Carrie Lam, la solitudine della numero uno

| Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino

+ Miei preferiti
Carrie Lam, dal 1° luglio 2017 capo esecutivo di Hong Kong, è stanca. Sulla pelle sente il peso di tredici settimane continue di scontri e proteste, scatenate da quando ha incautamente annunciato l’entrata in vigore dell’estradizione in Cina: parole che la gente di Hong Kong non le ha perdonato, neanche quando la proposta di legge è stata momentaneamente sospesa. Ormai la piazza vuole la sua testa, e non sembra intenzionata a mollare.

La chief executive di Carrie Lam, alias inglesizzato di Cheng Yuet-ngor, classe 1957, è stata registrata mentre incautamente si lamentava davanti a un ristretto gruppo di uomini d’affari in un audio di 24 minuti diffuso dall’agenzia di stampa Reuters. “Essere la causa di questo enorme caos è imperdonabile, se potessi farlo lascerei il mio incarico – confessa con un filo di voce la donna che guida Hong Kong – ma ho uno spazio di manovra limitatissimo: la questione è diventata un problema nazionale di sovranità e sicurezza e lo spazio politico di uno chef executive che deve servire due padroni si riduce in modo sostanziale. Per me è diventato difficile uscire di casa, non posso andare in un centro commerciale o dal parrucchiere perché so che sarei individuata e in un amen mi ritroverei circondata da una folla vestita di nero”.

In qualche modo, parole che confermano il sospetto dei cittadini di Hong Kong, che ritengono Carrie Lam soltanto un prestanome agli ordini dei governanti di Pechino, preoccupati di riportare l’ordine prima del 1° ottobre, quando le celebrazioni per il 70esimo anniversario della Repubblica Popolare Cinese potrebbero essere guastate dai manifestanti: “Ci siamo accordati per una celebrazione solenne ma modesta, perché nessuno si aspetta che la situazioni possa sbloccarsi prima di allora”.

Alla diffusione del documento audio, è seguita una dichiarazione della stessa Lam, che ha tentato di ridimensionare un contenuto che pare sia stato poco gradito a Pechino: “Non ho mai pensato di dimettermi, e so di poter guidare la mia squadra verso la soluzione della crisi”. Non è la prima volta che la Reuters mette in imbarazzo Carrie Lam: settimana fa era riuscita a svelare che il capo esecutivo aveva chiesto a Pechino di ritirare in modo definitivo la legge sull’estradizione che ha scatenato le proteste, ma il governo ha rifiutato seccamente.

Anzi, secondo quanto diffuso dall’agenzia cinese “Xinhua”, la pazienza di Pechino sarebbe ormai agli sgoccioli: “Sta arrivando la fine per coloro che tentano di sconvolgere Hong Kong e attaccare la Cina”. A questo proposito si citano tre linee guida che “non devono essere superate”, pena conseguenze pesanti: per prima cosa non sarà tollerata l’intenzione di danneggiare la sovranità e la sicurezza nazionali, idem per l’intenzione contestare il potere delle autorità centrali e per finire non usare Hong Kong come leva per minare la terraferma. In caso contrario, secondo l’articolo, Carrie Lam potrebbe proclamare lo stato di emergenza, dando il via alla discesa dell’esercito che da settimane ammassa uomini e mezzi ai margini dell’ex colonia britannica.

Ma la risposta è arrivata dagli studenti, dai tempi di piazza Tienanmen una spina nel fianco del potere: all’apertura dell’anno scolastico in 10mila non si sono presentati in aula annunciando un giorno alla settimana di sciopero fin quando la democrazia non sarà ripristinata.

Mondo
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”