Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna

| Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta

+ Miei preferiti
Secondo l’agenzia di stampa “Xinhua”, un uomo di 23 anni che ha riferito di chiamarsi “Kong” si è arrampicato sul tetto di una scuola materna di Kaiyuan, nella provincia dello Yunnan, e ha spruzzato soda caustica all’interno di un’aula che a quell’ora si trovavano 51 bambini e tre insegnanti. Due dei piccoli, colpiti dall’acido, risultano feriti in modo grave, anche se non sarebbero in pericolo di vita.

L’uomo è stato arrestato circa un’ora dopo l’attacco, e alla polizia avrebbe giustificato il folle gesto come atto di vendetta verso il governo cinese.

La soda caustica, nome comune dell’idrossido di sodio, è utilizzata nella fabbricazione di un’infinità di prodotti tra cui sapone, carta e coloranti, ma è una sostanza molto potente ed estremamente pericolosa per un’alta capacità corrosiva che può nuocere in modo grave alla pelle e agli occhi.

Quello alla scuola materna di Kaiyuan non è il primo attacco diretto verso complessi scolastici in Cina: nell’ottobre dello scorso anno, una donna armata di un coltello da cucina ha ferito almeno 14 bambini in una scuola materna di Chongqing. Altri nove ragazzini sono stati uccisi in una scuola media della provincia dello Shaanxi nell’aprile 2018 da un uomo di 28 anni che è stato condannato a morte. Nel 2017, 11 studenti sono rimasti feriti dopo che un uomo che brandiva un coltello ha fatto irruzione in un asilo e tentato di ferire i bambini.

Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria