Colpo di Stato in Sudan

| I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa

+ Miei preferiti
L’hanno chiamata “Kandaka”, la regina nubiana, la donna che è diventata il simbolo delle proteste che infiammano il Sudan contro il presidente Omar al-Bashir, il “sergente di ferro”, al potere da oltre trent’anni, accusato di violenze, omicidi, genocidio e crimini di guerra dalla Corte Penale Internazionale de L’Aja. La donna è stata ripresa più volte mentre dai tetti dell’auto incita alla rivoluzione i manifestanti scesi in piazza: indossa il “thobe”, un abito bianco tradizionale, e per i media di tutto il mondo è un fatto di eccezionale rarità, che sia proprio una donna a guidare quello che è ormai definito un colpo di stato.



Secondo le ultime notizie, dopo mesi di proteste e al termine dell’arrivo dell’esercito, che ha circondato il palazzo presidenziale dopo aver preso il controllo dell’aeroporto e delle strade principali, al-Bashir si sarebbe dimesso, abbassando il prezzo dei generi di prima necessità pur di garantirsi una permanenza in patria e non essere estradato finendo davanti alla giustizia internazionale. A breve, hanno dichiarato i militari, sarà fatto un “importante annuncio” via radio: con molta probabilità la formazione di un governo di transizione guidato dal primo ministro Awad Ibn.



Il Sudan riveste un ruolo chiave nella politica del Medio Oriente: al-Bashir mantiene da sempre contatti con il mondo arabo, e può contare sull’appoggio di Russia e Cina.

Le proteste erano iniziate nel dicembre dello scorso anno, quando sulla spinta di un’inflazione che ha toccato il 44%, la gente era scesa in piazza per protestare contro il costo del cibo e la mancanza di servizi essenziali: i manifestanti, in arrivo da ogni angolo del paese, si sono accampati davanti al palazzo presidenziale di Khartoum per non spostarsi più. Da allora si contano centinaia di arresti da parte deli “Janjaweed”, le milizie fedeli ad al-Bashir, mentre si stimano almeno 50 morti, ma per molti il conto finale sarà molto più alto.

Galleria fotografica
Colpo di Stato in Sudan - immagine 1
Colpo di Stato in Sudan - immagine 2
Mondo
Hong Kong, teorie e poche verità
sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità<br>sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano