Colorando la città

| Maglie, lane, cotoni e filati diventano il rivestimento per oggetti di uso comune. Breve storia di una street art da sapore antico, che piace tanto anche in Italia

+ Miei preferiti

Eravamo rimasti alle nonne, categoria a cui sembravano legate le ultime speranze di tramandare l'arte antica dell'uncinetto, del fare la maglia utilizzando lana e ferri, incrociati freneticamente d'inverno, magari davanti alle finestre e ai nipotini. Ma nell'era di internet e dei social, chi aveva più voglia di sferruzzare? Nessuno, certo: basta trovare una "app" per sfogarsi senza faticare. Eppure negli Stati Uniti - sempre lì, accidenti – nell'ormai lontano 2005, Madga Sayeg, 37 anni, titolare di un negozio di maglieria di Houston, Texas, per tentare di alzare la curiosità verso la sua attività, fodera con della lana colorata la porta d'ingresso al suo negozio. Non lo sa ancora, ma sta inventando un fenomeno che ha ormai raggiunto dimensioni mondiali, toccando più volte anche l'Italia. Si chiama "Yarn Bombing", e letteralmente sarebbe traducibile come "bombardamento di filati", anche se di bombe non c'è traccia, anzi, l'idea dell'uncinetto e della maglia è forse quanto di più pacifico e distante dalle armi a cui si possa pensare. Il bombardamento a cui si riferisce è semplicemente quello dato dai colori di lane e cotoni con cui da allora, Magda ha cominciato a rivestire oggetti sempre più strani e diversi in giro per il mondo. Una delle sue prime creazioni è un vecchio autobus, che Magda ricopre di maglia all'uncinetto, oggi finito in un museo di Città del Messico, mentre una delle sue più recenti imprese è stata di rivestire 99 tronchi d'albero.

Ma Magda non è più sola: accanto a lei si agita il movimento "Knitta Please", mentre altri artisti fanno parlare le cronache per i loro rivestimenti a sorpresa. È il caso di Agata Olek, che ha dato nuova immagine al celebre toro che campeggia all'ingresso della borsa di Wall Street, a New York, o l'italiana Giusy Marchetti, che dal canto suo ha rivestito una vecchia Fiat 500 rilanciando anche in Italia l'usanza dell'uncinetto. E ancora degli olandesi della Knitted Landscape, che approfittano delle notte per ricoprire le strade di rose fatte ai ferri, ed i Masquerade di Stoccolma, che invece hanno scelto come obiettivo segnali stradali e manifesti pubblicitari. Difficile trovare posto nel mondo che non sia stato "attaccato" da maglie e filati, dimostrando che l'idea di Magda Sayed ha fatto migliaia di proseliti, entrando di diritto nell'elenco delle "street art", le arti da strada a cui appartengono anche i movimenti più invasivi, come l'uso delle bombolette spray, ma che stavolta può almeno contare su una virata tenera, romantica a soprattutto asportabile senza richiedere ordinanze comunali. Anzi, esiste un serissimo protocollo a cui gli adepti della nuova arte stradale si impegnano a rispettare con scrupolo, e che recita: non va installato nulla che possa intralciare il traffico o creare disagio e tutto deve avere caratteristiche di provvisorietà.

Ma resta il dato: lo Yarn Bomgin ha vissuto una popolarità così improvvisa da attirare l'attenzione di enti e istituzioni (Genova e Pistoia sono state fra le prime città ad ospitare eventi), ma anche dei creativi di tutto il mondo. Lo dimostra il curriculum di Magda, che ogni tanto abbandona alberi e panchine per dedicarsi alle richieste di aziende di livello mondiale, che all'uncinetto non ci avevano ancora pensato.

 

Mondo
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles