Come ti violento la bisnonna

| Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

In Sud Africa e in Namibia erano definiti “bantustan” quei territori (chiamati homeland in inglese) destinati alla segregazione delle etnie nere da parte del governo sudafricano all’epoca dell’apartheid. Si tratta di zone decisamente degradate e senza regole i cui abitanti - abbandonati a loro stessi dalla società - hanno spesso una totale mancanza di senso civico, nessun rispetto per le regole e soprattutto sono stati angariati per lunghi anni dal governo razzista.

Il QwaQwa è uno di questi territori: dal 1974 è stato riunito al SudAfrica come entità autonoma e ancora oggi la popolazione è povera e con ben poche prospettive di migliorare il proprio tenore di vita. È in questo territorio e in questo sistema degradato e con poche speranze di cambiamento che a partire da dicembre due fratelli di 15 e 19 anni hanno abusato per settimane della loro bisnonna di 96 anni. Sono stati ufficialmente accusati di violenza sessuale solo alcuni giorni fa, da quando la famiglia ha finalmente denunciato gli abusi.

È stato un medico a scoprire che la povera bisnonna aveva subito ripetute violenze, informando la famiglia. Scoprire i colpevoli è stato questione di un attimo, ma i parenti dei protagonisti di questa brutta storia hanno deciso di non denunciare i due ragazzi, richiamandoli all’ordine senza tuttavia consegnarli alle autorità. Ma la libidine dei due giovani non ha consentito loro di trattenersi e così gli abusi sono continuati e ai familiari non è restato altro da fare che far incriminare i giovani per imporre loro di smettere.

Prima che la polizia potesse arrestarli, i due fratelli sono scappati e per alcuni giorni non si sono fatti trovare, per poi decidere di consegnarsi di loro spontanea volontà alle autorità. Ora li aspetta un processo e una pena che si suppone severa. Sperando non siano condannati a svolgere attività socialmente utili, magari come assistenti in una casa di riposo per anziani…

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni