Colpo di stato in Myanmar

| La presidente Aung San Suu Kyi e diversi ministri sono stati arrestati dai militari, che da ore controllano le reti televisive e le comunicazioni. Durissime le condanne internazionali: gli Stati Uniti minacciano di intervenire

+ Miei preferiti
Il Myamnmar piomba nel caos: la “National League for Democracy”, il partito al governo vincitore delle recenti elezioni, ha annunciato che al termine di un raid messo a segno dall’esercito, la presidente Aung San Suu Kyi e un numero imprecisato di alti dirigenti del governo sono stati arrestati, dichiarando lo stato di emergenza.

Il paese si è svegliato con il quasi totale blackout delle comunicazioni e militari che pattugliavano gli edifici pubblici della principale città, Yangon: in televisione un unico canale è attivo, “Myawaddy”, controllato dall’esercito, e tutti gli altri sono stati oscurati.

Mentre filtrava la notizia che i leader del paese erano stati tratti in arresto a poche ore dall’apertura della prima sessione del nuovo parlamento, un conduttore ha annunciato che tutti i poteri erano stati consegnati al comandante dell’esercito Min Aung Hlaing.

Uno sviluppo che era nell’aria, giunto dopo diverse settimane in cui si registrava un peggioramento delle tensioni politiche nel paese. Secondo l’agenzia britannica “Reuters”, insieme a Suu Kyi sarebbe stato arrestato anche il presidente Win Myint, così come diversi ministri dei diversi stati interni: lo Shan e il Kayah.

Immediate le reazioni e le condanne a livello internazionale, con gli Stati Uniti che hanno ufficialmente chiesto ai militari del Myanmar di “rilasciare tutti i funzionari del governo e i leader della società civile e rispettare la volontà del popolo”. Il presidente Biden è stato informato sulla situazione dal consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, che poco dopo ha diffuso una nota: “Gli Stati Uniti si oppongono a qualsiasi tentativo di alterare il risultato delle recenti elezioni o di ostacolare la transizione democratica del Myanmar, e agiranno contro i responsabili se la situazione non arriverà ad una soluzione. Stiamo monitorando la situazione molto da vicino”.

Ma dal Myanmar, la replica è arrivata da un annuncio firmato dal presidente appena insediato, l’ex generale Myint Swe, in cui si sostiene che nel corso delle elezioni dell’8 novembre scorso si sarebbero verificati numerosi brogli elettorali che hanno portato all’arresto dei leader politici per “non aver intrapreso azioni e accettato la richiesta di rinviare le sessioni della due camere del Parlamento”.

Il partito di Aung San Suu Kyi ha ottenuto una vittoria schiacciante nel secondo scrutinio del paese dal 2011, al termine del governo militare, prendendo l’83% dei voti, mentre il Partito della Solidarietà e dello Sviluppo dell’Unione, sostenuto dai militari, si è limitato a 33 seggi su 476, molto meno delle aspettative. La commissione elettorale del Myanmar ha respinto le accuse di frode elettorale, affermando che eventuali errori - come nomi duplicati sulle liste elettorali - non erano sufficienti a influenzare il risultato del voto.

Il premio Nobel Suu Kyi è considerata un simbolo della democrazia in Myanmar, dove ha trascorso 15 anni agli arresti domiciliari come parte della sua lunga battaglia contro il governo militare. Dopo il suo rilascio, Suu Kyi ha guidato il suo partito verso una vittoria schiacciante nelle elezioni del 2015, aprendo le porte al primo governo civile dopo decenni di isolamento e autoritarismo. Tuttavia, la sua reputazione internazionale negli ultimi anni è stata offuscata dalle accuse di genocidio contro la popolazione musulmana dei Rohingya, sempre negata dal governo del Myanmar.

Con un post su Twitter, l’organizzazione non governativa per i diritti umani “Burma Rights UK” ha definito l’arresto di Suu Kyi devastante, chiedendo l’intervento delle potenze mondiali: “Questa situazione può essere solo affrontata con una forte risposta internazionale. L’esercito deve capire che ha commesso un grave errore di calcolo pensando di poter tornare indietro nel tempo”. Secondo l’eminente storico del Myanmar Thant Myint-U, “Le porte si sono appena aperte su un futuro molto diverso: ho la sensazione che nessuno sarà davvero in grado di controllare ciò che sarà. Ricordate sempre che il Myanmar è un paese inondato di armi, con profonde divisioni etniche e religiose e dove milioni di persone possono a malapena nutrirsi”.

Il capo dell'esercito Min Aung Hlaing è finito sotto l’obiettivo dei servizi segreti statunitensi dal dicembre 2019: è accusato di atrocità e violazione dei diritti umani contro il popolo Rohingya.

Articoli correlati
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni