CIAO UELI ORA SCALERAI L'INFINITO

| Morto in Nepal l'alpinista dei record, era molto noto in Valle d'Aosta, aveva scalato in cinque ore e mezza il Monte Bianco

+ Miei preferiti
"Quick Day from Basecamp up to 7000m and back. I love it its such a great place here. I still believe in active aclimatisation. This is way more effective then spending Nights up in the Altitude!". Così, nel suo profilo Facebook, l'alpinista svizzero Ueli Steck, 41 - morto mentre tentava l'Everest - descriveva le fasi preparatorie della scalata. Con entusiasmo e professionalità. Oggi la famiglia, stremata dal dolore, chiede che non ci siano speculazioni sull'incidente di cui si sa ancora poco. Il corpo è stato recuperato, dopo una caduta di mille metri nel vuoto. Vediamo come i media svizzeri e inglesi hanno ricostruito la tragedia. Scrive il "Quotidiano del Popolo": "Il 40enne è rimasto vittima di un incidente durante una perlustrazione in vista di un tentativo di record sul Monte Everest, ha detto all'ats uno degli organizzatori della spedizione confermando informazioni di "The Himalayan Times". Steck - conosciuto anche con il soprannome di "Swiss Machine" - si era recato in Nepal a inizio aprile. Secondo quanto riportato da diversi media, la sua idea era quella di scalare due delle più alte vette al mondo nel giro di 48 ore: prima l'Everest (8848 m), poi il Lhotse (8561 m). Per rendere le cose ancora più impegnative, la scalata dell'Everest avrebbe dovuto essere effettuata attraverso il difficile passaggio chiamato Hornbein Couloir. Il rappresentante della "The Seven Summits Trecks", azienda che ha aiutato a organizzare la spedizione, ha spiegato che al momento dell'incidente Steck si trovava da solo. Il sinistro è avvenuto fra il primo e il secondo campo base, quando l'alpinista è precipitato nel vuoto per oltre 1000 metri. Il corpo è già stato recuperato.

In Piemonte e soprattutto in Val d'Aosta Ueli Steck era molto conosciuto, per questo la notizia della sua morte ha scosso i molti suoi seguaci e ammiratori della sue imprese sempre al limite estremo delle possibilità umane. Nell'agosto 2016 aveva impiegato solo 5 ore e 30 minuti da Courmayeur alla cima del Monte Bianco, su per la cresta dell'Innominata. Compresi i venti minuti per la colazione al rifugio. Aveva già inanellato una serie di record di velocità impressionanti negli ultimi anni: la nord dell'Eiger (2h22' nel 2015), la nord del Cervino (1h56′ nel 2009) e delle Grandes Jorasses (via Colton-Macintyre 2h21′ nel 2008 e via Ginat 2h08′ nel 2010). Aveva scritto, allora sul suo profilo fb, nel suo solito modo anti-eroico, scarno ed essenziale: "Grande corsa sul Monte Bianco per la cresta dell'Innominata Ho lasciato il campeggio Sorgente in val Veny alle 5.03. Dopo un'ora sono arrivato a capanna Monzino dove mi sono fermato per 20 minuti per fare colazione. Dopo un buon caffè al rifugio il mio motore ha iniziato a correre molto meglio. In 5 ore 30 minuti ho raggiunto la vetta del Monte Bianco".

Ciao Ueli, scalerai l'Infinito.

Mondo
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran