Carrie Lam, la solitudine della numero uno

| Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino

+ Miei preferiti
Carrie Lam, dal 1° luglio 2017 capo esecutivo di Hong Kong, è stanca. Sulla pelle sente il peso di tredici settimane continue di scontri e proteste, scatenate da quando ha incautamente annunciato l’entrata in vigore dell’estradizione in Cina: parole che la gente di Hong Kong non le ha perdonato, neanche quando la proposta di legge è stata momentaneamente sospesa. Ormai la piazza vuole la sua testa, e non sembra intenzionata a mollare.

La chief executive di Carrie Lam, alias inglesizzato di Cheng Yuet-ngor, classe 1957, è stata registrata mentre incautamente si lamentava davanti a un ristretto gruppo di uomini d’affari in un audio di 24 minuti diffuso dall’agenzia di stampa Reuters. “Essere la causa di questo enorme caos è imperdonabile, se potessi farlo lascerei il mio incarico – confessa con un filo di voce la donna che guida Hong Kong – ma ho uno spazio di manovra limitatissimo: la questione è diventata un problema nazionale di sovranità e sicurezza e lo spazio politico di uno chef executive che deve servire due padroni si riduce in modo sostanziale. Per me è diventato difficile uscire di casa, non posso andare in un centro commerciale o dal parrucchiere perché so che sarei individuata e in un amen mi ritroverei circondata da una folla vestita di nero”.

In qualche modo, parole che confermano il sospetto dei cittadini di Hong Kong, che ritengono Carrie Lam soltanto un prestanome agli ordini dei governanti di Pechino, preoccupati di riportare l’ordine prima del 1° ottobre, quando le celebrazioni per il 70esimo anniversario della Repubblica Popolare Cinese potrebbero essere guastate dai manifestanti: “Ci siamo accordati per una celebrazione solenne ma modesta, perché nessuno si aspetta che la situazioni possa sbloccarsi prima di allora”.

Alla diffusione del documento audio, è seguita una dichiarazione della stessa Lam, che ha tentato di ridimensionare un contenuto che pare sia stato poco gradito a Pechino: “Non ho mai pensato di dimettermi, e so di poter guidare la mia squadra verso la soluzione della crisi”. Non è la prima volta che la Reuters mette in imbarazzo Carrie Lam: settimana fa era riuscita a svelare che il capo esecutivo aveva chiesto a Pechino di ritirare in modo definitivo la legge sull’estradizione che ha scatenato le proteste, ma il governo ha rifiutato seccamente.

Anzi, secondo quanto diffuso dall’agenzia cinese “Xinhua”, la pazienza di Pechino sarebbe ormai agli sgoccioli: “Sta arrivando la fine per coloro che tentano di sconvolgere Hong Kong e attaccare la Cina”. A questo proposito si citano tre linee guida che “non devono essere superate”, pena conseguenze pesanti: per prima cosa non sarà tollerata l’intenzione di danneggiare la sovranità e la sicurezza nazionali, idem per l’intenzione contestare il potere delle autorità centrali e per finire non usare Hong Kong come leva per minare la terraferma. In caso contrario, secondo l’articolo, Carrie Lam potrebbe proclamare lo stato di emergenza, dando il via alla discesa dell’esercito che da settimane ammassa uomini e mezzi ai margini dell’ex colonia britannica.

Ma la risposta è arrivata dagli studenti, dai tempi di piazza Tienanmen una spina nel fianco del potere: all’apertura dell’anno scolastico in 10mila non si sono presentati in aula annunciando un giorno alla settimana di sciopero fin quando la democrazia non sarà ripristinata.

Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati