Charlie, l'ultima speranza è un neurologo americano

| Il professore della Columbia University Michio Hirano visiterà lunedì il bimbo a Londra, poi un meeting con gli specialisti inglesi

+ Miei preferiti


Il professore americano Michio Hirano della Columbia University Medical Center, specialista in Neurologia, s'è offerto di sottoporre il piccolo Charlie Ward a una terapia innovativa, cercando così di strapparlo, almeno per qualche mese, dal circuito eutanasico tracciato nei giorni scorsi dai colleghi inglesi, con grande disperazione dei genitori Connie e Chris, una coppia trentenne che risiede nella West London, a Bedford. Hirano ha garantito di essere in grado di visitare il bimbo la prossima settimana, quasi contemporaneamente con la decisione dei giudici, ormai imminente, e comunque di essere in grado di accoglierlo in un ospedale di New York per un estremo tentativo di cura. Il professore è atteso lunedì al Great Ormond Street Hospital e giovedì ci sarà un confronto con i medici che stanno trattando il caso. Lo spiega, in un servizio di ieri, The Telegraph. E' un momento delicato anche perché i giudici avevano cercato di imporre ai giornalisti di non rivelare per ora il nome del professore americano, autore di studi e ricerche sulle malattie degenerative.

I medici del Great Ormond Street Hospital sono scettici, affermano che la terapia è sperimentale e potrebbe non aiutarlo per niente. Le macchine che tengono in vita il piccolo Charlie potrebbero dunque essere spente fra breve. I genitori di Charlie stanno facendo il possibile perché Michio Hirano possa far valere la sua teoria, che potrebbe  ridare una speranza di cura al bimbo o quantomeno prolungare in modo sigificativo la sua vita. Continuano la loro battaglia legale nella High Court, nella Court of Appeal e nella Supreme Court di Londra. Nè sono riusciti a convincere i giudici della European Court of Human Rights di intervenire a loro sostegno.

Inutili sinora i richiami ai giudici londinesi, nonostante le nuove documentazioni mediche. Così è stato mobilitato di nuovo il ministero della giustizia inglese mentre il professore Hirano ridabisce di "potere assicurare un miglioramento del 10 per cento delle condizioni di Charlie", attraverso i nuovi protocolli terapeutici. Vedremo cosa accadrà. C'è un clima di pessimismo attorno al bimbo. Ma i suoi genitori non accettano di essere sconfitti e lotterrano sino all'ultimo.

Le tappe del caso Gard

4 agosto 2016: Charlie Gard nasce a Londra.

Settembre 2016: Charlie si ammala e gli viene diagnosticata una rara malattia genetica dagli specialisti del Great Ormond Street Hospital. Le sue condizioni si aggravano sino alla paralisi muscolare con danni cerebrali.

Gennaio 2017: i genitori di Charlie non voglio rassegnarsi e aprono una pagina su fb per raccogliere fondi per pagare la trasferta di Charlie negli Usa, per ricevere una nuova terapia sperimentale.

3 marzo 2017: Il Great Ormond Street sostiene alla Corte di Giustizia di valutare la possibilità che i trattamenti di supporto possano essere interrotti. Viene sottolineato che Charlie può solo respirare con il ventilatore e che viene alimentato artificialmente.

11 Aprile: giudici e medici si orientano verso l'eutanasia, potrebbero sospendere i supporti vitali dopo un'ultima valutazione da padre della Family Division dell'Alta Corte di Londra. La onclusione è di avviare cure palliative e sospendere le terapie definite inutili.

3 maggio: I genitori si rivolgono alla corte d'Appello perché riconsideri il caso.

23 Maggio: tre giudici respingono l'appello e rinviano la decisione di due giorni.

8 giugno: i genitori perdono la battaglia legale nella Suprema Corte. La mamma scoppia in lacrime al momento della lettura della decisione. 

12 giugno: il portavoce della European Court of Human Rights precisa che date le eccezionali circostanze di questo caso, li documenti verranno esaminati con la massima urgenza.

27 giugno:  I portavoce del Great Ormond Street annunciano che la decisione dell European Court sancisce la fine di un diccificle processo. Stabilisce infatti che on c'è nessun vantaggio a cambiare le cure date a Charlie.

2 luglio: Papa Francesco invia a messaggio di sostegno ai genitori di Charlie sostenendo che le terapie non devono essere sospese sino a quando Charlie non morirà di morte naturale.  L'ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma si rende disponibile  a continuare a sostenere la vita di Charlie.

3 luglio: il  presidente Usa Donald Trump offre il suo aiuto ai genitori di Charlie.

10 July: Chris Gard e Connie Yates si ripresentano alla High Court con la richiesta di adottare un trattamento in grado di prolungare di almeno 11 mesi la vita di Charlie. 

Mondo
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro