebbe durato non più di 10 minuti, mentre per l’imputato non meno di 40.

“Sono una grande sostenitrice di un sistema giuridico informato sui traumi – ha commentato Julie Lalonde - il che significa riconoscere che la violenza ha un impatto profondo sulla memoria. Il fatto che Batchelor avesse un’idea molto lineare e precisa di ciò che è successo è stato un pretesto per screditare la donna, quando in realtà dovrebbe essere usato esattamente per la finalità opposta”.

Mondo
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata