Colpo di Stato in Sudan

| I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa

+ Miei preferiti
L’hanno chiamata “Kandaka”, la regina nubiana, la donna che è diventata il simbolo delle proteste che infiammano il Sudan contro il presidente Omar al-Bashir, il “sergente di ferro”, al potere da oltre trent’anni, accusato di violenze, omicidi, genocidio e crimini di guerra dalla Corte Penale Internazionale de L’Aja. La donna è stata ripresa più volte mentre dai tetti dell’auto incita alla rivoluzione i manifestanti scesi in piazza: indossa il “thobe”, un abito bianco tradizionale, e per i media di tutto il mondo è un fatto di eccezionale rarità, che sia proprio una donna a guidare quello che è ormai definito un colpo di stato.



Secondo le ultime notizie, dopo mesi di proteste e al termine dell’arrivo dell’esercito, che ha circondato il palazzo presidenziale dopo aver preso il controllo dell’aeroporto e delle strade principali, al-Bashir si sarebbe dimesso, abbassando il prezzo dei generi di prima necessità pur di garantirsi una permanenza in patria e non essere estradato finendo davanti alla giustizia internazionale. A breve, hanno dichiarato i militari, sarà fatto un “importante annuncio” via radio: con molta probabilità la formazione di un governo di transizione guidato dal primo ministro Awad Ibn.



Il Sudan riveste un ruolo chiave nella politica del Medio Oriente: al-Bashir mantiene da sempre contatti con il mondo arabo, e può contare sull’appoggio di Russia e Cina.

Le proteste erano iniziate nel dicembre dello scorso anno, quando sulla spinta di un’inflazione che ha toccato il 44%, la gente era scesa in piazza per protestare contro il costo del cibo e la mancanza di servizi essenziali: i manifestanti, in arrivo da ogni angolo del paese, si sono accampati davanti al palazzo presidenziale di Khartoum per non spostarsi più. Da allora si contano centinaia di arresti da parte deli “Janjaweed”, le milizie fedeli ad al-Bashir, mentre si stimano almeno 50 morti, ma per molti il conto finale sarà molto più alto.

Galleria fotografica
Colpo di Stato in Sudan - immagine 1
Colpo di Stato in Sudan - immagine 2
Mondo
Adolf Hitler eletto in Namibia
Adolf Hitler eletto in Namibia
Il nuovo consigliere di Ompundha, nella regione di Oshana, assicura di non avere alcuna intenzione di “soggiogare il suo Paese e il mondo intero”. A dargli il nome era stato il padre, “che non sapeva neanche chi fosse Hitler”
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Il mese scorso si sono tolte la vita più persone di quante ne abbia uccise il virus. E le donne sono state le più colpite
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza