Cina: un selfie in cabina costa la carriera ad un pilota

| Ha fatto entrare in cabina e lasciato il posto ad una giovane che poco dopo ha postato l’immagine sui social. In breve l’immagine è diventata virale, e la compagnia aerea ha preso provvedimenti

+ Miei preferiti
Ad un pilota della compagnia aerea cinese “Air Gulin”, di cui non sono state rivelate le generalità, è costata la carriera la scelta di cedere il suo posto ad una giovane e avvenente ragazza, che si è messa ai comandi del velivolo per una foto. La giovane, anche lei rimasta anonima, ha pensato di postare l’immagine su “Weibo”, popolare social media cinese, accompagnata da un commento entusiasta: “Sono supergrata al pilota! È stato molto eccitante”. In breve, l’immagine è diventata virale scatenando l’indignazione generale per una grave violazione delle norme di sicurezza, e poco è servito rimuovere il post.

La foto è stata vista da un blogger cinese, che è riuscito a stabilire che l’immagine era stata scattata su un volo della “Air Guilin”, che ha confermato l’accaduto: si trattava di un volo del 4 gennaio scorso, partito dalla città di Guilin e diretto a Yangzhou.

La compagnia ha commentato di avere regole ferree per quanto riguarda la sicurezza dei propri passeggeri, assicurando “una politica di tolleranza zero verso tutti gli atti non professionali ed impropri che potrebbero mettere in pericolo il volo. Potenzieremo le nostre rigorose linee guida, per evitare che incidenti come questo accadano di nuovo”.

La donna è stata identificata come una studentessa che frequenta un corso per assistenti di volo presso la “Guilin Tourism University”, e non è chiaro se è in qualche modo legata al pilota, che a sua volta è stato immediatamente licenziato.

Non è la prima volta che i piloti cinesi violano le più elementari regole di sicurezza, ospitando passeggeri nella cabina di pilotaggio. Un comportamento che va contro il rafforzamento delle norme di sicurezza relative all’accesso nella cabina, rese necessarie dagli attacchi dell’11 settembre 2001 a New York. Peter Goelz, ex amministratore delegato dell’US National Transportation Safety Board, ha ricordato dal 2015 serrature automatiche sono state installate sulle porte delle cabine di tutti gli aerei per impedire agli intrusi di accedere ai sistemi di controllo del volo. I regolamenti emessi dalla US Federal Aviation Administration vietano anche ai piloti di utilizzare gli smartphone per uso personale quando l’aereo è in volo, a meno che non abbiano ottenuto un permesso speciale.

Mondo
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo