Centinaia di arresti per un sito pedopornografico

| Un’inchiesta lunga e complessa che ha coinvolto le polizie di mezzo mondo, ha permesso di sgominare uno dei più forniti siti per pedofili che agiva sul dark web. Quasi 350 arresti in 38 paesi

+ Miei preferiti
Lo scorso anno, la “National Crime Agency” inglese aveva chiuso “Welcome to Video”, considerato uno dei più forniti siti online di pornografia infantile. Agivano sul “dark web”, il lato oscuro della rete, dove circola tutto l’illecito possibile. Quello apparso agli occhi degli agenti era un database impressionante: 8 terabyte che contenevano oltre 200mila video di bambini di ogni età, neonati compresi, si calcola scaricati più di un milione di volte. Un’organizzazione attiva dal giugno del 2015 al marzo dello scorso anno, che arrivava anche ad accettare pagamenti in criptovaluta.



Ma ora, a conclusione di un’inchiesta dalle proporzioni mondiali, sono scattate le manette per 337 persone in 38 paesi diversi, Italia compresa, a cominciare dagli Stati Uniti, da dove è partita una richiesta di estradizione contro Jong Woo Son, 23enne sudcoreano proprietario del sito, che sta già scontando una pena in patria. Aveva una rete formata da oltre 1,3 milioni di clienti, fra cui Kyle Fox, nel marzo scorso condannato a 22 anni per aver abusato sessualmente di una bambina di tre anni. E come lui anche Matthew Falder, che sta scontando 25 anni di carcere per abusi su minori: un insospettabile laureato di Cambridge 30enne, considerato uno dei peggiori delinquenti sessuali della Gran Bretagna che si calcola ha abusato di più di 200 persone, manipolando le sue vittime fino a compiere atti sessuali e fisici al limite della depravazione.

In realtà, un’altra fase dell’inchiesta è ancora in pieno svolgimento: attraverso le immagini video, le polizie di mezzo mondo stanno cercando di dare un nome ai bimbi. Per 23 di loro, vittime di abusi, è già arrivata la libertà.

“È un messaggio ai pedofili di tutto il mondo: potete anche tentare di nascondervi grazie alla tecnologia, ma vi troveremo e vi arresteremo, uno per uno - ha commentato Jessie Liu, procuratore degli Stati Uniti - oggi i bambini di tutto il mondo sono un po’ più sicuri”.

Don Fort, a capo delle indagini penali, ha riferito che l’indagine ha permesso di individuare e schedare molti pedofili, ma purtroppo si tratta di una goccia nell’oceano: le segnalazioni di sfruttamento minorile sono in aumento e lo scorso anno in tutto il mondo sono stati registrati 45 milioni scambi di contenuti pedopornografici, più del doppio rispetto all’anno precedente.

Galleria fotografica
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico - immagine 1
Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità