Carrie Lam, la solitudine della numero uno

| Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino

+ Miei preferiti
Carrie Lam, dal 1° luglio 2017 capo esecutivo di Hong Kong, è stanca. Sulla pelle sente il peso di tredici settimane continue di scontri e proteste, scatenate da quando ha incautamente annunciato l’entrata in vigore dell’estradizione in Cina: parole che la gente di Hong Kong non le ha perdonato, neanche quando la proposta di legge è stata momentaneamente sospesa. Ormai la piazza vuole la sua testa, e non sembra intenzionata a mollare.

La chief executive di Carrie Lam, alias inglesizzato di Cheng Yuet-ngor, classe 1957, è stata registrata mentre incautamente si lamentava davanti a un ristretto gruppo di uomini d’affari in un audio di 24 minuti diffuso dall’agenzia di stampa Reuters. “Essere la causa di questo enorme caos è imperdonabile, se potessi farlo lascerei il mio incarico – confessa con un filo di voce la donna che guida Hong Kong – ma ho uno spazio di manovra limitatissimo: la questione è diventata un problema nazionale di sovranità e sicurezza e lo spazio politico di uno chef executive che deve servire due padroni si riduce in modo sostanziale. Per me è diventato difficile uscire di casa, non posso andare in un centro commerciale o dal parrucchiere perché so che sarei individuata e in un amen mi ritroverei circondata da una folla vestita di nero”.

In qualche modo, parole che confermano il sospetto dei cittadini di Hong Kong, che ritengono Carrie Lam soltanto un prestanome agli ordini dei governanti di Pechino, preoccupati di riportare l’ordine prima del 1° ottobre, quando le celebrazioni per il 70esimo anniversario della Repubblica Popolare Cinese potrebbero essere guastate dai manifestanti: “Ci siamo accordati per una celebrazione solenne ma modesta, perché nessuno si aspetta che la situazioni possa sbloccarsi prima di allora”.

Alla diffusione del documento audio, è seguita una dichiarazione della stessa Lam, che ha tentato di ridimensionare un contenuto che pare sia stato poco gradito a Pechino: “Non ho mai pensato di dimettermi, e so di poter guidare la mia squadra verso la soluzione della crisi”. Non è la prima volta che la Reuters mette in imbarazzo Carrie Lam: settimana fa era riuscita a svelare che il capo esecutivo aveva chiesto a Pechino di ritirare in modo definitivo la legge sull’estradizione che ha scatenato le proteste, ma il governo ha rifiutato seccamente.

Anzi, secondo quanto diffuso dall’agenzia cinese “Xinhua”, la pazienza di Pechino sarebbe ormai agli sgoccioli: “Sta arrivando la fine per coloro che tentano di sconvolgere Hong Kong e attaccare la Cina”. A questo proposito si citano tre linee guida che “non devono essere superate”, pena conseguenze pesanti: per prima cosa non sarà tollerata l’intenzione di danneggiare la sovranità e la sicurezza nazionali, idem per l’intenzione contestare il potere delle autorità centrali e per finire non usare Hong Kong come leva per minare la terraferma. In caso contrario, secondo l’articolo, Carrie Lam potrebbe proclamare lo stato di emergenza, dando il via alla discesa dell’esercito che da settimane ammassa uomini e mezzi ai margini dell’ex colonia britannica.

Ma la risposta è arrivata dagli studenti, dai tempi di piazza Tienanmen una spina nel fianco del potere: all’apertura dell’anno scolastico in 10mila non si sono presentati in aula annunciando un giorno alla settimana di sciopero fin quando la democrazia non sarà ripristinata.

Mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”