Colorando la città

| Maglie, lane, cotoni e filati diventano il rivestimento per oggetti di uso comune. Breve storia di una street art da sapore antico, che piace tanto anche in Italia

+ Miei preferiti

Eravamo rimasti alle nonne, categoria a cui sembravano legate le ultime speranze di tramandare l'arte antica dell'uncinetto, del fare la maglia utilizzando lana e ferri, incrociati freneticamente d'inverno, magari davanti alle finestre e ai nipotini. Ma nell'era di internet e dei social, chi aveva più voglia di sferruzzare? Nessuno, certo: basta trovare una "app" per sfogarsi senza faticare. Eppure negli Stati Uniti - sempre lì, accidenti – nell'ormai lontano 2005, Madga Sayeg, 37 anni, titolare di un negozio di maglieria di Houston, Texas, per tentare di alzare la curiosità verso la sua attività, fodera con della lana colorata la porta d'ingresso al suo negozio. Non lo sa ancora, ma sta inventando un fenomeno che ha ormai raggiunto dimensioni mondiali, toccando più volte anche l'Italia. Si chiama "Yarn Bombing", e letteralmente sarebbe traducibile come "bombardamento di filati", anche se di bombe non c'è traccia, anzi, l'idea dell'uncinetto e della maglia è forse quanto di più pacifico e distante dalle armi a cui si possa pensare. Il bombardamento a cui si riferisce è semplicemente quello dato dai colori di lane e cotoni con cui da allora, Magda ha cominciato a rivestire oggetti sempre più strani e diversi in giro per il mondo. Una delle sue prime creazioni è un vecchio autobus, che Magda ricopre di maglia all'uncinetto, oggi finito in un museo di Città del Messico, mentre una delle sue più recenti imprese è stata di rivestire 99 tronchi d'albero.

Ma Magda non è più sola: accanto a lei si agita il movimento "Knitta Please", mentre altri artisti fanno parlare le cronache per i loro rivestimenti a sorpresa. È il caso di Agata Olek, che ha dato nuova immagine al celebre toro che campeggia all'ingresso della borsa di Wall Street, a New York, o l'italiana Giusy Marchetti, che dal canto suo ha rivestito una vecchia Fiat 500 rilanciando anche in Italia l'usanza dell'uncinetto. E ancora degli olandesi della Knitted Landscape, che approfittano delle notte per ricoprire le strade di rose fatte ai ferri, ed i Masquerade di Stoccolma, che invece hanno scelto come obiettivo segnali stradali e manifesti pubblicitari. Difficile trovare posto nel mondo che non sia stato "attaccato" da maglie e filati, dimostrando che l'idea di Magda Sayed ha fatto migliaia di proseliti, entrando di diritto nell'elenco delle "street art", le arti da strada a cui appartengono anche i movimenti più invasivi, come l'uso delle bombolette spray, ma che stavolta può almeno contare su una virata tenera, romantica a soprattutto asportabile senza richiedere ordinanze comunali. Anzi, esiste un serissimo protocollo a cui gli adepti della nuova arte stradale si impegnano a rispettare con scrupolo, e che recita: non va installato nulla che possa intralciare il traffico o creare disagio e tutto deve avere caratteristiche di provvisorietà.

Ma resta il dato: lo Yarn Bomgin ha vissuto una popolarità così improvvisa da attirare l'attenzione di enti e istituzioni (Genova e Pistoia sono state fra le prime città ad ospitare eventi), ma anche dei creativi di tutto il mondo. Lo dimostra il curriculum di Magda, che ogni tanto abbandona alberi e panchine per dedicarsi alle richieste di aziende di livello mondiale, che all'uncinetto non ci avevano ancora pensato.

 

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino