Condannato un ristoratore schiavista

| Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo

+ Miei preferiti
John Christopher Smith ha sofferto in silenzio per anni, mentre il proprietario di un ristorante in Carolina del Sud abusava fisicamente di lui, costringendolo a lavorare per più di 100 ore alla settimana senza retribuzione. Il ristoratore schiavista, Bobby Paul Edwards, 54 anni, poche ore fa è stato condannato a 10 anni di galera e al pagamento di 272.952 dollari come calcolo per le mancate retribuzioni.

Il Dipartimento di Giustizia ha riferito che il fatto è avvenuto fra il 2004 ed il 2014 in ristorante di Convay, dove il titolare, ha usato violenza, minacce e intimidazioni contro l’impiegato afro-americano. Edwards era solito usare epiteti razziali contro la vittima e diversi testimoni hanno affermato di averlo visto picchiare con una cintura, pentole e padelle John Christopher Smith, affetto da disabilità intellettive e terrorizzato all’idea di perdere un lavoro conquistato con grande fatica.

“È inconcepibile scoprire ancora oggi simili casi di schiavismo, un secolo e mezzo dopo il Proclama di Emancipazione - ha commentato l’assistente procuratore generale Eric Dreiband della Divisione dei diritti civili - il Dipartimento di Giustizia continuerà a indagare, perseguire e condannare i trafficanti di esseri umani coinvolti in casi di soprusi, per dare giustizia alle vittime”.

In una rara intervista, Smith aveva raccontato che Edwards l’avesse maltrattato per anni, costringendolo a vivere in una stanzetta sul retro del ristorante per tenerlo lontano dai familiari. Avrei voluto andarmene, ma non avrei saputo come: non potevo andare da nessuna parte e non riuscivo più a vedere nessuno della mia famiglia”.

John Christopher Smith ha iniziato come lavapiatti e cameriere quando aveva 12 anni: non c’era mai stato alcun problema fino al giorno in cui è subentrato il nuovo proprietario, Bobby Paul Edwards. Il caso era diventato di dominio pubblico nel 2014, quando un cliente abituale aveva notato le cicatrici sul suo corpo di Smith e avvisato la polizia.

Mondo
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles