Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi

| Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani

+ Miei preferiti
In cuor suo, Neil Ferguson, epidemiologo fra i firmatari di uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, spera di avere torto: “Siamo molto più preoccupati di quanto non fossimo una settimana fa, perché i casi di coronavirus che si sono verificati in Cina potrebbero essere molti di più di quelli registrati ufficialmente finora”.

Secondo lo studio, dallo scorso dicembre i casi di infezione dal misterioso virus sarebbero 1.723, con due morti, mentre le autorità cinesi confermano solo 50 casi tra Cina, Giappone e Thailandia. I numeri dello studio sono al momento una stima che si basa su diverse ipotesi, tra cui il numero di casi esportati in altri paesi, il numero di persone passate attraverso l’aeroporto internazionale di Wuhan e il tempo impiegato per l’incubazione dell’infezione. “L’individuazione di tre casi al di fuori della Cina è preoccupante: calcoliamo, sulla base dei dati di volo e della popolazione, che ci sia una possibilità su 574 che una persona infetta a Wuhan si rechi all’estero prima di aver bisogno di cure mediche. Ma ci sono molte incognite, il che significa che l’intervallo di incertezza intorno alla stima varia da 190 casi a oltre 4.000”.

Nella maggior parte dei casi registrati c’è un collegamento epidemiologico comune con il mercato del pesce della città di Wuhan, ma diverse persone raccontano di non esserci mai state. L’ipotesi dei ricercatori è che il virus abbia sfruttato una finestra di trasmissione interumana, magari limitata a poche settimane, ma pur sempre dalle potenzialità devastanti.

Il virus si presenta come un’influenza: febbre alta e respiro affannoso, tanto che a molti dei ricoverati era stata diagnosticata una polmonite. In realtà di “2019-nCoV”, il nome tecnico del nuovo virus, si sa ancora poco: fa parte della famiglia dei coronavirus, che spazia dal raffreddore comune a malattie respiratorie decisamente più gravi, ma l’origine è tutt’ora sconosciuta. Il timore è la forte somiglianza alla “Sars”, infezione di origine animale che nel biennio 2002-2003 fu responsabile di più di 800 morti. “Molto resta da capire sul nuovo coronavirus, che è stato identificato per la prima volta in Cina all’inizio di questo mese. Non si sa abbastanza per trarre conclusioni definitive su come si trasmette, sulle caratteristiche cliniche della malattia e sulla sua diffusione”, ha commentato l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Agli aeroporti JFK di New York, San Francisco e Los Angeles sono scattati i controlli di emergenza, con screening dei passeggeri in arrivo dall’Asia, obbligati al controllo della temperatura corporea a infrarossi e a compilare un questionario. Lo scorso anno, più di 60.000 passeggeri sono arrivati negli Stati Uniti da Wuhan, la stragrande maggioranza dei quali è passata attraverso i tre scali in cui è scattata l’emergenza.

Mondo
Hong Kong, teorie e poche verità
sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità<br>sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano