Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre

| Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana

+ Miei preferiti
Mancano ancora due settimane al capodanno cinese, ma il Paese asciatico si sta preparando a quella che è considerata la più grande migrazione umana del pianeta. È “Chunyun”, i 40 giorni in cui i cinesi tornano a casa per celebrare il Festival di primavera con le famiglie: è iniziato ufficialmente il 10 gennaio e si concluderà il 18 febbraio, con la data del capodanno fissata per il 25 gennaio.

Un evento che sta mettendo a dura prova le infrastrutture cinesi perché coincide con le vacanze invernali degli universitari.

Le ciclopiche previsioni parlano di 3 miliardi di viaggi, in leggero aumento rispetto allo scorso anno, quando furono 2,99 miliardi. Di questi, 2,43 miliardi di viaggi saranno effettuati in automobile, 440 milioni in treno, 79 milioni in aereo e 45 milioni via mare. Cifre sconcertanti che però non preoccupano la Cina, dove tutto è stato previsto e pianificato.

Giovedì scorso, un giorno prima dell’inizio ufficiale del Chunyun, l’Ufficio informazioni del Consiglio di Stato cinese ha indetto una conferenza stampa congiunta con sette dipartimenti, tra cui la Commissione nazionale per lo sviluppo delle località turistiche e il Ministero dei trasporti, per annunciare i numeri di quest’anno e le misure speciali adottate per il Festival di primavera. La Cina, che vanta già la più grande rete ferroviaria del mondo, nel 2019 ha realizzato 8.489 km di nuove linee ferroviarie, di cui 5.474 ad alta velocità. Le tratte Pechino-Zhangjiakou, che dispone di treni ad alta velocità senza conducente e operano a 350 km/h, e la Chengdu-Guiyang, sono due punti salienti per facilitare il traffico nelle regioni settentrionali e occidentali della Cina.  Circa 5.275 treni funzioneranno il giorno prima delle vacanze di Capodanno Lunare e 5.410 dopo, altri convogli ferroviari saranno impiegati di notte nel periodo di punta.

“Rispetto a Chunyun dell’anno scorso, i problemi di carenza di biglietti per alcune delle tratte più popolari sono stati attenuati - ha commentato Li Wenxin, vice direttore generale del China State Railway Group Co. Ltd – quest’anno è molto più facile prenotare i biglietti. A parte i giorni di punta (20-22 gennaio e 31 gennaio-1° febbraio), molte delle tratte precedentemente esaurite hanno ancora biglietti disponibili”.

In più di 1.000 stazioni ferroviarie sono state dotate del sistema di e-ticket check-in per velocizzare le procedure, e lo scorso anno è stato inaugurato anche l’atteso aeroporto internazionale di Pechino “Daxing”. L’amministrazione dell’aviazione civile cinese ha stimato che attraverso il nuovo aeroporto transiteranno 190 milioni di passeggeri durante il Capodanno lunare, con il 15% dei voli in più del solito. Oltre ad essere dotato di tecnologie che aiutano a volare in bassa visibilità, per ridurre le possibilità di ritardi dei voli in condizioni meteorologiche avverse, l’aeroporto ha adottato anche il riconoscimento facciale e tecnologie automatizzate per aumentare l’efficienza.

Gli aeroporti in Cina hanno programmato almeno 17.000 voli al giorno per far fronte al traffico. Wang Yang, ingegnere capo del Ministero dei Trasporti, ha dichiarato che circa 790.000 autobus e 19.000 navi saranno utilizzati per traghettare i viaggiatori. Sono stati inoltre costruiti e ampliati circa 330mila km di autostrada.

Mondo
“L’epidemia crescerà ancora”
“L’epidemia crescerà ancora”
Le previsioni degli esperti parlano di numeri sconcertanti dovuti alla facilità con cui il coronavirus di Wuhan si trasmette. La Cina ha messo in campo tutte le proprie forze, mentre gli Stati Uniti rimpatriano i propri cittadini
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni