DRONI CONTRO MADURO
"Attentatori dalla Florida"

| Secondo la polizia, mandante Trump. "Terroristi addestrati negli Usa". Presidente è illeso: "E' stato Juan Manuel Santos", l'ex presidente della Colombia premio Nobel. Primi arresti e perquisizioni. Comunità italiana nel mirino

+ Miei preferiti
La polizia segreta di Maduro e le forze speciale stanno eseguendo in questi minuti  i primi arresti dopo il fallito attentato a Maduro. E sono convinti che i mandanti, oltre ai filo-colombiani e l'estrema destra locale, siano negli Usa. "Gli attentatori - ha comunicato una fonte della polizia - arrivano dalla Florida". Ma oltre a queste parole, di fatti concreti, per ora ancora nulla. Il governo promette al più presto una conferenza stampa  o un comunicato ufficiale per fare il punto della situazione, mentre l'onda repressiva aumenta di ora in ora. E nel mirino anche quella parte della comunità italiana che s'è schiarata contro il governo reduce da una contrastata e scontata vittoria elettorale, mentre una spaventosa inflazione ha trasformato tutti in "milionari ma  poveri". “Il presidente Nicolas Maduro è stato oggetto di un attentato a Caracas: è incolume e a breve parlerà al paese. L’attentato ha causato il ferimento di sette persone”. Con queste parole, Jorge Rodriguez, ministro delle comunicazioni venezuelane, ha reso noto al paese il pericolo a cui è scampato il presidente in carica. E' la prima azione di questo genere in Sudamerica e subito scatta la repressione contro i circoli dell'opposizione ritenuti coinvolti nell'attentato avvenuto durante la celebrazione dell'81° anniversario della fondazione della Guardia Nazionale. L'esplosione s'è sentita in diretta tv, durante un collegamento con il palce in cui c'era il presidente. Primi arresti e ondata di perquisizioni. Nel primo discorso accusa Juan Manuel Santos di esserne l'ipiratore. «I primi elementi di investigazione indicano Bogotà». Due ore dopo, Maduro, in un discorso alla nazione in diretta TV, accusa la Colombia. In particolare il presidente uscente Juan Manuel Santos, in complicità con «l’estrema destra». «Devo riferire che alcuni degli autori materiali del tentativo di attento contro la mia vita sono stati catturati, e sono già sotto processo», ha poi aggiunto il massimo dirigente della Rivoluzione Bolivariana. Il presidente ha poi raccontato che «l'artefatto volante è esploso di fronte a me», e di come la sua «prima reazione è stata l’osservazione». Maduro in un primo momento ha pensato che si trattasse "di un fuoco d’artificio, ma nel giro di un micro secondo c’è stata una seconda esplosione alla mia destra. Avete visto persone correre perché hanno sentito l’onda dell’esplosione, sono state sequestrate parte delle prove, l’investigazione è in fase avanzata, sdenza dubbio abbiamo chiarito la situazione a tempo di record e si tratta di un tentativo di uccidermi. E non ho alcun dubbio che tutto indica l’estrema destra venezuelana in alleanza con l'estrema destra colombiana, e il nome di Juan Manuel Santos è dietro questo attacco». Santos, che il giorno 7 lascerà la carica a Ivan Duque, aveva previsto «fine di Maduro, il finale del regime».



L’attentato, ha proseguito Rodriguez, aveva una regia precisa: “Alle 17:41, nei momenti finali della parata militare in programma sull’Avenida Bolivar, si sono udite distintamente alcune esplosioni che riguardavano artefatti volanti tipo drone carichi di esplosivi, fatti saltare in prossimità del palco presidenziale. Posso affermare che si tratta di un attentato contro la figura del presidente Maduro, rimasto completamente illeso e attualmente riunito con collaboratori, ministri e vertici militari per valutare l’accaduto”.

Secondo alcuni media venezuelani e i canali social di gruppi attivisti, i droni carichi di esplosivo sarebbero stati due: il primo sarebbe stato fatto esplodere a pochi passi dal palco presidenziale, dove Maduro stava parlando in diretta tv, in occasione della cerimonia dell’81esimo anniversario della nascita della Guardia Nazionale, e il secondo nella zona della parata militare. In rete circolano anche alcune immagini che mostrano un incendio scoppiato in un palazzo poco distante, a conferma del sospetto che gli autori avrebbero avuto a disposizione diversi droni carichi di esplosivo.

L’esercito ha immediatamente isolato la zona e attualmente presidia diversi punti di Caracas.

Nicolas Maduro, classe 1962, nell’aprile del 2013 ha assunto la carica di presidente della Repubblica Venezuelana. Una presidenza aspramente contestata, che secondo i venezuelani avrebbe portato il paese ad una pesante diminuzione della qualità della vita: corruzione, politiche sbagliate e diminuzione del prezzo del petrolio, uno dei capitoli principali dell’economia del paese, hanno portato a conseguenze pesanti come l’aumento del crimine, dell’inflazione, della povertà e addirittura la penuria di generi di prima necessità.

Video
Galleria fotografica
DRONI CONTRO MADURO<br>"Attentatori dalla Florida" - immagine 1
Mondo
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza