Colpo di Stato in Sudan

| I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa

+ Miei preferiti
L’hanno chiamata “Kandaka”, la regina nubiana, la donna che è diventata il simbolo delle proteste che infiammano il Sudan contro il presidente Omar al-Bashir, il “sergente di ferro”, al potere da oltre trent’anni, accusato di violenze, omicidi, genocidio e crimini di guerra dalla Corte Penale Internazionale de L’Aja. La donna è stata ripresa più volte mentre dai tetti dell’auto incita alla rivoluzione i manifestanti scesi in piazza: indossa il “thobe”, un abito bianco tradizionale, e per i media di tutto il mondo è un fatto di eccezionale rarità, che sia proprio una donna a guidare quello che è ormai definito un colpo di stato.



Secondo le ultime notizie, dopo mesi di proteste e al termine dell’arrivo dell’esercito, che ha circondato il palazzo presidenziale dopo aver preso il controllo dell’aeroporto e delle strade principali, al-Bashir si sarebbe dimesso, abbassando il prezzo dei generi di prima necessità pur di garantirsi una permanenza in patria e non essere estradato finendo davanti alla giustizia internazionale. A breve, hanno dichiarato i militari, sarà fatto un “importante annuncio” via radio: con molta probabilità la formazione di un governo di transizione guidato dal primo ministro Awad Ibn.



Il Sudan riveste un ruolo chiave nella politica del Medio Oriente: al-Bashir mantiene da sempre contatti con il mondo arabo, e può contare sull’appoggio di Russia e Cina.

Le proteste erano iniziate nel dicembre dello scorso anno, quando sulla spinta di un’inflazione che ha toccato il 44%, la gente era scesa in piazza per protestare contro il costo del cibo e la mancanza di servizi essenziali: i manifestanti, in arrivo da ogni angolo del paese, si sono accampati davanti al palazzo presidenziale di Khartoum per non spostarsi più. Da allora si contano centinaia di arresti da parte deli “Janjaweed”, le milizie fedeli ad al-Bashir, mentre si stimano almeno 50 morti, ma per molti il conto finale sarà molto più alto.

Galleria fotografica
Colpo di Stato in Sudan - immagine 1
Colpo di Stato in Sudan - immagine 2
Mondo
Il razzo cinese si schianterà
sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà<br>sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione
L’India travolta dai contagi
L’India travolta dai contagi
Il Paese è allo stremo: mancano posti letto, ossigeno e medicinali, in arrivo da diversi continenti. In Brasile, al contrario, Bolsonaro pronto a mandare l’esercito dove sono state imposte limitazioni che definisce “assurde”
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il sommergibile indonesiano scomparso mercoledì scorso individuato sul fondale al largo dell’isola di Bali: nessuna speranza per i 53 uomini di equipaggio
Dopo 66 anni, l’India si prepara a impiccare una donna
Dopo 66 anni, l’India si prepara a impiccare una donna
Nel 2008, Shabnam ha ucciso 7 membri della sua famiglia insieme a Saleem, l’uomo che intendeva sposare malgrado i familiari non volessero. Il figlio della coppia sta tentando di fermare l’esecuzione