Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre

| Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana

+ Miei preferiti
Mancano ancora due settimane al capodanno cinese, ma il Paese asciatico si sta preparando a quella che è considerata la più grande migrazione umana del pianeta. È “Chunyun”, i 40 giorni in cui i cinesi tornano a casa per celebrare il Festival di primavera con le famiglie: è iniziato ufficialmente il 10 gennaio e si concluderà il 18 febbraio, con la data del capodanno fissata per il 25 gennaio.

Un evento che sta mettendo a dura prova le infrastrutture cinesi perché coincide con le vacanze invernali degli universitari.

Le ciclopiche previsioni parlano di 3 miliardi di viaggi, in leggero aumento rispetto allo scorso anno, quando furono 2,99 miliardi. Di questi, 2,43 miliardi di viaggi saranno effettuati in automobile, 440 milioni in treno, 79 milioni in aereo e 45 milioni via mare. Cifre sconcertanti che però non preoccupano la Cina, dove tutto è stato previsto e pianificato.

Giovedì scorso, un giorno prima dell’inizio ufficiale del Chunyun, l’Ufficio informazioni del Consiglio di Stato cinese ha indetto una conferenza stampa congiunta con sette dipartimenti, tra cui la Commissione nazionale per lo sviluppo delle località turistiche e il Ministero dei trasporti, per annunciare i numeri di quest’anno e le misure speciali adottate per il Festival di primavera. La Cina, che vanta già la più grande rete ferroviaria del mondo, nel 2019 ha realizzato 8.489 km di nuove linee ferroviarie, di cui 5.474 ad alta velocità. Le tratte Pechino-Zhangjiakou, che dispone di treni ad alta velocità senza conducente e operano a 350 km/h, e la Chengdu-Guiyang, sono due punti salienti per facilitare il traffico nelle regioni settentrionali e occidentali della Cina.  Circa 5.275 treni funzioneranno il giorno prima delle vacanze di Capodanno Lunare e 5.410 dopo, altri convogli ferroviari saranno impiegati di notte nel periodo di punta.

“Rispetto a Chunyun dell’anno scorso, i problemi di carenza di biglietti per alcune delle tratte più popolari sono stati attenuati - ha commentato Li Wenxin, vice direttore generale del China State Railway Group Co. Ltd – quest’anno è molto più facile prenotare i biglietti. A parte i giorni di punta (20-22 gennaio e 31 gennaio-1° febbraio), molte delle tratte precedentemente esaurite hanno ancora biglietti disponibili”.

In più di 1.000 stazioni ferroviarie sono state dotate del sistema di e-ticket check-in per velocizzare le procedure, e lo scorso anno è stato inaugurato anche l’atteso aeroporto internazionale di Pechino “Daxing”. L’amministrazione dell’aviazione civile cinese ha stimato che attraverso il nuovo aeroporto transiteranno 190 milioni di passeggeri durante il Capodanno lunare, con il 15% dei voli in più del solito. Oltre ad essere dotato di tecnologie che aiutano a volare in bassa visibilità, per ridurre le possibilità di ritardi dei voli in condizioni meteorologiche avverse, l’aeroporto ha adottato anche il riconoscimento facciale e tecnologie automatizzate per aumentare l’efficienza.

Gli aeroporti in Cina hanno programmato almeno 17.000 voli al giorno per far fronte al traffico. Wang Yang, ingegnere capo del Ministero dei Trasporti, ha dichiarato che circa 790.000 autobus e 19.000 navi saranno utilizzati per traghettare i viaggiatori. Sono stati inoltre costruiti e ampliati circa 330mila km di autostrada.

Mondo
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale