Cina: un selfie in cabina costa la carriera ad un pilota

| Ha fatto entrare in cabina e lasciato il posto ad una giovane che poco dopo ha postato l’immagine sui social. In breve l’immagine è diventata virale, e la compagnia aerea ha preso provvedimenti

+ Miei preferiti
Ad un pilota della compagnia aerea cinese “Air Gulin”, di cui non sono state rivelate le generalità, è costata la carriera la scelta di cedere il suo posto ad una giovane e avvenente ragazza, che si è messa ai comandi del velivolo per una foto. La giovane, anche lei rimasta anonima, ha pensato di postare l’immagine su “Weibo”, popolare social media cinese, accompagnata da un commento entusiasta: “Sono supergrata al pilota! È stato molto eccitante”. In breve, l’immagine è diventata virale scatenando l’indignazione generale per una grave violazione delle norme di sicurezza, e poco è servito rimuovere il post.

La foto è stata vista da un blogger cinese, che è riuscito a stabilire che l’immagine era stata scattata su un volo della “Air Guilin”, che ha confermato l’accaduto: si trattava di un volo del 4 gennaio scorso, partito dalla città di Guilin e diretto a Yangzhou.

La compagnia ha commentato di avere regole ferree per quanto riguarda la sicurezza dei propri passeggeri, assicurando “una politica di tolleranza zero verso tutti gli atti non professionali ed impropri che potrebbero mettere in pericolo il volo. Potenzieremo le nostre rigorose linee guida, per evitare che incidenti come questo accadano di nuovo”.

La donna è stata identificata come una studentessa che frequenta un corso per assistenti di volo presso la “Guilin Tourism University”, e non è chiaro se è in qualche modo legata al pilota, che a sua volta è stato immediatamente licenziato.

Non è la prima volta che i piloti cinesi violano le più elementari regole di sicurezza, ospitando passeggeri nella cabina di pilotaggio. Un comportamento che va contro il rafforzamento delle norme di sicurezza relative all’accesso nella cabina, rese necessarie dagli attacchi dell’11 settembre 2001 a New York. Peter Goelz, ex amministratore delegato dell’US National Transportation Safety Board, ha ricordato dal 2015 serrature automatiche sono state installate sulle porte delle cabine di tutti gli aerei per impedire agli intrusi di accedere ai sistemi di controllo del volo. I regolamenti emessi dalla US Federal Aviation Administration vietano anche ai piloti di utilizzare gli smartphone per uso personale quando l’aereo è in volo, a meno che non abbiano ottenuto un permesso speciale.

Mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”