Canada: assolto per due stupri

| L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile

+ Miei preferiti
Infuria la polemica in Canada per l’assoluzione di un uomo accusato di due stupri. La decisione del giudice, aspramente criticata dai media e dall’opinione pubblica, riguarda Paul Batchelor, 34 anni, alla sbarra per due accuse di violenza carnale ai danni di altrettante donne, le cui identità non sono state rivelate.

Il giudice Robert Beaudoin, dopo aver ascoltato attentamente le deposizioni dei testimoni, comprese le due donne, ha assolto l’uomo definendo “inaffidabili e imprecisi” i racconti delle presunte vittime, una delle due parecchio agitata. Secondo il magistrato, le due donne avevano espressamente richiesto all’imputato del “sesso violento”: i fatti risalgono a maggio e giugno del 2015.

Questo non significa comunque che Paul Batchelor l’abbia fatta franca: deve ancora affrontare altre tre accuse di stupro, i cui processi sono previsti per i primi mesi dell’anno prossimo.

Nella sentenza di assoluzione, si legge che Beaudoin ha riferito alla corte che non pensava ad un simile risvolto dei due rapporti, visto che entrambe le donne erano consenzienti “alquanto collaborative” e per nulla intimidite.

Fra le prime a criticare la decisione del tribunale è stata Julie Lalonde, sostenitrice dei diritti delle donne: “L’idea che agitarsi mentre si viene interrogati in un’aula di tribunale significa essere una persona ‘facile’ è un messaggio pericoloso da diffondere”.

Una delle vittime ha raccontato di aver incontrato Batchelor per un drink, per poi seguirlo nel suo appartamento, dove sarebbe stata stuprata analmente: ha urlato con tutto il fiato che aveva in gola e supplicato l’uomo di smettere, ma è stato inutile.

Il giudice ha obiettato per quale motivo, se la donna avesse realmente urlato, nessuno dei vicini avrebbe sentito e addirittura sarebbe intervenuto: “Curiosamente, nessuno sembra averla sentita piangere - ha commentato Beaudoin alla corte - è difficile pensare che avrei continuato la presunta aggressione sapendo che le urla potevano essere udite da qualcuno”.

Nell’altro caso, la denunciante ha detto di aver incontrato Batchelor in una sala dell’università e di averlo seguito nel suo appartamento, dove sarebbe stata costretta a subire sesso orale fin quando è riuscita a divincolarsi fuggendo prima che la situazione si aggravasse ulteriormente.

Il giudice ha dubitato del suo resoconto perché la cronologia degli eventi presentava una discrepanza di un’ora rispetto alla ricostruzione fatta dallo stesso Batchelor. Secondo la donna, il tentativo di stupro sarebbe durato non più di 10 minuti, mentre per l’imputato non meno di 40.

“Sono una grande sostenitrice di un sistema giuridico informato sui traumi – ha commentato Julie Lalonde - il che significa riconoscere che la violenza ha un impatto profondo sulla memoria. Il fatto che Batchelor avesse un’idea molto lineare e precisa di ciò che è successo è stato un pretesto per screditare la donna, quando in realtà dovrebbe essere usato esattamente per la finalità opposta”.

Mondo
Messico: arrestato
uno dei figli di El Chapo
Messico: arrestato<br>uno dei figli di El Chapo
Ovidio Guzman Lopez coinvolto in un violento scontro a fuoco contro la Guardia Nazionale. Secondo la giustizia americana, insieme al fratello Joaquin avrebbe raccolto il testimone del padre nel controllo del cartello di Sinaloa
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Un’inchiesta lunga e complessa che ha coinvolto le polizie di mezzo mondo, ha permesso di sgominare uno dei più forniti siti per pedofili che agiva sul dark web. Quasi 350 arresti in 38 paesi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini