Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi

| Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani

+ Miei preferiti
In cuor suo, Neil Ferguson, epidemiologo fra i firmatari di uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, spera di avere torto: “Siamo molto più preoccupati di quanto non fossimo una settimana fa, perché i casi di coronavirus che si sono verificati in Cina potrebbero essere molti di più di quelli registrati ufficialmente finora”.

Secondo lo studio, dallo scorso dicembre i casi di infezione dal misterioso virus sarebbero 1.723, con due morti, mentre le autorità cinesi confermano solo 50 casi tra Cina, Giappone e Thailandia. I numeri dello studio sono al momento una stima che si basa su diverse ipotesi, tra cui il numero di casi esportati in altri paesi, il numero di persone passate attraverso l’aeroporto internazionale di Wuhan e il tempo impiegato per l’incubazione dell’infezione. “L’individuazione di tre casi al di fuori della Cina è preoccupante: calcoliamo, sulla base dei dati di volo e della popolazione, che ci sia una possibilità su 574 che una persona infetta a Wuhan si rechi all’estero prima di aver bisogno di cure mediche. Ma ci sono molte incognite, il che significa che l’intervallo di incertezza intorno alla stima varia da 190 casi a oltre 4.000”.

Nella maggior parte dei casi registrati c’è un collegamento epidemiologico comune con il mercato del pesce della città di Wuhan, ma diverse persone raccontano di non esserci mai state. L’ipotesi dei ricercatori è che il virus abbia sfruttato una finestra di trasmissione interumana, magari limitata a poche settimane, ma pur sempre dalle potenzialità devastanti.

Il virus si presenta come un’influenza: febbre alta e respiro affannoso, tanto che a molti dei ricoverati era stata diagnosticata una polmonite. In realtà di “2019-nCoV”, il nome tecnico del nuovo virus, si sa ancora poco: fa parte della famiglia dei coronavirus, che spazia dal raffreddore comune a malattie respiratorie decisamente più gravi, ma l’origine è tutt’ora sconosciuta. Il timore è la forte somiglianza alla “Sars”, infezione di origine animale che nel biennio 2002-2003 fu responsabile di più di 800 morti. “Molto resta da capire sul nuovo coronavirus, che è stato identificato per la prima volta in Cina all’inizio di questo mese. Non si sa abbastanza per trarre conclusioni definitive su come si trasmette, sulle caratteristiche cliniche della malattia e sulla sua diffusione”, ha commentato l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Agli aeroporti JFK di New York, San Francisco e Los Angeles sono scattati i controlli di emergenza, con screening dei passeggeri in arrivo dall’Asia, obbligati al controllo della temperatura corporea a infrarossi e a compilare un questionario. Lo scorso anno, più di 60.000 passeggeri sono arrivati negli Stati Uniti da Wuhan, la stragrande maggioranza dei quali è passata attraverso i tre scali in cui è scattata l’emergenza.

Mondo
L’Iraq accoglie Francesco,
il Papa che vuole cambiare la storia
L’Iraq accoglie Francesco,<br>il Papa che vuole cambiare la storia
Poche ore all’inizio del primo viaggio di un Pontefice in una terra martoriata da guerre e terrorismo, dove essere cristiani significa rischiare la vita ogni giorno. Imponenti le misure di sicurezza
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles