CIAO UELI ORA SCALERAI L'INFINITO

| Morto in Nepal l'alpinista dei record, era molto noto in Valle d'Aosta, aveva scalato in cinque ore e mezza il Monte Bianco

+ Miei preferiti
"Quick Day from Basecamp up to 7000m and back. I love it its such a great place here. I still believe in active aclimatisation. This is way more effective then spending Nights up in the Altitude!". Così, nel suo profilo Facebook, l'alpinista svizzero Ueli Steck, 41 - morto mentre tentava l'Everest - descriveva le fasi preparatorie della scalata. Con entusiasmo e professionalità. Oggi la famiglia, stremata dal dolore, chiede che non ci siano speculazioni sull'incidente di cui si sa ancora poco. Il corpo è stato recuperato, dopo una caduta di mille metri nel vuoto. Vediamo come i media svizzeri e inglesi hanno ricostruito la tragedia. Scrive il "Quotidiano del Popolo": "Il 40enne è rimasto vittima di un incidente durante una perlustrazione in vista di un tentativo di record sul Monte Everest, ha detto all'ats uno degli organizzatori della spedizione confermando informazioni di "The Himalayan Times". Steck - conosciuto anche con il soprannome di "Swiss Machine" - si era recato in Nepal a inizio aprile. Secondo quanto riportato da diversi media, la sua idea era quella di scalare due delle più alte vette al mondo nel giro di 48 ore: prima l'Everest (8848 m), poi il Lhotse (8561 m). Per rendere le cose ancora più impegnative, la scalata dell'Everest avrebbe dovuto essere effettuata attraverso il difficile passaggio chiamato Hornbein Couloir. Il rappresentante della "The Seven Summits Trecks", azienda che ha aiutato a organizzare la spedizione, ha spiegato che al momento dell'incidente Steck si trovava da solo. Il sinistro è avvenuto fra il primo e il secondo campo base, quando l'alpinista è precipitato nel vuoto per oltre 1000 metri. Il corpo è già stato recuperato.

In Piemonte e soprattutto in Val d'Aosta Ueli Steck era molto conosciuto, per questo la notizia della sua morte ha scosso i molti suoi seguaci e ammiratori della sue imprese sempre al limite estremo delle possibilità umane. Nell'agosto 2016 aveva impiegato solo 5 ore e 30 minuti da Courmayeur alla cima del Monte Bianco, su per la cresta dell'Innominata. Compresi i venti minuti per la colazione al rifugio. Aveva già inanellato una serie di record di velocità impressionanti negli ultimi anni: la nord dell'Eiger (2h22' nel 2015), la nord del Cervino (1h56′ nel 2009) e delle Grandes Jorasses (via Colton-Macintyre 2h21′ nel 2008 e via Ginat 2h08′ nel 2010). Aveva scritto, allora sul suo profilo fb, nel suo solito modo anti-eroico, scarno ed essenziale: "Grande corsa sul Monte Bianco per la cresta dell'Innominata Ho lasciato il campeggio Sorgente in val Veny alle 5.03. Dopo un'ora sono arrivato a capanna Monzino dove mi sono fermato per 20 minuti per fare colazione. Dopo un buon caffè al rifugio il mio motore ha iniziato a correre molto meglio. In 5 ore 30 minuti ho raggiunto la vetta del Monte Bianco".

Ciao Ueli, scalerai l'Infinito.

Mondo
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti