Carrie Lam, la solitudine della numero uno

| Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino

+ Miei preferiti
Carrie Lam, dal 1° luglio 2017 capo esecutivo di Hong Kong, è stanca. Sulla pelle sente il peso di tredici settimane continue di scontri e proteste, scatenate da quando ha incautamente annunciato l’entrata in vigore dell’estradizione in Cina: parole che la gente di Hong Kong non le ha perdonato, neanche quando la proposta di legge è stata momentaneamente sospesa. Ormai la piazza vuole la sua testa, e non sembra intenzionata a mollare.

La chief executive di Carrie Lam, alias inglesizzato di Cheng Yuet-ngor, classe 1957, è stata registrata mentre incautamente si lamentava davanti a un ristretto gruppo di uomini d’affari in un audio di 24 minuti diffuso dall’agenzia di stampa Reuters. “Essere la causa di questo enorme caos è imperdonabile, se potessi farlo lascerei il mio incarico – confessa con un filo di voce la donna che guida Hong Kong – ma ho uno spazio di manovra limitatissimo: la questione è diventata un problema nazionale di sovranità e sicurezza e lo spazio politico di uno chef executive che deve servire due padroni si riduce in modo sostanziale. Per me è diventato difficile uscire di casa, non posso andare in un centro commerciale o dal parrucchiere perché so che sarei individuata e in un amen mi ritroverei circondata da una folla vestita di nero”.

In qualche modo, parole che confermano il sospetto dei cittadini di Hong Kong, che ritengono Carrie Lam soltanto un prestanome agli ordini dei governanti di Pechino, preoccupati di riportare l’ordine prima del 1° ottobre, quando le celebrazioni per il 70esimo anniversario della Repubblica Popolare Cinese potrebbero essere guastate dai manifestanti: “Ci siamo accordati per una celebrazione solenne ma modesta, perché nessuno si aspetta che la situazioni possa sbloccarsi prima di allora”.

Alla diffusione del documento audio, è seguita una dichiarazione della stessa Lam, che ha tentato di ridimensionare un contenuto che pare sia stato poco gradito a Pechino: “Non ho mai pensato di dimettermi, e so di poter guidare la mia squadra verso la soluzione della crisi”. Non è la prima volta che la Reuters mette in imbarazzo Carrie Lam: settimana fa era riuscita a svelare che il capo esecutivo aveva chiesto a Pechino di ritirare in modo definitivo la legge sull’estradizione che ha scatenato le proteste, ma il governo ha rifiutato seccamente.

Anzi, secondo quanto diffuso dall’agenzia cinese “Xinhua”, la pazienza di Pechino sarebbe ormai agli sgoccioli: “Sta arrivando la fine per coloro che tentano di sconvolgere Hong Kong e attaccare la Cina”. A questo proposito si citano tre linee guida che “non devono essere superate”, pena conseguenze pesanti: per prima cosa non sarà tollerata l’intenzione di danneggiare la sovranità e la sicurezza nazionali, idem per l’intenzione contestare il potere delle autorità centrali e per finire non usare Hong Kong come leva per minare la terraferma. In caso contrario, secondo l’articolo, Carrie Lam potrebbe proclamare lo stato di emergenza, dando il via alla discesa dell’esercito che da settimane ammassa uomini e mezzi ai margini dell’ex colonia britannica.

Ma la risposta è arrivata dagli studenti, dai tempi di piazza Tienanmen una spina nel fianco del potere: all’apertura dell’anno scolastico in 10mila non si sono presentati in aula annunciando un giorno alla settimana di sciopero fin quando la democrazia non sarà ripristinata.

Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”